Tel Aviv. Oltre la Città Bianca

Tel Aviv va oltre la sua White City, 4mila edifici modernisti ormai patrimonio dell’Unesco, e si fa strada come capitale culturale di Israele. Questa nuova rinascita passa soprattutto attraverso l’architettura, dagli ormai rinomati musei inaugurati in questi anni al primo edificio Leed nazionale, fino a interventi più piccoli, ma che portano in sé il segno della ricerca di una nuova realtà.

Richard Meier & Partners Architects - Rothschild Tower - Tel Aviv
Richard Meier & Partners Architects - Rothschild Tower - Tel Aviv

ROTHSCHILD TOWER
Una torre d’avorio nel cuore di Tel Aviv, tra Rothschild Boulevard e Allenby Street, simbolo e icona della rinascita architettonica della città, sarà completata nel 2013 a firma di Richard Meier. La Rothschild Tower è situata in uno degli indirizzi più rinomati di Tel Aviv e, pur essendo ben lontana, purtroppo, dal fascino della vicina Città Bianca, rimane comunque simbolo dei nostri tempi. La città aspetta con interesse l’ombra dei 37 piani dell’edificio, in perfetto stile meieriano, totalmente rivestito in vetro, bianco e puro, anche se ben pochi potranno permettersi uno dei suoi lussuosissimi appartamenti e uffici. Rimane comunque la piazza all’ombra dei grandi sbalzi in vetro, dinamico spazio urbano aperto ai cittadini.
Project: Richard Meier & Partners Architects
Year: 2013
Location: Sderot Rothschild
Status: on going

Geotectura - Porter School of Environmental Studies - Tel Aviv
Geotectura – Porter School of Environmental Studies – Tel Aviv

PORTER SCHOOL
La Porter School of Environmental Studies sarà il primo edificio Leed platinum d’Israele, ma il suo obiettivo principale non è tanto ambientale quanto educativo. Conosciamo le cattive abitudini in città come Tel Aviv, dove la voglia di lusso vince su tutto e ci si protegge dai 40 gradi estivi e dalle ampie vetrate con invasivi sistemi di condizionamento. Quest’edificio vuole spiegare che un altro modo è possibile, che unire valori ecologici ed estetici è l’unica via, e lo spiega coi fatti. La facciata principale è, oltre che elemento scultoreo simbolo dell’edificio, elemento fondamentale per l’illuminazione e la ventilazione naturale e  soprattutto è collettore di acqua piovana. Israele infatti vanta mesi di grandi piogge, ma molti anche di siccità. Oltre ai giardini verticali, anche il tetto è verde e ospita i pannelli solari che contribuiscono come fonte energetica, mentre un sistema interno regola i consumi e li riduce. Naturalmente pochi parcheggi, per disincentivare l’uso dell’auto, qui diffusissimo, e incoraggiare gli studenti ciclisti. Praticamente un manuale per l’architettura sostenibile.
Project: Geotectura
Year: 2013
Location: Ramat Aviv
Status: on going

Preston Scott Cohen - Tel Aviv Museum of Art
Preston Scott Cohen – Tel Aviv Museum of Art

TEL AVIV MUSEUM OF ART
Nel 2011 c’è stato il grande opening del Tel Aviv Museum of Art di Preston Scott Cohen, ma da anni in molti – municipalità, cittadini, critica – aspettavano di vederne la realizzazione. L’intero complesso a ridosso del preesistente museo brutalista di Dan Eytan comprende gallerie dedicate all’arte israeliana, al design e all’architettura, il photography study center, spazi dedicati alle mostre temporanee, la nuova biblioteca e l’auditorium. L’intervento ha risolto il problema di coniugare spazi sterili e puliti adatti a ospitare opere d’arte con l’elemento d’eccezione, barocco, che ogni museo contemporaneo sembra dover avere per essere annoverato ai posteri, con un’interessante soluzione che vede le scatole bianche dei vari piani inclinarsi e lasciare alla hall centrale alta 26 metri il compito di stupire lo spettatore. All’esterno lo spazio si contorce in una forma plastica in cui 465 pannelli triangolari in cemento di diverse dimensioni si incastrano, regalando una superficie che ha in sé la monumentalità dei vicini edifici modernisti e il sorprendente tocco contemporaneo.
Project: Preston Scott Cohen Inc.
Year: 2011
Location: Sderot Sha’ul HaMelech 27
Status: completed
Photo: Amit Geron

Sharon Architects & Ranni Ziss Architects - Sammy Ofer Heart Building - Tel Aviv
Sharon Architects & Ranni Ziss Architects – Sammy Ofer Heart Building – Tel Aviv

