Dateci retta: weekend nel Chianti

Tanto lo sappiamo che non avete fondi sufficienti per venti giorni di villeggiatura. E allora contentatevi di un weekend dove diciamo noi, no? Nel Chianti, per esempio, venerdì inaugura un’interessante mostra nella sede di Monteriggioni della Galleria Zak, mentre a pochi chilometri un nuovissimo ristorante è completamente arredato con le opere di un giovane artista contemporaneo.

Il ristorante La Leggenda dei Frati

Estate tempo di vacanze? Magari! Una volta forse, ma oggi, tra sovvertimento delle abitudini e mancanza di materia prima (i quattrini!), agosto non è più certo quello di una volta. E dunque dai canonici venti giorni di villeggiatura si passa, senza manco accorgersene, ai finesettimanalunghi. Durante i quali, però, ci si possono comunque togliere delle soddisfazioni.
Per l’incipiente week end il nostro modesto consiglio è dirigersi in quel tratto di campagna, vigneti e colline adagiate tra Siena e Firenze che prende il nome di Chianti e che da trent’anni fa andare in solluchero mezza Europa del nord tanto che un casale di medie dimensioni costa più che un attico a Via della Spiga a Milano.
Cosa succede in questo territorio che simboleggia ed esemplifica lo stereotipo del “buon vivere” italiano durante il weekend sei-sette-otto agosto? Succede che, a dispetto della data vacanziera, una galleria d’arte contemporanea inaugura una nuova mostra che è doppiamente interessante. In primis perché Zak, spazio nel cuore del castello di Monteriggioni diretto da Gaia Pasi, si sta muovendo con vivacità e curiosità da quando ha aperto i battenti (prima nella sede di Siena, oggi nel borgo medievale a nord del capoluogo); in secundis perché questa nuova mostra è una collaborazione feconda con Scaramouche, gallery newyorkese very à la page & very Lower East Side diretta dall’italianissimo Daniele Ugolini il quale per l’occasione ritorna a lavorare nella sua Toscana.

Micheal Stuart, Circle Stories XXXIX

Paul Branca, Marc Breslin, Alessandro Roma e Michael Stuart –tutti artisti della scuderia di Ugolini- sono i protagonisti di Persistent Forms, utile compendio del “fare arte” oggi a New York City attraverso lavori che utilizzano, a seconda, geometrie, colori e nuove tecnologie. L’iniziativa permette, peraltro, alla Zak di trasformarsi sempre di più, cosa decisamente più nelle corte di Gaia Pasi, da galleria (seppur di ricerca) a project space aperto anche a collaborazioni con realtà internazionali.
Ma questo articolo non sarebbe legittimo, nel suo posticino di ampia visibilità in apertura homepage, se parlasse “soltanto” di una mostra e di una galleria. Si tratta, signori, di suggerire un percorso e dunque di aggiungere quantomeno l’utile al dilettevole. E cosa c’è di più dilettevole di una cena comme il faut dopo l’inaugurazione? Ed eccoci: giusto una settimana fa, a Castellina in Chianti dentro gli spazi dell’azienda vitivinicola Cecchi (il boss, tra l’altro, è un collezionista), ha trovato la sua nuova sede La Leggenda dei Frati, la miglior mangiatoia del circondario, ben celebrata sulle guide e inserita nel ristretto e prestigioso novero dei JRE, i Jeunes Restaurateurs d’Europe.

Il ristorante La Leggenda dei Frati

Certo è che non basta fare una cucina di qualità e ricerca come i fratelli Saporito fanno alla Leggenda dei Frati per meritarsi una citazione su Artribune, ci vuole in qualche modo un legame con il mondo dell’arte che, nel nuovo ristorante, c’è eccome. Le foto lo testimoniano: la sala è, di fatto, una vera e propria personale di Giovanni Ozzola, giovane artista toscano rappresentato dalla Galleria Continua che ha raggiunto un accordo con il ristorante per questa esposizione che rende la Leggenda dei Frati un passaggio interessante non solo peri i cultori del buon cibo, ma anche per gli artlovers di passaggio nel Chianti. Buon fine settimana.

 

M.T.


ZAK PROJECT SPACE
Piazza Roma 13 – Castello di Monteriggioni – 53035 (SI)
Orario galleria dal mercoledì alla domenica 11:00|20:00
lunedì e martedì su appuntamento (+39) 346 9437211
www.galleriazak.com / [email protected]

SCARAMOUCHE
Orchard Street 52 – New York – NY 10002
Orario dal mercoledì al sabato 12:00|18:00, domenica: 13:00|17:30 PM
e
su appuntamento tel. +1 212 228 2229
www.scaramoucheart.com / [email protected]

RISTORANTE LA LEGGENDA DEI FRATI
Località Casina Dei Ponti, 58 – 53011 Castellina In Chianti (SI)
Tel: +39 0577 301222 – www.laleggendadeifrati.it[email protected]

CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web “Exibart”. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss e l’Università La Sapienza di Roma. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Gambero Rosso, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. E' stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente è direttore di Artribune.
  • hm

    – prende il nome di Chianti e che da trent’anni fa andare in solluchero mezza Europa del nord tanto che un casale di medie dimensioni costa più che un attico a Via della Spiga a Milano. –

    questo è veramente incomprensibile, è una sorta di gentrification campagnola che si è espansa con il passaparola degli inglesi, ci sono zone dell’umbria molto più belle e anche le colline di reggio emilia con le rovine dei castelli (canossa etc) sono molto particolari, ma le case immagino costeranno un decimo . per un prezzo molto minore è sicuramente meglio comprarsi una villa all’elba o in sardegna, ma forse per gli inglesi fa troppo caldo .