I Magnifici 9. Allegro, adagio, andante

Toni e colori di un weekend di fine inverno a Chelsea. Fra gallerie che posticipano il vernissage (ma dicono di avere avvertito “tutti”), artisti che sono di cattivo umore e comunicati stampa col dono del romanzesco. Questa volta la selezione newyorchese è firmata da Luca Labanca.

Coke Wisdom O’Neal @ Mixed Greens Gallery

 

Lo chiamavano Superstorm Sandy. Il 29 ottobre 2012 lo studio di Coke Wisdom O’Neal impara alla lettera il significato di “ciclone post-tropicale”. Lavori distrutti da mandare al macero? Anzichenò. Anche l’imprevisto è prevedibile – talvolta auspicabile –, riciclabile e, possibilmente, monetizzabile. La coesione visiva e ideale della mostra da Mixed Greens è fuor di dubbio, così come il carico di pathos che dall’esperienza singola si trasmette al vissuto della città intera. Rimane da valutare la bontà effettiva dell’opera, il valore curioso dei colori virati. La nota “interferenza del caso” suona piuttosto familiare.
mixedgreens.com

 

Gaetano Pesce @ Fred Torres
Gaetano Pesce @ Fred Torres

Fred Torres parla italiano. Sono le opere di Gaetano Pesce che sillabano la natura varia della cultura nostra. Melius abundare quam deficere. I tre ambienti della galleria concedono quattro ripidi passi tra i disegni Anni Settanta, il video con relativa maquette, le sculture legno, quelle in resina o in resina e metallo. Parla italiano anche il buon manipolo di italiani e italo-americani che presenziano all’inaugurazione. E parlerebbe italiano anche Gaetano Pesce se non fosse d’obbligo il condizionale, l’artista sarebbe stato presente non fosse stato per il misunderstanding che ne ha compromesso l’umore ideale.
www.fredtorres.com

Duane Michals @ Dc Moore Gallery
Duane Michals @ Dc Moore Gallery

Serio e faceto. La Dc Moore è decisamente una galleria seria. Sono serie le stampe al collodio di due secoli fa’ che Duane Michals reinventa, seri i ritratti impettiti, serissimo quello di James Joyce. Sono seriamente gioiosi gli interventi a olio che donano nuova vibrante linfa agli originali bicromi. Divertita è l’indistinta natura dell’artista in equilibrio tra fotografia e pittura. Un affermato 82enne che ha voglia di ripensarsi è spassosissimo, soprattutto quando preferisce a un ritratto ufficiale un irresistibile siparietto di volti. Il nodo della questione è: se a New York, nel 2013, prima di farsi fotografare l’artista appura che il giornale che pubblicherà le sue foto non è di Berlusconi, è una faccenda seria o faceta?
www.dcmooregallery.com

 

Luhring Augustine
Luhring Augustine

No images available. “Abbiamo avvisato tutti i siti che l’opening della mostra sarebbe stato posticipato”, ribatte mortificato l’assistente ai giornalisti che bussano alla porta della Luhring Augustine Gallery, drammaticamente desolata. Buon vecchio fraintendimento, capita anche qui, perché anche Chelsea è paese, ma solo talvolta.
www.luhringaugustine.com

 

D-L Alvarez @ Derek Eller Gallery
D-L Alvarez @ Derek Eller Gallery

Pif e il video bluff. Chi non ha visto la puntata de Il testimone sull’arte contemporanea? Qualcuno ricorderà il cruccio del vj di Mtv rispetto all’arte su schermi e teleschermi? Ecco, sarebbe tanto sfizioso vedere il nostro Pierfrancesco Diliberto alle prese col video The Visitor Owl del californiano D-L Alvarez presentato alla Derek Eller Gallery. No, questo non è basso qualunquismo, è cultura generale applicata.
derekeller.com

 

Justin Matherly @ Paula Cooper Gallery - photo Steven Probert
Justin Matherly @ Paula Cooper Gallery – photo Steven Probert

