Sì, ma non chiamatela anti-Biennale

Sarà, ma quel che Renato Barilli ha organizzato quest’anno assomiglia tanto a una risposta a distanza al Padiglione Italia diretto da Vittorio Sgarbi. Ce lo racconta il diretto interessato in questa intervista.

Renato Barilli
Renato Barilli

Pare proprio che di questo Padiglione Italia si sia parlato fin troppo. Protagonisti le polemiche e gli errori, non gli artisti e le opere. C’è qualcosa che si può ancora salvare? Credi sia possibile restituire la parola agli artisti o ad alcuni di loro, come avrebbe dovuto essere fin dall’inizio?
Ritengo che il Padiglione Italia di questa edizione sia assolutamente indifendibile, mi dispiace dirlo con tanta crudezza perché in fondo a Sgarbi mi lega un vecchio vincolo, risalente agli anni ’70, quando lui era un brillante neolaureato in Storia dell’arte all’Università di Bologna, fin da allora con un interesse prevalente concentrato sul classico, ma già capace di menare fendenti, e già in rotta con Volpe, in quel momento depositario della grande eredità longhiana. Invece io appartenevo a una sorta di legione straniera, e quindi assistevo con qualche interesse alle zampate che il leoncino Sgarbi già menava, usandolo perfino in un ciclo di lezioni didattiche per i quartieri di Bologna, dove lui riceveva lire 20.000 per ogni prestazione. Oggi per avere la sua presenza la medesima cifra va conteggiata in euro, e forse non basta.

To/Let - Today and Tomorrow (particolare) - 2011

Da quei tempi, è sopravvissuto tra di noi un vincolo di simpatia e oserei dire perfino di affetto, però del tutto contrastato da scelte opposte, sui fronti della politica e delle opzioni critiche. Venendo a queste, che sono ora l’oggetto del discorso, sarebbe stato accettabile che egli recitasse il ruolo di difensore della causa dei perdenti. È certo che il cammino delle avanguardie, qualche volta peccante di conformismo per eccesso di zelo, si lascia sulla strada parecchi cadaveri; forse di tanto in tanto vale la pena di raccoglierli. Ma allora Vittorio doveva prendere su di sé questa responsabilità, chiamare a raccolta pochi casi esemplari. Invece è ricorso a una sovrabbondante lista di nomi eccellenti, ma il più delle volte estranei al dibattito artistico, che dunque hanno indicato figure disparate, dai fin troppo noti ai semi-sconosciuti.
Inoltre Sgarbi non si è curato minimamente di dare a questo profluvio di segnalazioni un’accoglienza adeguata, li ha accumulati in un orrido guazzabuglio del tutto estraneo a ogni criterio espositivo e curatoriale. Colpevole di ciò, in quanto troppo impegnato a valersi della nomina alla Biennale per cercare di mantenere, in congiunzione con essa, una carica nelle soprintendenze che non gli spettava. Capitolo dunque del tutto negativo, da cancellare dalla memoria.

T-Yong-Chung - B612 - 2009

Essere curatori alla Biennale implica per lo meno la capacità di scegliere. Ma di questa Italia, popolata anche da artisti molto promettenti, sembra che la selezione non abbia premiato i migliori. Nell’esposizione bolognese da te curata, Nuova creatività italiana. Officina Italia 2, Biennale giovani 3, quali sono stati i criteri?
La mia idea è di costituire una vetrina attendibile, in linea coi parametri correnti del dibattito critico, delle migliori presenze tra i nostri giovani, sapendo bene che a un tale compito non avrebbe minimamente corrisposto la rassegna veneziana, e peggio ancora le altre collaterali, sempre secondo il disegno troppo ampio e sfilacciato di Sgarbi. Ricordo che un tale compito viene da me affrontato a scadenze regolari: infatti, l’attuale Officina non a caso porta il numero 2, a ricordo di una precedente iniziativa del 1997. La creatività, nel nostro Paese ma anche nell’intero pianeta, è fertile e incessante; sono del tutto ottimista sul futuro dell’arte, e dunque è opportuno e legittimo condurre nuovi sondaggi a distanza di un decennio abbondante, Ricordo del resto che a metà strada avevo già effettuato un altro sondaggio, più limitato, intitolandolo, in omaggio a Mazzini, di cui era appena caduto il bicentenario dalla nascita, La giovine Italia, e anche in quella occasione mi ero valso dell’eccellente contenitore apprestato a Gambettola dall’amico e socio in queste imprese Angelo Grassi.

