Pitti Uomo 82. Videoset nei musei, orti (e spaventapasseri) in Fortezza

Da martedì a venerdì, Firenze torna a essere la capitale della moda maschile. 1.059 nomi tra brand e collezioni, alla Fortezza da Basso e in decine di eventi in giro per la città. Coinvolti nella kermesse non solo showroom, boutique e hotel, ma anche le piazze del centro storico, la Galleria degli Uffizi, il circuito dei Musei Civici e il Giardino di Boboli.

Pitti Uomo 81

La moda, il cibo, l’arte, il design, l’ambiente: tutte le eccellenze del made in Italy stanno per confluire nell’82esimo Pitti Uomo, la più prestigiosa manifestazione internazionale dedicata all’abbigliamento e agli accessori maschili. Tema-guida dell’edizione estiva, al via martedì a Firenze, è WonderFood Pitti, un tributo al ruolo culturale del cibo, grazie al quale varcheranno la soglia della fiera in Fortezza – oltre a stilisti, modelli e designer – trenta spaventapasseri.
Nessuno stravolgimento rispetto al loro compito canonico: come natura insegna, dovranno vigilare sugli orti “incredibili, ma veri” germogliati nel piazzale davanti al Padiglione Centrale, secondo il progetto di Oliviero Baldini, artefice di numerosi dei layout espositivi per i saloni di moda fiorentini. A vestirli però non saranno i consueti abiti improvvisati, ma le creazioni di trenta designer internazionali, selezionati tra quelli presenti in fiera.
Il richiamo alla terra e alla naturalità dei suoi prodotti è ulteriormente rafforzato dalla ridefinizione dei punti ristoro, quest’anno proposti in veste di chioschi a cura di alcuni aziende del Taste, la manifestazione gourmet sempre a cura di Pitti Immagine. Si tratta di un invito alla riscoperta dei piatti della memoria collettiva e dei prodotti nazionali di alta qualità, in cui si scorge anche l’invito a una permanenza meno convulsa tra le undici sezioni moda della fiera.

Pitti Uomo 81

Non a caso il concept, sviluppato del team di Archivio Personale, prende il nome Comfort Food. Immancabili pasta, salumi, formaggi e il gelato, preparato con pistacchi DOP di Bronte, nocciole del Piemonte e mandorle della Sicilia a cura di Firenze Gelato Festival, altra manifestazione cittadina recentemente organizzata in piazza Santa Maria Novella. A vitalizzare la Fortezza e la Dogana – dove in parallelo è allestito il salone Pitti W, con la moda femminile protagonista – andranno in scena i temporary event di Alternative Set, ovvero installazioni attraverso le quali luoghi singolari e spesso inutilizzati dell’area fieristica verranno reinterpretati secondo un programma di interventi.
Prima dell’apertura ufficiale in Fortezza da Basso, saranno due luoghi simbolo della città, con un giorno di anticipo, a ospitare altrettanti eventi inaugurali. Questa sera (alle 17 e alle 20, solo su invito) nella Galleria degli Uffizi una sfilata celebrerà i quarant’anni di attività del designer fiorentino Stefano Ricci, esponente di spicco dell’alta sartoria made in Italy al quale verrà conferito il Premio Pitti Immagine Uomo 82. A pochi metri di distanza, a Palazzo Vecchio viene inaugurato il nuovo progetto promosso da Mondadori Pubblicità in sinergia con il Comune di Firenze e Pitti Immagine. Si tratta di MeMO, l’esposizione in cui i Musei Civici Fiorentini – coinvolti il Museo di Palazzo Vecchio, la Cappella degli Spagnoli in Santa Maria Novella, la Fondazione Salvatore Romano presso il Cenacolo di Santo Spirito, il Museo Stefano Bardini e la Cappella Brancacci – appaiono nella veste di set per i video di marchi della moda uomo.

Pitti Uomo 81

Restando in città, piazza della Repubblica si conferma invece la location prediletta anche per la terza edizione di Firenze & Fashion, l’iniziativa promossa dal Gruppo RCS in occasione del Pitti. Dopo i mega-pannelli dello scorso gennaio, quando otto giovani esponenti della street art, selezionati da altrettante testate RCS, hanno interpretato a loro modo il tema del Pitti Uomo 81 It’s Graphics Now!, è la volta di un elogio del “saper fare”. La piazza sarà animata da “story telling area”, fruibile a ingresso libero, da attraversare, guardare, leggere, toccare e aperta anche sul sito realizzato ad hoc sulle piattaforme RCS.
E la moda? L’attesa è la sfilata di Valentino al Giardino di Boboli (mercoledì 20 giugno, ore 19), ma anche per la mostra per i trent’anni del marchio tessile Stone Island alla Stazione Leopolda e per i progetti speciali della maison parigina Carven (giovedì 21, ore 19.30) e di Peter Pilotto (mercoledì 20, ore 21, a Palazzo Borghese).

Valentina Silvestrini

www.pittimmagine.com

CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Architetto con specializzazione in allestimento e museografia, si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha intrapreso il proprio percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi.​ ​È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007); ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). All’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e alla direzione lavori, recandosi in centri espositivi ​in Giappone, Russia e Germania. ​Ha curato il coordinamento eventi e ​la​​​ comunicazione​ della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011)​.​ ​​​​​Ha scritto e scrive per ​Abitare, ​abitare.it, ​domusweb.it, ​Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa e Cosebelle Magazine, di cui è caporedattrice design.​ ​Dal 2012 collabora con Artribune​.​