SAMMY OFER HEART BUILDING
600 mq racchiusi in un cubo di vetro di 69 metri di altezza. Questo il nuovo centro cardiologico Sammy Ofer disegnato da Sharon Architects & Ranni Ziss Architects. L’edificio, vicino allo storico Ichilov Hospital, racchiude in sé un nuovo concetto di ricezione ospedaliera, dove la forma architettonica va a unirsi alla ricerca sociologica volta a dare al paziente il ruolo centrale. La forma bianca, che richiama la White City, è alterata nei prospetti da rosse finestre rettangolari, che pongono l’accento sulla connessione del paziente con lo spazio urbano, così come fanno i due piani di galleria commerciale affacciata sulla grande Weizman Street, che ospita caffè, negozi, un piccolo teatro e crea uno spazio di socialità per pazienti e visitatori. Lo stesso spazio interno all’edificio, un po’ più privato, è comunque attraversato in tutta l’altezza da scale e ponti rossi, che come arterie connettono i diversi piani dell’edificio lasciando aperte connessioni visive e fisiche. Il fatto che questo sia il primo edificio ospedaliero costruito in Israele senza recinzioni ci fa capire come in questa occasione la libertà e il benessere dei cittadini abbia vinto sul resto.
Project: Sharon Architects & Ranni Ziss Architects
Year: 2011
Location: Weizman Street
Status: completed

Mayslits Kassif Architects - Arlozorov Community Campus - Tel Aviv
Mayslits Kassif Architects – Arlozorov Community Campus – Tel Aviv

REMEZ-ARLOZOROV COMMUNITY CAMPUS
L’intero complesso dello Arlozorov Community Campus progettato da Mayslits Kassif Architects, che comprende una torre residenziale, un centro sportivo, un’ala educativa e un auditorium, ruota intorno a uno spazio pubblico che esprime il punto di partenza di questo centro comunale: la socialità tra i cittadini. Il primo edificio, completato nel 2009, è il The Mina & Everard Goodman Educational Campus & Municipal Offices, un corpo lungo 100 metri e bianco, colore principe nella città, che si rapporta con il giardino attraverso un sistema filtrante in legno ispirato ai tradizionali brise-soleil di Tel Aviv. La luce penetra nell’edificio ai vari piani con diverse intensità, creando un ambiente stimolante e giocoso. Un’interpretazione contemporanea e sicuramente ben riuscita dei vicini edifici modernisti.
Project: Mayslits Kassif Architects
Year: 2010
Location: Arlozorov Street
Status: completed

Ron Arad - Design Museum - Holon
Ron Arad – Design Museum – Holon

DESIGN MUSEUM HOLON
Il Design Museum di Holon è un oggetto scultoreo tra i migliori creati da Ron Arad. Inaugurato nel gennaio del 2010 a pochi chilometri dalla periferia sud di Tel Aviv, è il primo museo nazionale del design ed è stato commissionato nel 2003 e costruito dal 2006 interamente con fondi pubblici. 500 mq la galleria principale, 300 la secondaria e altre due mini-gallerie, oltre a numerosi spazi ricavati nel suggestivo percorso espositivo interno-esterno, il tutto avvolto in 5 larghe fasce in Cor-Ten di diversa gradazione cromatica, prodotte in segmenti in Italia e montate in loco. Un intervento tra i più significativi, esempio di quanto la rinascita artistica e culturale di Israele in questi anni sia passata attraverso l’architettura.
Project: Ron Arad
Year: 2010
Location: Armon Yam, Holon, Israel
Status: completed

Federica Russo

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #11

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Federica Russo
Federica Russo (Lecce, 1983) è architetto e scrittrice freelance. Dal 2006 a oggi ha collaborato nella redazione e scritto articoli per diverse testate d’architettura tra cui presS/Tletter, presS/Tmagazine, Artribune sezione architettura, Compasses, L’Arca. Si è laureata presso l’Università “la Sapienza”, Roma, in Architettura d’interni e Arredamento nel 2006 e in Architettura U.E. nel 2010. Ha già collaborato come architetto in vari studi tra cui Massimiliano Fuksas Architetto. Dal 2009 a oggi è socio dell’AIAC Associazione Italiana di Architettura e Critica diretta da Luigi Prestinenza Puglisi e componente del laboratorio presS/Tfactory per l’organizzazione di eventi, workshop, mostre e altre iniziative culturali d’architettura. Coautrice del blog TheNewArchinTown dedicato ai più importanti eventi di design e architettura.