Sulle spalle di giganti. Paula Cooper ospita una bella mostra di Justin Matherly, la prima dell’artista newyorchese con la galleria sulla 21th. Due territori coesistono e collimano: una serie di stampe e il corpo imponente della scultura in cemento. Matherly fraintende accuratamente l’originale rilievo in pietra per dar vita a un’opera che eccede il culto dell’oggetto per diventare oggetto di culto. (Per la foto qui sopra, l’inflessibile galleria, che distribuisce solo foto ufficiali, richiede la menzione di questa breve didascalia: Installation view from Justin Matherly, All industrious people, Paula Cooper Gallery New York © Justin Matherly. Courtesy Paula Cooper Gallery, New York. Photo Steven Probert.)
paulacoopergallery.com

 

Rona Pondick @ Sonnabend Gallery
Rona Pondick @ Sonnabend Gallery

Sua maestà. In un ideale casato reale delle gallerie, la Sonnabend non potrebbe mancare. La mostra di Rona Pondick conferma un media d’eccellenza, ed è anche questione di numeri. L’artista non esponeva dal 2006, sei anni di lavoro hanno condotto a opere perfette nella forma, solidissime nel contenuto; radici ben piantate nella cultura occidentale. Inutile divagare in rimandi e assonanze; da non perdere.
sonnabendgallery.com

 

Brazilian Customs Snafu @ Andrew Edlin Gallery
Brazilian Customs Snafu @ Andrew Edlin Gallery

Fucked up Snafu. Curiosi intrecci della comunicazione contemporanea; un comunicato stampa abbandona il registro grigio da addetti stampa per aprirsi a un intreccio dai toni romanzeschi. Dunque, alla Andrew Edlin inaugura Brazilian Customs Snafu. Bisogna sapere che ‘snafu’ significa ‘situation normal all fucked up’ in relazione ai problemi burocratici che hanno impedito ad Alcides Pereira dos Santos, artista, di partecipare alla Outsider Art Fair. In mostra non appare solo il nostro dos Santos, bensì altri quattro artisti, che però col Brasile non c’entrano, e nemmeno con le dogane brasiliane. Scopriamo che Rigo 23 è un portoghese con la mania dei droni militari, il secondo un macellaio di Houston che disegna macchine volanti, il terzo un orfano olandese che ha trovato nell’arte una cura per i suoi problemi comportamentali infantili e l’ultimo è capace di risolvere a mente complessi calcoli matematici relativi ai giorni della settimana. In merito alle opere, ci appelliamo al libero arbitrio degli utenti.
edlingallery.com

 

David Diao @ Postmasters Gallery
David Diao @ Postmasters Gallery

Gelidi tracciati mentali. David Diao e Postmasters Gallery staccano il biglietto dell’11esima esposizione assieme. TMI – Too much information è una selezione di opere dal ’91 dell’artista di origine cinese. L’artista e il gioco delle parti, il sistema e il gioco dell’artista, il gioco del sistema dalla parte dell’artista, il sistema nella parte dell’artista. Ottima per gli affezionati del genere.
www.postmastersart.com

Luca Labanca

CONDIVIDI
Luca Labanca
Luca Labanca si muove nel 2006 da Varese a Bologna per iniziare il percorso di studi del DAMS, curriculum Arte. Negli anni di residenza bolognese collabora stabilmente col bimestrale d’arte e cultura ART Journal, contemporaneamente idea e sviluppa progetti ed eventi di contaminazione culturale tra il Lago Maggiore e Lugano assieme allo scrittore e musicista Tibe. Nel 2010 ottiene la laurea con la tesi Fiat Lux sviluppata al fianco della docente in Semiotica dell’Arte, Prof.ssa Lucia Corrain. Nell’ottobre dello stesso anno si trasferisce a Roma per intraprendere il percorso magistrale in Studi storico artistici dell’Università la Sapienza, fin dai suoi esordi partecipa al progetto editoriale Artribune.