Kensuke Koike - Aliens' Lounge - 2009

Il coraggio di fare qualcosa fuori Venezia in periodo Biennale non ti è mancato. Per fortuna non c’è solo la Laguna e i giorni del vernissage passano in fretta. Se dovessi esprimere un desiderio riguardo al futuro della Nuova Creatività, quale sarebbe?
I criteri che mi muovono in queste ricognizioni periodiche sono quelli di sempre: fiutare l’aria, cercare di capire dove stanno andando le correnti, quali sono le vie più battute dai giovani, ben sapendo che al giorno d’oggi non c’è mai un’unica pista, bensì diverse, magari anche divergenti. C’è eclettismo, al limite del caos, ma bisogna saper amministrare anche questo ricco disordine, non lasciarlo al caso. E per procedere a ciò bisogna vedere molto. Oggi si è aiutati dai siti che consentono primi contatti, per poi procedere a visite in studio, e beninteso bisogna sapersi valere di altri critici, magari più giovani e dunque più in sintonia con i nuovi arrivati. In questo caso mi sono stati utilissimi Guido Bartorelli, buon conoscitore delle nuove realtà del Nordest, e Guido Molinari, più rivolto a Milano o in genere al Nordovest. E non bisogna snobbare le presenze locali, da non penalizzare, ma neanche da promuovere in eccesso, peccando di campanilismo.

Alice Guareschi - Mappamondo - 2009

La ricompensa che ci si attende da tutto questo: l’averci preso, aver colto l’affermarsi di presenze fin dal palo di partenza, anche se non siamo indovini, e dunque la cosa si può mettere in percentuale, su dieci presentati, un terzo va, gli altri magari si disperdono nelle retrovie. Però, al momento non si può tentare di strapparmi nomi, questi 34 della rassegna sono tutti miei figli, lasciamo che siano gli anni a decidere, il che poi non corrisponde mai a un verdetto definitivo: si può sempre recuperare qualcuno caduto in via. Inoltre, la ricognizione non è mai totale, molti casi interessanti e meritevoli non sono stati infilzati nel nostro spiedo.

La tua settimanale presenza su L’Unità ti ha dato modo di affrontare questi argomenti seppure da punti di vista diversi. Qual è la sentenza più pesante che hai avuto modo di infliggere in questo periodo e quale invece l’assoluzione o il complimento più sincero che ti sei sentito di poter esprimere relativamente a un’operazione curatoriale e/o culturale in genere?
Naturalmente, in una rubrica settimanale i temi da me trattati sono stati tanti, ma visto che siamo in materia di Biennale ne vorrei sollevare uno cruciale, che agito ormai da tempo al presentarsi dei vari appuntamenti veneziani, come anche delle Documenta tedesche. È il fatto che queste ambiziose rassegne siano ormai affidate quasi esclusivamente ai curators, persone che si vantano di non scegliere, di non voler indicare tendenze, di non intendere di fornire qualche guida o criterio di lettura al pubblico, o se lo fanno, procedono con formule pretestuose, di corto respiro. Mancanza di preparazione storica, teorica, di coraggio nelle scelte, l’unica preoccupazione è di allineare i nomi giusti, non importa se dandoli in ordine disparato e confuso. Bisogna ritornare alla figura del critico-storico-teorico, capace di scommettere, di assumersi le proprie responsabilità, ma non davanti alle gallerie importanti o alla consorteria dei colleghi, bensì di fronte all’intero contesto culturale dell’epoca.

