Imparare a guardare

Gran parte dell’estetica occidentale si basa sul senso della vista. Ma essere in grado di vedere non basta. Occorre esercitare lo sguardo per poter godere appieno dell’arte, e del mondo. Abbiamo allora selezionato qualche strumento utile, dai saggi alle testimonianze, fino ad alcuni esempi di godibilità più o meno immediata.

Ai Weiwei - Weiwei-isms - Princeton U.P.

SGUARDI PERICOLOSI
Cita il Libretto Rosso di Mao. Solo che ha la copertina nera e il titolo inciso in color oro. Sono aforismi e statement di Ai Weiwei, l’artista e architetto noto per le noie giudiziarie con il sistema giuridico cinese. In italiano è disponibile anche la traduzione del suo blog, edito da Johan & Levi.
Ai Weiwei – Weiwei-isms – Princeton U.P.
http://press.princeton.edu/

Raffaella Scrimitore - Le origini dell’animazione italiana - Tunué
Raffaella Scrimitore – Le origini dell’animazione italiana – Tunué

LEGGERE CIÒ CHE SI VEDEVA
I primi film d’animazione italiani? I fratelli Dinamite e La rosa di Bagdad. Risposta errata. La Scrimitore dimostra come la storia (del cinema) possa essere approfondita e in parte riscritta. E presenta tutto ciò che sulle pellicole fu impresso dal 1911 al 1949, anno della proiezione dei cartoon succitati.
Raffaella Scrimitore – Le origini dell’animazione italiana – Tunué
http://www.tunue.com/

Giuseppe e Giovanna Panza collezionisti - Silvana Editoriale
Giuseppe e Giovanna Panza collezionisti – Silvana Editoriale

L’OCCHIO DEL COLLEZIONISTA
Qual è la sua passione?”. “Osservare”. Sta (quasi) tutta qui la ricchezza intellettuale di Giuseppe Panza. La voce di uno fra i collezionisti più importanti del nostro Paese, e quella della moglie Giovanna, al microfono di Philippe Ungar. Per attraversare la vicenda di chi ha collezionato l’incollezionabile.
Giuseppe e Giovanna Panza collezionisti – Silvana Editoriale
http://www.silvanaeditoriale.com/

Lewis Carroll - Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie - Orecchio acerbo
Lewis Carroll – Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie – Orecchio acerbo

OLTRE LO SPECCHIO
Il testo è il classico del 1865 nella traduzione di Milli Graffi. Ma i disegni, i disegni… Il vivacissimo editore romano Orecchio acerbo pubblica nientemeno che le visioni di Yayoi Kusama, ovvero disegni, certo, ma anche incursioni tipografiche, commenti retinici, inserti optical e naturalmente tanti pois.
Lewis Carroll – Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie – Orecchio acerbo
http://www.orecchioacerbo.com/

Giorgio Bonomi - Il corpo solitario - Rubbettino
Giorgio Bonomi – Il corpo solitario – Rubbettino

INTROSPEZIONI PUBBLICHE
Guardare se stessi, uno degli atti più complessi. E magari immortalarlo: è l’autoscatto. Bonomi ne indaga storia e metodo e poetica nella fotografia contemporanea, in un libro riccamente illustrato che comprende 700 artisti e quarant’anni di scatti. Fra i capitali più interessanti, quello sul corpo assente.
Giorgio Bonomi – Il corpo solitario – Rubbettino
http://www.rubbettino.it/

Pierre Schneider - Louvre, mon amour - Johan & Levi
Pierre Schneider – Louvre, mon amour – Johan & Levi

GUARDARSI INDIETRO
Nel 1967 lo storico dell’arte Pierre Schneider invita al Louvre: Chagall, Sam Francis, Giacometti, Miró, Barnett Newman, Riopelle, Soulages, Saul Steinberg, Bram van Velde, Maria Elena Vieira da Silva e Zao Wou-Ki. In quelle sale ormai non c’è più nulla di interessante? Undici dialoghi per scoprirlo.
Pierre Schneider – Louvre, mon amour – Johan & Levi
http://www.johanandlevi.com/

Stefano Cerio - Vice versa - Contrasto
Stefano Cerio – Vice versa – Contrasto

AGUZZA LA VISTA
Piste da sci e impianti di risalita; piscine e scivoli di acquapark; bar e teatri, ponti e scale di navi da crociera. Sono i soggetti dell’ultimo, tripartito volume del fotografo Stefano Cerio. Soggetti dai quali la presenza umana è escissa, mentre gli scenari sono colti in momenti disfunzionali: piscine vuote, seggiovie in notturna…
Stefano Cerio – Vice versa – Contrasto
http://www.contrastobooks.com/

Sandra Rendgen - Information Graphics - Taschen
Sandra Rendgen – Information Graphics – Taschen

SUPPORTI ALLA VISIONE
Della mania infografica abbiamo già parlato e praticato su Artribune Magazine. Taschen ha sfornato uno dei suoi volumoni sull’argomento, con un approccio anche storico che parte da Lascaux e dagli Antichi Egizi. Per poi passare a esempi suddivisi negli insiemi Location, Time, Category e Hierarchy.
Sandra Rendgen – Information Graphics – Taschen
http://www.taschen.com/

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #12

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.