San Paolo si rinnova

Una delle più grandi megalopoli ha deciso di riorganizzarsi. L’attività architettonica è in fermento e, partendo dall’ampliamento dell’aeroporto, i cambiamenti sono visibili. Una vocazione culturale crescente dà spazio a piccoli e grandi interventi legati al mondo del contemporaneo, mentre spazi ricettivi e abitativi sostenibili si affiancano alla riqualificazione nel tessuto urbano informale.

Herzog e De Meuron - Cultural Complex Luz - 2016 - photo Veneza

CULTURAL COMPLEX LUZ
Un intreccio di bande di tessuto, ecco come appare il progetto. L’intervento – da realizzare entro il 2016 – contribuirà alla riqualificazione di una zona degradata della città, che verrà trasformata nel distretto culturale più grande dell’America Latina. Un programma ambizioso in cui l’edificio fa la sua parte, includendo the São Paulo Dance Company e the Tom Jobim Music School con i suoi 2.000 studenti, the Dance Theatre, the Recital Hall e the Experimental Theatre. Il sistema interseca spazi funzionali e verde, facilitando le relazioni tra i fruitori e le performance che si svolgeranno in spazi in-between.
Project: Herzog e De Meuron
Year: 2016
Location: Luz – República
Status: on going
Photo: Veneza

Biselli+Katchborian Architects – Terminal 3 di Guarulhos – 2014 – photo Milmet Design

TERMINAL 3 DI GUARULHOS
Il flusso dei passeggeri nel più grande aeroporto del Brasile oscillerà tra i 12 e i 19 milioni all’anno. Lo studio Biselli+Katchborian ha dovuto confrontarsi con questi numeri e il risultato è un progetto dallo stampo internazionale e dal carattere monumentale. L’edificio, che comprenderà due volumetrie distinte ma connesse – 230mila mq per il Passenger Terminal e 150mila mq di Parking -, sarà un’imponente struttura dalle linee fluide, adagiata sulla terra quasi per caso. La connessione alla vocazione aerea del progetto è sottolineata dalle linee morbide, mentre il tetto, con un’unica morfologia, si àncora al terreno riflettendo l’orizzontalità del sito e sottolineando la sensazione under-roof.
Project: Biselli+Katchborian Architects
Year: 2014
Location: Guarulhos
Status: on going
Photo: Milmet Design

Hiperstudio + Arkiz – Aliah Hotel – 2014 – photo Estúdio Arkiz Hiperstudio

ALIAH HOTEL
Sarà il primo complesso di green luxury hotel a San Paolo. Il progetto ha vinto il concorso bandito da Aliah, azienda che incentiva progetti con un impatto socio-ambientale sostenibile, e sarà costruito per i Mondiali del 2014. La struttura è un enorme gate d’incontro fra uomo e natura. Adagiato sul lungo lotto traversale alla direzione d’ingresso, un grande asse-copertura funge da portale, incorniciando il paesaggio. L’edificio gioca con viste e prospettive, accompagnando l’ospite attraverso percorsi studiati dall’ingresso al cuore del complesso, un patio segnato da vari corridoi a diverse altezze, sino al tetto verde. L’intervento si propone di ristabilire la connessione società-ambiente, usando l’architettura come strumento per svelare l’altra faccia della sostenibilità, fatta non solo di efficienza energetica.
Project: Hiperstudio + Arkiz
Year: 2014
Location: Campinas
Status: on going
Photo: Estúdio Arkiz Hiperstudio

Metro Arquitetos Associados + Paulo Mendes da Rocha – The New Galleria Leme – 2012 – photo Leonardo Finotti

THE NEW GALLERIA LEME
Il progetto realizzato nel 2004 è stato ricostruito in un lotto vicino per esigenze funzionali. Un processo originale, documentato con un video. Sono due cubi in cemento, alti 9 m, collegati da un ponte sospeso. Muri e pavimenti sono in cemento rinforzato tutti con lo stesso spessore: 15 cm. Luce zenitale e indiretta. Il purissimo esempio di galleria che si mette al servizio della funzione espositiva è il perfetto scenario per le numerose attività della Galleria Leme. L’architettura, questa volta, lascia completamente “spazio” all’arte.
Project: Metro Arquitetos Associados + Paulo Mendes da Rocha
Year: 2012
Location: Rua Agostinho Cantu 88, Butantã
Status: completed
Photo: Leonardo Finotti

Triptyque – Harmonia 57 – 2011 – photo Nelson Kon

HARMONIA 57
Una vera macchina per vivere che ha in sé una radicale e primitiva eleganza. Lo strano caso di Harmonia 57 è uno degli esempi più originali di architettura contemporanea a San Paolo. Lo studio si trova in un contesto a dir poco speciale: Harmonia Street è nel quartiere ovest di San Paolo, dove ogni galleria, ogni muro diventa palcoscenico per nuove forme di espressione artistica. Formalmente elementare e interiormente un ambiente pulito e semplice, la struttura ha all’esterno una pelle che respira come un organismo vivente. La parete in cemento organico fa crescere al suo interno piante d’ogni tipo, accoglie e  filtra l’acqua piovana, mette in evidenza i tubi degli impianti che servono l’edificio come vene e arterie. Un’estetica unica, a dir poco sorprendente.
Project: Triptyque
Location: Rua Harmonia 564, Sumarezinho
Status: completed
Year: 2011
Photo: Nelson Kon