Eloise Ghioni - Senza titolo - 2011

Tra due anni ci sarà un nuovo Padiglione Italia. Quali tra gli artisti della Nuova Creatività Italiana pensi potranno esserne i protagonisti? Se potessi suggerire due nomi per la prossima curatela della mostra internazionale e del nostro padiglione, chi nomineresti?
Purtroppo la presenza italiana alla Biennale costituisce un problema, si oscilla tra due soluzioni estreme: o si cede a pressioni indebite, si nominano troppi responsabili che compilano liste pletoriche e dissonanti, creando uno spettacolo cacofonico che non premia nessuno, e fa fuggire inorriditi i visitatori stranieri, come è successo quest’anno; o, viste le difficoltà, si rinuncia del tutto a costituire una riconoscibile entità italiana e si affidano poche nostre presenze al buon cuore del curator di turno, che di solito è molto parco, e si lascia influenzare dalle gallerie “che contano”. Il rimedio sarebbe puntare su un critico, magari espressione delle nuove leve ma che si sia già acquistato qualche titolo significativo, o anche affiancargli un socio, per far nascere una dialettica, e obbligarli a poche scelte significative, però provviste di tutto lo spazio e dei mezzi opportuni per esprimersi. Non le presenze singole cui si ispirano i Padiglioni stranieri, ma qualcosa di assai prossimo nel coraggio della puntata e della piena orchestrazione con cui farla valere.

Chiara Casarin

Gambettola e Bologna // fino al 3 luglio 2011
Officina Italia 2. Nuova creatività italiana
a cura di Renato Barilli
Catalogo Mazzotta
www.mazzotta.it

CONDIVIDI
Chiara Casarin
Chiara Casarin (1975) è curatore indipendente. Ha lavorato dal 2000 al 2003 presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, dal 2006 al 2008 presso la Fondazione Benetton Iniziative Culturali di Treviso, 2009 al 2011 presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Nel 2009 ottiene il titolo di dottore di ricerca alla Scuola Studi Avanzati di Venezia con una tesi sulle problematiche dell’autenticità nell’arte contemporanea. Dal 2007 al 2009 è ricercatrice presso l’Ecole des Hautes Etudes di Parigi. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Ceci n'est pas l'Auteur. Ovvero: l'opera dell'arte nell'elogio della sua riproducibilità digitale in “Engramma” n. 60, dicembre 2007; Estetiche del Camouflage (a cura di Chiara Casarin e Davide Fornari), ed. Et al., Milano 2010; Las Bodas de Canà en Venecia. Autenticidad de un facsimil in “Revista de Occidente” n. 345 Febbraio 2010, Fundaciòn José Ortega y Gasset, Madrid e BLM 2002>2010 ( a cura di) ed. Mousse Publishing, Milano 2010. Ha curato diverse esposizioni collettive e personali tra cui le più recenti In Equilibrio tra due punti sospesi di Silvano Rubino (Venezia BLM giugno 2010, catalogo Damiani), e Carlo Gajani (Museo Civico Archeologico di Bologna, maggio 2010, catalogo ed. dell'Archiginnasio) con Renato Barilli. Svolge attività di collaborazione alla didattica presso l' Università Ca' Foscari ed è docente di Arte Contemporanea presso lo IED (Istituto Europeo del Design) di Venezia. Dal 2009 collabora con la Soprintendenza B. A. P. di Venezia e Laguna.
  • La reazione di Barilli è rispettabile, ma non è certo la soluzione o la versione corretta del padiglione di Sgarbi. Abbiamo bisogno di autenticità e non di fare voli pindarici. E il padiglione di Sgarbi è più autentico e significativo rispetto la situazione contemporanea italiana e non solo. Quello di Barilli scimmiotta un facile e ormai disinnescato manierismo internazionale. Un buon artigianato dell’arte contemporanea. Tutto sommato meglio Sgarbi, per quanto il suo progetto sia un buon “negativo”….e invece, oltre ad autenticità e sincerità, abbiamo bisogno di buoni positivi…quindi anche l’operazione di Sgarbi non è salvabile. Ma tra le due, nel male, è più autentica e sincera.

    james dao
    http://whitehouse.splinder.com/

  • La reazione di Barilli è rispettabile, ma non è certo la soluzione o la versione corretta del padiglione di Sgarbi. Abbiamo bisogno di autenticità e non di fare voli pindarici. E il padiglione di Sgarbi è più autentico e significativo rispetto la situazione contemporanea italiana e non solo. Quello di Barilli scimmiotta un facile e ormai disinnescato manierismo internazionale. Un buon artigianato dell’arte contemporanea. Tutto sommato meglio Sgarbi, per quanto il suo progetto sia un buon “negativo”….e invece, oltre ad autenticità e sincerità, abbiamo bisogno di buoni positivi…quindi anche l’operazione di Sgarbi non è salvabile. Ma tra le due, nel male, è più autentica e sincera.

    james dao
    whitehouse.splinder.com/

  • Mario Leoni

    youtube.com/watch?v=Nah_TNC5dWA

    • hm

      i pixel elettronizi

  • low

    opere orrende, sia con barilli che al pad. italiatta.

