(Future) Democrazie

In un bel documentario tunisino, “Plus jamais peur” di Moura Ben Sheikh, la primavera araba è raccontata dall’interno, dalla pratica dell’occupare una piazza cittadina nel continuo pericolo della repressione poliziesca e nell’estrema precarietà politica.

Moura Ben Sheikh - Plus jamais peur

In Plus jamais peur di Moura Ben Sheikh sono evidenziate, nella primavera araba, le presenze di numerosi giovani intellettuali, laureati senza lavoro e con molte e giuste critiche da fare. Lila è una di questi, una cosa sola col suo computer e un blog che è stato uno dei punti di riferimento nella controinformazione di quei giorni, indagata naturalmente dalla polizia politica.
In un progetto di Net Art di Douglas Davis del 1995, World’s first collaborative sentence, si propone di aggiungere all’infinito frasi alla sua frase iniziale. Il progetto è cambiare l’idea di comunicazione (o di letteratura) attraverso il coinvolgimento attivo del pubblico, dove la comunicazione è il centro di una nuova forma sincretica fra letteratura e attivismo, chiacchiera e sfogo narcisistico, creatività e altro ancora. O fra la critica e il fare creativo, come intuisce il mediartista Maurice Benayoun, che “estetizza” il proprio blog The Dump caricando i partecipanti di un ruolo di valutazione sui propri progetti non realizzati. Il blog si presenta come un’agorà telematica in cui tutti hanno voce, ma non tutte le voci sono uguali.

Douglas Davis - World’s first collaborative sentence - 1995

Poniamoci il problema della blogdemocracy. Si tratta di democrazia? È più esatto dire “prove aperte” per una democrazia. Come funziona la redistribuzione delle responsabilità? Come può funzionare il libero scambio, quali sono i filtri che garantiscono la qualità e la generalità dei messaggi? Il blog può essere usato come disturbo e sopraffazione (questo sembra il caso del commentario di Artribune oggi) dove lo spazio non filtrato diventa terreno di presenzialismo, protagonismo, presenza elettoral-politica, gossip, strategia di pushing. E quanto ci vuole per creare un “gruppo di disturbo” e direzionare gli umori di un gruppo più vasto? “Non stiamo solo costruendo un’enciclopedia, stiamo lavorando per rendere le persone più libere, dice Brandon Harris di Wikimedia Foundation. Ottimistico? Forse.

Maurice Benayoun

Nel frattempo la World’s first collaborative sentence di Douglas Davis è diventata un milione di cose diverse: attivismo, romanzo corale, letteratura e politica parallela, costruzione di cultura e di culture, e anche container di trash e bla-bla di ogni tipo, benché difesa dalla propria collocazione negli spazi, finora sacri, del Grande Museo di Arte Moderna. Già nel 2000, a cinque anni dall’inizio del sito, i contributi erano (dice il Whitney Museum, che lo ospita) 200mila.

Lorenzo Taiuti
docente di mass media all’accademia di brera

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #5

CONDIVIDI
Lorenzo Taiuti
Lorenzo Taiuti ha insegnato corsi su Mass media e Arte e Media presso Academie e Università (Accademia di Belle Arti di Torino e Milano, e Facoltà di Architettura Roma). E’ esperto delle problematiche estetiche dei nuovi media. È autore di video, installazioni e website, collabora con musicisti sperimentali in produzioni audiovisive. Ha collaborato sui temi di arte e media con vari periodici, tra cui "Giornale dell’Arte", "Virus", "Alias"", "Terzocchio", "Linea d'Ombra", "Repubblica", “Juliet”, “Exibart”, “Artribune”, “Arte e Critica”, “Digimag”, “Noema”, “D’Ars”. Ha pubblicato i seguenti testi sulle tematiche dell’arte e i nuovi media: Arte e media. Avanguardia e comunicazione di massa (Costa & Nolan 1996), Corpi Sognanti. L’Arte nell’epoca delle tecnologie digitali (Feltrinelli 2001), Multimedia. L’Incrocio dei linguaggi comunicativi (Meltemi 2005), I linguaggi digitali (per la serie XXI secolo - Enciclopedia Treccani 2010).