All’ombra delle colonne. Una residenza nella Valle dei Templi

Domenico Sciajno e Sergio Zavattieri sono i protagonisti di “Divinazioni/Divinations”. Ovvero della prima residenza d’artista alla Valle dei Templi di Agrigento. Quando l’Italia riesce a far tesoro del proprio passato, per costruire il futuro.

Domenico Sciajno durante il field recording al Tempio della Concordia

Divinazioni/Divinations  è un programma di residenze d’artista ideato da Giusi Diana e prodotto dal parco della Valle dei Templi di Agrigento. Domenico Sciajno (Torino, 1965) e Sergio Zavattieri (Palermo, 1970) sono stati invitati dalla curatrice palermitana a risiedere nella ottocentesca Villa Aurea per tre settimane. È la prima volta che il sito archeologico della Valle dei Templi di Agrigento – dichiarato patrimonio Unesco –  si propone come luogo di produzione di arte contemporanea e lo fa con la formula del public studio visiting, soluzione che durante la residenza ha dato modo al pubblico di poter accedere agli atelier degli artisti e interagire con il loro lavoro.
Lo scenario che i due artisti hanno avuto davanti nei ventuno giorni di permanenza è così caratteristico e unico da rappresentare un forte condizionamento culturale/estetico a cui non è facile sottrarsi. Nel sito, nello stesso periodo, sono presenti le nove torri/installazioni di Fabrizio Plessi che, nonostante l’esperienza e il talento, non riesce totalmente a discostarsi dall’influenza del luogo e rischia di apparire didascalico.
Zavattieri e Sciajno si immergono completamente nella storia e nell’atmosfera del parco, ne vivono giorno e notte i ritmi e la luce, si aggirano, fotografando e registrando suoni, fra templi e culti sospesi nel tempo. Nascono, così, due opere assai diverse per stile, mezzi e ispirazione: Continuum e Morphedia.

Villa Aurea – Agrigento

La prima, opera del fotografo palermitano, porta in mostra la luce, la storia e lo sguardo di sir Alexander Hardcastle, capitano della Royal Navy che di Villa Aurea fece la sua dimora. Ispirandosi alle gesta del condottiero inglese, che finanziò numerosi scavi, produce una serie di scatti che richiamano alla memoria la fotografia archeologica del XIX secolo. Una fotografia in pellicola analogica che Zavattieri modifica in post-produzione con filtri dai toni seppia, rendendo attuale e antico, allo stesso tempo, lo sguardo malinconico dell’illustre capitano.Sir Hardcastle, dopo un fallimento finanziario, morì nel manicomio della città, ed è ad Agrigento che ancor oggi è seppellito; alcune immagini di Continuum mostrano la sua tomba, scelta iconografica che ha creato nei giorni afosi dell’estate siciliana uno straordinario pellegrinaggio di matrice romantica al tumulo del britannico capitano.
Tutt’altra atmosfera si respira nella stanza adiacente, dove Domenico Sciajno, sound artist torinese di nascita e palermitano d’adozione, ci accoglie in una dark room con la sua installazione site specific. Quattro strutture metalliche formano Morphedia, spazializzazione video/sonora attraversabile, il cui perimetro ricorda quello della sezione aurea; i suoni emanati dai subwoofer sono stati raccolti dall’artista durante le passeggiate sonore svolte nei giorni di residenza. L’opera è immersiva e la fruizione dello spazio nel buio risulta deformata dalla suggestiva combinazione di proiezioni e suoni.

Divinazioni/Divinations – Sergio Zavattieri / Domenico Sciajno – veduta della mostra presso la Villa Aurea, Agrigento 2012

Il direttore del Parco, Giuseppe Parrello, è entusiasta del progetto: “Quello che per noi è importante”, dichiara ad Artribune, “è riuscire a dare un’immagine viva del parco della Valle dei Templi, una nuova identità che non coincida solo con quella stereotipata della cartolina turistica”. Quanto alla curatrice Giusi Diana: “Il progetto nasce a partire da un luogo denso di memorie e suggestioni come pochi, che necessita però di una riscrittura in chiave attuale. Si tratta di riallacciare un filo interrotto agli inizi del Novecento, quando artisti-viaggiatori provenienti da tutto il mondo traevano dal rapporto con quel paesaggio ‘classico’ infiniti motivi di ispirazione per reinterpretarlo alla luce della sensibilità contemporanea. Poi vennero le avanguardie storiche e la loro iconoclastia, un furore ben rappresentato dalle parole dei futuristi. Ma ritengo che il rapporto tra passato e presente sia uno dei  nodi centrali nella ridefinizione di un processo identitario che nel nostro Paese ha subito per troppo tempo una sudditanza da certi modelli importati dalla cultura americana. È proprio in un momento di crisi identitaria come quello che stiamo attraversando che ripartire dalla nostra storia per trarne nuova linfa diventa atto etico, prima ancora che estetico”.

 

Katiuscia Pompili

Agrigento // fino all’11 gennaio 2013
Divinazioni/Divinations – Sergio Zavattieri / Domenico Sciajno
a cura di Giusi Diana
VILLA AUREA
Via Panoramica dei Templi
0922 621611
[email protected]
www.parcovalledeitempli.it

CONDIVIDI
Katiuscia Pompili
Nata a Catania, ha studiato a Napoli Conservazione ai Beni Culturali all’Università Suor Orsola Benincasa laureandosi con una tesi in arte contemporanea su Nan Goldin. Fa parte del gruppo di curatori usciti dalla scuola salernitana dei critici Angelo Trimarco e Stefania Zuliani tra cui Eugenio Viola, Antonello Tolve, Maria Giopvanna Mancini e Stefano Taccone. Ha svolto un primo stage alla galleria T293 di Napoli e si è quindi trasferita a Torino dove ha vissuto due anni abilitandosi all’insegnamento della Storia dell’Arte e frequentando sia gli ambienti del sistema dell’arte sia quelli indipendenti e sperimentali. Ha vissuto a Valencia dove a collaborato con la storica galleria Puchol. Attualmente vive tra Catania e Palermo dove svolge attività di indipendent art curator e free lance per riviste di settore come Tribe Art e Artribune e webzine indipendenti come Clap Bands Magazine; frequenta un master in Conservazione delle opere d’arte contemporanee all’ Accademia di Palermo. Ha recentemente iniziato a collaborare come curatore per BOCS e ha fondato Parking 095, contemporary space no profit e nomade il cui scopo è quello di creare attraverso incontri, studi ed esposizioni una discussione sull’arte contemporanea, anche in Sicilia.
  • Antonio

    Per essere prospera, alla città di Agrigento basterebbe utilizzare turisticamente al meglio i suoi templi (persino più belli di quelli che si trovano in Grecia): altro che speculazioni edilizie, case abusive, attività mafiose…