Voglia di lavorare…

Per molti, alle vacanze manca ancora un po’. Allora perché non provare ad allietare l’ambiente di lavoro con qualche oggetto creativo? In fondo, la produttività aumenta quando si è di buonumore, no? Ecco una rassegna di prodotti da ufficio non proprio convenzionali.

Shooting Message System

MESSAGGI PERICOLOSI
Gli SMS compiono vent’anni. Per celebrare la ricorrenza, Moleskine, celebre marchio produttore di quaderni e agende, ha lanciato un notebook in edizione limitata che si chiama proprio SMS. La sigla sta per Shooting Message System e il blocchetto è progettato per funzionare da fionda per inviare messaggi analogici sotto forma di bigliettino.
www.moleskine.com

Mummy Mike

ELASTICI EGIZI
Volete esercitarvi nell’antica arte della mummificazione? La cavia ideale si chiama Mummy Mike ed è un omino di plastica verde che se ne sta sdraiato sulla vostra scrivania, pronto a essere avvolto da decine di elastici. Prodotto dall’insuperabile Suck UK, l’omino-mummia è il compagno ideale per le giornate in cui l’ufficio somiglia a una tomba.
www.suck.uk.com

like e dislike

POLLICE RECTO, POLLICE VERSO
Il bottone “non mi piace” su Facebook ancora non c’è, nonostante gli utenti lo richiedano a gran voce già da tempo. Questa coppia di timbri invece contempla entrambe le opzioni: like e dislike. Per esprimere approvazione e disapprovazione anche in analogico, magari su brief e ordini del giorno.
www.jailbreaktoys.com

Workday Recovery Kit

PRONTO SOCCORSO ANTISTRESS
Il Workday Recovery Kit è una scatolina contenente il necessario per riprendersi dopo una dura giornata di lavoro. Contiene un libricino di sedici pagine che suggerisce strategie curative, dei bigliettini con i buoni propositi, un set di cerotti, un braccialetto e un ironico ciondolo a forma di cervello (di riserva).
www.perpetualkid.com

The Knuckle Case

TELEFONATE A MANO ARMATA
A mali estremi, estremi rimedi. In caso di conflitti pesanti con superiori e colleghi, potete sempre contare sul vostro iPhone, trasformato, grazie a questa buffa custodia, in un’arma impropria. The Knuckle Case è realizzato interamente in alluminio ed è un oggetto davvero pericoloso…
www.knucklecase.com

Folders with attitude

CARTELLINE (TROPPO) SINCERE
Nonostante tutte le profezie sulla scomparsa della carta, gli uffici sono ancora pieni di scartoffie. Fogli che vanno archiviati con cura, divisi e ordinati per argomento o in ordine d’importanza. La serie di cartelline Folders with attitude vi aiuta a dare a ogni cosa il suo vero nome. Un esempio di etichetta? “Documenti inutili da sfoggiare per apparire importanti durante le riunioni”…
www.thinkgeek.com

Paper Voodoo

MAGIA NERA DA SCRIVANIA
Chi non ha almeno un collega insopportabile? Qualcuno con cui, nonostante gli sforzi, proprio non si riesce ad andare d’accordo? Per chi sia in vena di atti vendicativi, o soltanto ironicamente liberatori, l’oggetto giusto è Paper Voodoo, un blocchettino predisposto per simulare iatture con pochi tratti di penna.
www.knockknockstuff.com  

Sleep Safe Tape

INGANNI… OTTICI
Il gadget perfetto per le mattinate in cui il sonno prende il sopravvento, magari dopo una nottata non proprio tranquilla. Sleep Safe Tape è la soluzione adesiva per apparire svegli e vigili anche mentre si schiaccia un pisolino. L’inganno ottico è abbastanza convincente, almeno da lontano…
www.thecoolgadgets.com

Time Management Pie Chart Clock

LA VITA OFFLINE
Avete mai la sensazione che la vostra vita “digitale” stia prendendo il sopravvento? A ricordarvi di staccare più spesso la spina da Facebook e Twitter e dare più spazio ad altre attività, magari lontano dal computer, ci pensa Time Management Pie Chart Clock, un orologio fatto a mano e completamente analogico.
www.uncommongoods.com

The Scent of Departure

L’ODORE DEI VIAGGI
Siete bloccati alla scrivania ma sognate di viaggiare in luoghi lontani? The Scent of Departure prova a trasportarvi con l’immaginazione in città come Parigi, Londra, New York e Dubai, utilizzando soltanto… gli odori. L’essenza delle città, racchiusa in una bottiglia di profumo.
www.thescentofdeparture.com

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #7

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.