Mercanti nel tempio

La figura del mercante d’arte è basilare per la nascita di quel che, dopo qualche decennio, si chiamerà sistema dell’arte contemporanea. In un momento di crisi profonda come questa, toccare questi tasti può essere salutare. Risalendo alle origini e osservando qualche best practice. E alcuni “storici” personaggi, dall’Italia all’India.

Roberto Gramiccia - Slot Art Machine - DeriveApprodi

TEORIA DEL PARTIGIANO
Il punto di vista di Roberto Gramiccia è chiaro e delineato, e lo testimonia il fatto che il suo libro esca per DeriveApprodi. Se non bastasse, si legga il sottotitolo: Il grande business dell’arte contemporanea. Di critica militante ne abbiamo bisogno, ora più che mai. Di quella competente, appassionata, estrema.
Roberto Gramiccia – Slot Art Machine – DeriveApprodi
http://www.deriveapprodi.org/

Ambroise Vollard - Memorie di un mercante di quadri - Johan & Levi
Ambroise Vollard – Memorie di un mercante di quadri – Johan & Levi

IL PRIMO MERCANTE
Siamo a cavallo fra Otto e Novecento, a Parigi, dove si determinano le sorti dell’arte contemporanea. E dove comincia a delinearsi il sistema. Ancora c’è spazio per figure che assumono su di sé ruoli diversi. Una di queste è Ambroise Vollard, mercante, gallerista, editore. La sua autobiografia si legge d’un fiato.
Ambroise Vollard – Memorie di un mercante di quadri – Johan & Levi
http://www.johanandlevi.com/

Mario Diacono - Archetypes and Historicity - Silvana Editoriale
Mario Diacono – Archetypes and Historicity – Silvana Editoriale

COLLEZIONI MUSEALI
Qualcuno dice che la Collezione Maramotti è il (non)museo più interessante d’Italia. Merito del gusto e della lungimiranza del patron di Max Mara, ma pure dell’intelligenza e dell’occhio di Mario Diacono. Che a Reggio Emilia cura La pittura come forma radicale (fino al 3 febbraio) e vi affianca un corposo volume di scritti.
Mario Diacono – Archetypes and Historicity – Silvana Editoriale
http://www.silvanaeditoriale.it/

Corrado Levi - Non c’è posto per la polvere - et al.
Corrado Levi – Non c’è posto per la polvere – et al.

MULTIVERSO LEVI
L’incarnazione della poliedricità, uno schiaffo ai presunti specialisti. La dimostrazione che si può fare molto e bene. Corrado Levi è architetto, artista, critico d’arte, curatore, docente. E collezionista di gran raffinatezza. Oltre che scrittore dotato di una penna sopraffina. In questo libro ne trovate tre declinazioni.
Corrado Levi – Non c’è posto per la polvere – et al.
http://www.etal-edizioni.it/

VAF Stiftung - Silvana Editoriale
VAF Stiftung – Silvana Editoriale

ITALIANI IN TRASFERTA
Siamo un Paese che credo poco a se stesso. Fortunatamente ovvia qualcuno dall’estero. Ad esempio la Fondazione VAF per la promozione dell’arte italiana contemporanea. Sede a Francoforte, forte legame col Mart, alle sue spalle la pubblicazione di importanti cataloghi ragionati. E ora anche quello della propria collezione.
VAF Stiftung – Silvana Editoriale
http://www.silvanaeditoriale.it/

Elio Grazioli - La collezione come forma d’arte - Johan & Levi
Elio Grazioli – La collezione come forma d’arte – Johan & Levi

LA COLLEZIONE COME OPERA
Da un lato si assiste all’estrema specializzazione in ogni campo dello scibile umano, dall’altro a rimescolamenti di carte che talora innescano processi interessanti. È il caso del collezionista che diviene artista e dell’artista che costruisce ed espone collezioni. Un viaggio accidentato in compagnia di Elio Grazioli.
Elio Grazioli – La collezione come forma d’arte – Johan & Levi
http://www.johanandlevi.com/

Anne Sinclair - 21, rue La Boétie - Skira
Anne Sinclair – 21, rue La Boétie – Skira

L’ARTE E IL NAZISMO
Al 21 di rue La Boétie aveva sede la galleria di Paul Rosenberg. Incontriamo così un secondo nome fondamentale nella nascita del moderno sistema dell’arte contemporanea. Perché lui faceva le veci di artisti del calibro di Picasso e Braque. Almeno fino al giugno del ’40, quando la minaccia nazista lo portò oltre l’Atlantico.
Anne Sinclair – 21, rue La Boétie – Skira
http://www.skira.net/

Durva Gandhi - Secrets of the Art Millionaires - Breathe Arts
Durva Gandhi – Secrets of the Art Millionaires – Breathe Arts

IL MERCATO INDIANO
Con il boccheggiare dei mercati “storici” si parla con sempre maggior interesse di quelli emergenti. E da quelle lande provengono riflessioni approfondite sullo stato del sistema. Come a dire: non siamo solo polli da spennare. Ne è la prova questo ebook (per i tradizionalisti esiste anche in versione stampata).
Durva Gandhi – Secrets of the Art Millionaires – Breathe Arts
http://www.breathearts.com/

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #10

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.