Affordable Art Fair 2012: l’arte fa economia

Alla sua seconda edizione, la fiera dell’arte più economica d’Italia promette nuove gallerie, concorsi e collaborazioni. Negli spazi milanesi del Superstudio, 75 gallerie abbasseranno i prezzi di vendita a non oltre 5.000 euro a pezzo. Una nuova sfida alla crisi. Mentre a ottobre si attende l’edizione romana.

Pubblicità di AAF

A pochi giorni dalle defezioni nette di circa 80 gallerie, durante la recente edizione di Arte Fiera a Bologna, The Affordable Art Fair, al suo secondo anno d’età, inaugura per cambiare. Per mostrare un nuovo, possibile paradigma domanda/offerta nel mondo dell’arte contemporanea: l’uniformazione dei prezzi di vendita delle opere che verranno esposte.
Se dunque l’atmosfera della più rinomata fiera italiana, nel 2012, era di dovuta curiosità e distanza reverenziale, AAF, a livello di attenzione al cosiddetto paniere d’acquisto, si prospetta notevolmente più dedita e centrata sull’argomento crisi economica.
Dopo le edizioni di Amsterdam, Bristol, Bruxelles, Londra, Milano, New York, Singapore e Melbourne, l’accessibilità nel mondo dell’arte è in arrivo anche a Stoccolma, Città del Messico e persino Roma. La Pelanda del Macro Testaccio, infatti, ospiterà a ottobre gallerie romane e non, alla ricerca del nuovo collezionismo nella capitale. Attraverso queste numerose repliche del format, AAF sta per diventare una delle fiere d’arte contemporanea più visitate al mondo, con 175 milioni di euro di opere vendute e con un numero di visitatori che raggiungerà il milione di presenze.

Collezionisti ad AAF

Dal primo al 5 febbraio, negli spazi del Superstudio più, 77 gallerie prevalentemente italiane (con l’eccezione di 24 straniere tra francesi e spagnole, oltre a una inglese, una austriaca, una coreana e una mongola) si spartiranno 4mila mq di superficie e un flusso di pubblico che dovrebbe aggirarsi intorno ai 12mila visitatori. In fiera, dunque, saranno acquistabili opere rigorosamente al di sotto dei 5.000 euro di prezzo e sarà allestita una wrapping station che permetterà un servizio di imballaggio per il trasporto immediato delle opere appena comprate, firmate da artisti affermati e da giovanissimi.
È a questa seconda categoria che è dedicata un’iniziativa particolare, AAF Cerca Young Talents. Quattro talenti under 35 e non rappresentati da alcuna galleria (Diana Dorizzi, 1986; Isabella Mara, 1977; Vincenza De Nigris, 1985; Andrea Pugiotto, 1986) sono stati selezionati una giuria di curatori (Flaminio Gualdoni, Denis Curti, Alberto Zanchetta e Stefano Sbarbaro) durante due appuntamenti dedicati e avranno l’opportunità di essere presentati alla fiera.
Grazie al sostegno di LAGO, sarà presente una cucina a isola in fiera che diventerà area di eventi: Art&Flames e [email protected]. Art&Flames sarà un evento di giovedì 2 febbraio sera, che culminerà in un cooking show, durante il quale un importante nome della cucina italiana collaborerà con alcuni artisti. Durante gli [email protected], performance culinarie, ma anche incontri sul collezionismo e sulla fotografia troveranno spazio in un contesto inusuale.

AAF in tv

Tra pittura, disegno, fotografia, scultura e video verrà scandito, per ciascun giorno di apertura di AAF, anche un programma di workshop, con dimostrazioni pratiche delle tecniche artistiche, aperti a tutti e gratuiti. Giovedì 2 febbraio (ore 14 e 17), il workshop Ja-inter(azione)colore rappresenterà un percorso esperienziale sul cromatismo con l’uso dei colori a olio diluibili all’acqua. Mentre – un altro esempio – sabato 4 febbraio Winsor&Newton olibars farà sperimentare comodissimi colori a olio in formato stick, che si applicano direttamente sulla tela o sulla tavola e si comportano come “normali” oli, con possibili effetti texture e graffity. Infine, grazie all’iniziativa Be the face of the fair, i social network faranno arte. Sulla pagina Facebook di AAF Milano è presente una galleria di immagini dedicate a numerose opere. I partecipanti sono chiamati a taggare se stessi sull’immagine dell’opera preferita. Poi, come un mosaico le cui tessere sono i visi dei fan di AAF, le varie foto andranno a comporre l’opera che verrà realizzata e riprodotta in fiera.

Ginevra Bria

Milano // dal 2 al 5 febbraio 2012
inaugurazione 1° febbraio ore 18-22 su invito
AAF – Affordable Art Fair
SUPERTUDIO PIÙ
Via Tortona 27
www.affordableartfair.it


CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.
  • Sono una pittrice, (www.graziasavelli.com), trovo molto interessante la vs. organizzazione, e vorrei sapere se e come posso entrare a farne parte. Resto in attesa di una vs. risposta e porgo disitinti saluti. Grazia Savelli