Isay Weinfeld – Livraria da Vila – 2007 – photo Leonardo Finotti

LIVRARIA DA VILA
Soffitti bassi, toni scuri, luce indiretta e 1.280 metri lineari di scaffali che coprono tutte le pareti. La Livraria da Vila presenta in un volume puro una perfetta e coerente rivisitazione dell’old style del settore. Indagini di mercato testimoniano che i frequentatori di questo genere di shop amano un ambiente caldo e familiare, in cui navigare tra libri e accoglienti divani e poltrone, ma il giovane studio è riuscito a soddisfare le richieste del cliente in maniera non scontata e senza cedere al vintage. L’intervento su preesistenza si rivela rispettoso, e nello stesso tempo crea un ampio open space che dà respiro alla struttura. L’uso di materiali e soluzioni innovative con atmosfere del passato crea un interessante intreccio di antico e contemporaneo, fatto di equilibri ed eleganza.
Project: Isay Weinfeld
Year: 2007
Location: Alameda Lorena 1731, Jardim Paulista
Status: completed
Photo: Leonardo Finotti

Vazquez Junqueira Arquitetura + PAX.ARQ – CAD SP-Centro de Arte Digital – 2012 – photo Vazquez Junqueira Arquitetura + PAX.ARQ

CAD SP – CENTRO DE ARTE DIGITAL
Il futuro CAD SP rispecchia la sua funzione e insieme è rispettoso del contesto storico. Il progetto è un grande prisma di 4.800 mq che sarà connesso con le aree di Square of Arts, Anhangabau’s Valey e Boulevard São João. Ogni scelta progettuale è stata guidata dall’intenzione di renderlo parte del contesto, in continuità con gli edifici esistenti, e nello stesso tempo di farne un landmark building che esprimesse nella sua essenza il concetto di contemporaneità. Il grande ingresso scavato nel volume permette una continuità nel percorso dei pedoni all’interno dell’area e ogni bucatura ai pieni superiori è studiata in relazione alle viste prospettiche interno/esterno. La superficie delle facciate, legata al concetto di pixel, sarà in parte trattata con materiali trasparenti in relazione alle funzioni interne, che si affacceranno sulla piazza, e in parte in materiali opachi e riflettenti, che saranno usati come pannelli informativi all’esterno.
Project: Vazquez Junqueira Arquitetura + PAX.ARQ
Year: 2012
Location: Avenida São João, Campos Eliseos
Status: in progress
Photo: Vazquez Junqueira Arquitetura + PAX.ARQ

Boldarini Arquitetura e Urbanismo – Paraisopolis – 2012 – photo Boldarini Arquitetura e Urbanismo

PARAISOPOLIS
Paraisopolis è parte di un programma di riqualificazione urbana delle favelas: fondamentale per la crescita del Paese, prevede che circa 150mila famiglie possano usufruire di queste opere. Il progetto ha come priorità la messa in sicurezza del rischio geotecnico e successivamente l’intenzione di donare all’area uno spazio pubblico e un edificio multifunzionale che faciliti la socializzazione e lo sviluppo della sentimento di riappropriazione dei luoghi, sia pubblici che privati, utilizzando a questo scopo la coesistenza di usi diversi. Un piccolo passo per un grande problema, ma che è sempre meglio muovere.
Project: Boldarini Arquitetura e Urbanismo
Year: 2012
Location: Grotinho
Status: in progress
Photo: Boldarini Arquitetura e Urbanismo

Federica Russo

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #8

CONDIVIDI
Federica Russo
Federica Russo (Lecce, 1983) è architetto e scrittrice freelance. Dal 2006 a oggi ha collaborato nella redazione e scritto articoli per diverse testate d’architettura tra cui presS/Tletter, presS/Tmagazine, Artribune sezione architettura, Compasses, L’Arca. Si è laureata presso l’Università “la Sapienza”, Roma, in Architettura d’interni e Arredamento nel 2006 e in Architettura U.E. nel 2010. Ha già collaborato come architetto in vari studi tra cui Massimiliano Fuksas Architetto. Dal 2009 a oggi è socio dell’AIAC Associazione Italiana di Architettura e Critica diretta da Luigi Prestinenza Puglisi e componente del laboratorio presS/Tfactory per l’organizzazione di eventi, workshop, mostre e altre iniziative culturali d’architettura. Coautrice del blog TheNewArchinTown dedicato ai più importanti eventi di design e architettura.
  • Antonio

    Da notare l’impegno per le favelas (“Paraisopolis”)

  • Ana Luiza S.Jelmini

    Complimenti…mi piacerebbe sapere sempre sul Brasile…São Paulo,Rio…..
    É pieno de gallerie,mostre,artisti………
    Ana Luiza