Lezioni di regia israeliana. Alla Casa del Cinema di Roma

Nella capital torna il Festival di cinema ebraico, ormai alla sua ottava edizione. A fare da protagonista, “La sposa promessa” di Rama Burshtein. Appuntamento dal 3 al 7 novembre.

Joseph Cedar - Footnote

L’agenda festivaliera romana avanza. Questa volta è il turno del Pitigliani Kolno’a Festival, evento che si focalizza sul cinema ebraico e israeliano in tutte le sue declinazioni. I direttori artistici Ariela Piattelli e Dan Muggia hanno organizzato un’edizione speciale, ricca di titoli che negli ultimi due anni hanno riscosso successo di critica e pubblico nei festival di mezzo mondo, a partire da La sposa promessa (Fill the Void). Opera prima di Rama Burshtein, sarà presentato al festival da Hadas Yaron, vincitrice della Coppa Volpi come miglior attrice all’ultima Mostra del Cinema di Venezia. Il film, quasi interamente girato in un appartamento di Tel Aviv, è stato scelto da Israele per concorrere ai prossimi Premi Oscar e sarà distribuito in Italia dalla Lucky Red.
La serata inaugurale, invece, sarà affidata a Footnote di Joseph Cedar, vincitore del premio per la migliore sceneggiatura al 64esimo Festival di Cannes, vincitore di nove Ophir Awards e candidato ai Premi Oscar nel 2011. Si tratta di una tragicommedia con il tema dello scontro padre/figlio sullo sfondo dei rigidi principi del Talmud a Gerusalemme. Assolutamente da non perdere il film di Eran Kolirin, The Exchange. In concorso alla 68. Mostra di Venezia, è una specie di “manuale metafisico-cubista di approccio alla vita“. Le giornate ripetitive del dottorando Oded prendono all’improvviso una nuova luce. La sinistra impressione è che la vita delle persone, come le case che loro abitano, siano una variante di un destino comune quanto ironicamente inquietante. Allora ecco che una pioggia di polvere in controluce diventa uno spettacolo tra i più conturbanti. Gli angoli di osservazione si capovolgono e il mondo assume una nuova affascinante forma prometeica.

Rama Burshtein – La sposa promessa (Fill the Void)

Tre i bio-documentari su registi ebrei nella sezione Storie di Cinema dedicati a Roman Polanski, Woody Allen e Stanley Kubrick. Tanti i documentari recenti come Profughi a Cinecittà di Marco Bertozzi, che racconta di quando, nel 1944, migliaia di uomini, donne e bambini, scampati alla guerra e ai campi di concentramento, trovarono rifugio negli studios di Cinecittà; o The Last Flight of Petr Ginz di Sandy Dickson e Churchill Roberts. Nel 2003 l’astronauta israeliano Ilan Ramon decise di portare con sé, nello spazio, un disegno di un bambino ucciso ad Auschwitz. La missione aerospaziale si concluse in tragedia.
Infine per il secondo anno consecutivo si terrà un laboratorio per le professioni del cinema per un confronto diretto Isreale-Italia. Ospite d’onore sarà il Dipartimento di Cinema e Televisione dell’Università di Tel Aviv.  Tra i laureati in questo dipartimento si ricordano Ari Folman (Valzer con  Bashir), Hagai Levi (In Treatment), Eytan Fox (Camminando sull’acqua), Yaron Shani (Ajami) e Savi Gavizon (Nina’s Tragedies). Undici volte i film del dipartimento hanno partecipato a Cinefondation, il concorso del Festival di Cannes dedicato agli studenti, diventando così la scuola più rappresentata al mondo. Sei film degli studenti della scuola sono stati finalisti al Premio Oscar e l’Associazione Internazionale delle scuole di cinema CILECT le ha conferito per tre volte il premio come Migliore Scuola.

Federica Polidoro 

www.pitiglianikolnoafestival.it

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • Marino

    Mi interessa il manuale metafisico…