L’arte contemporanea? Muove le montagne

Sempre più spesso i progetti interessanti arrivano dalla provincia. Stavolta tocca a quella di Belluno, tra le Dolomiti. Con un’iniziativa che recupera una struttura industriale ormai in disuso e si sforza di fare network con altri poli culturali della Penisola. Inaugura il 30 luglio “Dolomiti Contemporanee”.

Cava Le Masiere - photo A. Montresor

E voi che speravate, facendo armi e bagagli e dirigendovi verso le montagne, di scampare almeno per un breve periodo a curatori cervellotici e artisti in fermento. Niente di più sbagliato. Ormai neppure in alta quota si sfugge all’art-hub. Accade a Sospirolo, precisamente in località Sass Muss, a pochi chilometri da Belluno, dove il 30 luglio inaugura Dolomiti Contemporanee, nuovo progetto di Gianluca d’Incà Levis, già noto alle cronache dell’arte per GaBls, progetto che tra il 2008 e il 2010 ha scandagliato le risorse artistiche e non solo del bellunese.
L’epicentro dell’iniziativa trova luogo in una location di per sé suggestiva: un ex complesso chimico, abbandonato per vent’anni e poi recuperato grazie a un intervento promosso da una cordata formata da Regione, Provincia e soggetti privati nel 2006, in vista di una seconda destinazione produttivo-industriale, che però non ha avuto seguito. L’occasione è stata colta al volo perché, come ci racconta D’Incà Levis, questo luogo “aspettava solo di essere acceso”.
A partire dall’inaugurazione, due blocchi di esposizioni (uno a luglio e il secondo a settembre) si succederanno fino al 16 ottobre, con un board curatoriale formato dallo stesso d’Incà Levis con Alberto Zanchetta, Andrea Bruciati, Daniele Capra, Alice Ginaldi, Francesco Urbano e Francesco Ragazzi. Più di cinquanta gli artisti e un programma di residenze che è destinato a far lievitare il numero delle personalità coinvolte. Il progetto è ambizioso e – come direbbe qualcuno – anche troppo per la provincia, ma il nodo gordiano si situa proprio qui: in modo crescente il de-localizzato si assesta come il territorio, dove la ricerca contemporanea trova nuovo stimolo, e gli esempi non si trovano solo in Veneto ma in tutta Italia.

Gianluca d’Incà Levis

Ѐ davvero il caso di superare l’annosa diatriba tra centrale opposto a periferico, locale e (inter)nazionale, non in senso geografico quanto nell’offerta culturale. La falsa opposizione tra il provinciale e il cittadino viene colta al volo, tanto da giocare un ruolo importante  anche sul piano della comunicazione: nella grafica occhieggiano un cervo impagliato e un cappello d’alpino, tutti i classici stereotipi sulla montagna come luogo fisico e culturale, che la rendono apparentemente lontana dal mondo dell’arte contemporanea. L’aspirazione al superamento di questa falsa problematica si legge però nel coinvolgimento di realtà quali la veneziana Fondazione Bevilacqua La Masa e, all’estremo opposto dello stivale, Palazzo Riso, che con iniziative come il “Museo diffuso” e la recente apertura dei Frigoriferi Milanesi sposa questa duplice spinta di attivazione del proprio contesto geografico e culturale, ma al contempo, attua uno sradicamento dalla chiusura localista.
Il tutto ufficialmente chiude il 16 ottobre, ma le caratteristiche intrinseche al progetto si presentano come segnali che inducono a pensare che questo sia solo uno start-up, il “grado zero” di un progetto che auspica a diventare una realtà continuativa. Se ciò succedesse, forse “provincia” avrà perso quel significato negativo che invece persiste ancora.  L’abortita passata destinazione industriale del luogo centra una dicotomia ancora diffusa, che individua da una parte il pragmatismo imprenditoriale, opposto alla presunta impossibilità di autosostenibilità del settore culturale: se il progetto continuasse in modo progressivo, Sass Muss riaprirebbe dopo vent’anni non grazie ad una produttività industriale, ma creativa. “Inducendo una riflessione sul concetto di produttività e sostenibilità”, come suggerisce D’Incà Levis.
Vale la pena di andare, ma anche di ritornare, fra tre mesi: segniamolo sul calendario.

Giulia De Monte

Sass Muss // fino al 16 ottobre 2011
Dolomiti Contemporanee 2011
a cura di Gianluca d’Incà Levis

www.dolomiticontemporanee.net

CONDIVIDI
Giulia De Monte
Classe 1986, studi in Storia dell’Arte Contemporanea, scorazza liberamente per tutta l’Italia, possibilmente anche per il mondo; gestisce il blog Arte Libera Tutti, che si occupa di documentare il lato B dell’arte contemporanea, fatto di associazioni, collettivi e gruppi informali, tra nuovi modelli curatoriali e fruitivi. Ha pubblicato una serie di articoli per AAA TAC, rivista edita dalla Fondazione Cini di Venezia. Dal 2010 collabora con la neonata Venice Design Week, evento collaterale alla Biennale che si occupa di promuovere e investigare le relazioni tra arte, design e artigianato.
  • Quali sarebbero i luoghi non provinciali in italia?
    Anzi forse certi “centri”, come milano, vivono la presunzione di essere centri quando invece non lo sono, e questo è la cosa peggiore. Forse in italia bisognerebbe iniziare a pensare ogni luogo come “internazionale” per definizione e mettere da parte i complessi di inferiorità. Non esistono centri e periferie, ma ogni luogo può essere centro.

    • Alfio

      Luca Rossi hai pienamente ragione a sostenere che l’ Italia sia tutta provinciale .
      E’ sempre provinciale quando si sceglie di fare lavorare SOLO GLI AMICI .
      Quando finirà il sistema mafioso nel quale una persona libera non può mandare un curriculem perché tanto verrà scelto solo l’ amico

      • Cari Alfio, “quel” sistema non finirá mai. Bisogna smettere di mandare curricula e prescindere da esso, bypassarlo, tornare ad esporre nelle “trattorie”. (alla faccia di Arbasino) o per strada o usare internet e gli strumenti delle nuove tecnologie. Bisogna anche essere, per quanto possa costar caro, coerenti: non si può inveire contro il sistema e, nello stesso tempo, cercare la via per entrare a farne parte! ;-)

  • LorenzoMarras

    Luca caro forse dovremmo una volta per tutte liquidare questa innocua questione dei “centri” e delle “periferie” per ri-calibrare la questione che, ammesso Vi sia un centro, questo non puo’ non coincidere con ognuno di noi (e cosi’ la si smette con questa annosa brutta piaga che e’ sempre stata l’idolatria).