  • hm

    sadness estrema

  • Le polemiche e le critiche sulla 54.a biennale veneziana sarebbero utili a tutti se non fossero spesso fatte a senso unico e in maniera faziosa dai cosiddetti addetti ai lavori. Se ci fate un po di attenzione, alla critica e alla polemica si va sempre ad aggiungere la propria ricetta con i criteri e le proposte miracolose. Mi fanno venire in mente il mondo del pallone,dove ogni tifoso (poco sportivo e poco competente) ha sempre da suggerire la “sua” bella formazione vincente e pronta da far scendere in campo . L’Italia sta somigliando sempre più un popolo di idioti saccenti con la passione del fai da te. Il lavoro degli altri non conta un cazzo. Una nazione dove tutti sanno di tutto. Sessata milioni di commissari tecnici che all’occorrenza diventano critici d’arte, curatori……. Avanti il prossimo!!!!!

  • bofo

    Nella storia dell’arte contemporanea internazionale Sgarbi non viene citato da nessun storico/filosofo/curatore, nè tantomeno invitato a convegni internazionali vista la sua inadeguatezza a comprendere non solo l’arte contemporanea, ma anche quella moderna.
    L’unico invito l’ha ricevuto da ministri italiani del tutto incompetenti e ignoranti in materia. Il risultato dell’operazione lo si legge su tutti i giornali esteri (New York Time ecc…) e su tutte le riviste del settore. Complimenti al Consiglio scientifico della Biennale!!!!!!

    • hm

      se hai bisogno del new york timeS per capire se qualcosa è buona o meno allora semplicemente sei privo di personalità . come se quello che va a new york da 25 anni a oggi fosse roba di qualità . c’è andato pure copialan a new york .

      • a. p.

        … solo che poi ce lo ritroviamo sempre qua

  • Svarto

    Perchè questa robetta proposta dal Barilli Renato è considerabile arte? Magari con stucchevoli titoli in inglese e, il che non guasta per non passare per provinciali, prodotta dal solito cinese.

  • guntigi

    nessuno dei due signori in ogni caso s’è affannato a fare un minimo di ricerca o – pazza idea – a visitare studi di artisti…
    buon articolo, in ogni caso, da leggere molto attentamente

  • gp

    Ma andiamo, Sgarbi e Barilli non sono assolutamente confrontabili. Mentre le scelte di Barili, possono piacere o meno, lui può essere considerato un “artigiano dell’arte contemporanea” o altro, per lo meno le sue rassegne esprimono un suo punto di vista sull’arte contemporanea motivato e derivante da studi e teorie personali, Sgarbi ha esteso la vergogna italiana all’arte presentando un padiglione cafone e presuntuoso. L’italica “competenza” Ghe pensi mi applicata all’arte. Risultato? una vergogna… Barilli non è e non sarà la soluzione, ma diamine, sti curatori di biennali non esprimono più nulla… Un tempo le biennali dettavano la filosofia artistica del tempo, illuminavano un pensiero, facevano riflettere. Oggi sono estensioni delle fiere…un noto mensile titolava questo mese “li vedi alla Biennale, li compri a Basilea” ossia, siamo al fast food dell’arte…sul tabellone scegli il menù già pronto, al banco ritiri, paghi e arrivederci a presto felici e contenti….

    • A parte il fatto che qui a commentare siamo in parecchi ma non serto sessanta milioni ( magari! per Artribune e per l’Italia, se l’arte fosse seguita come il calcio, sarebbe una benedizione… persino, come suol dirsi, “troppa grazia..!!”) e a prescindere dal fatto che alcuni dei commentatori sono critici, curatori, artisti di professione e quindi con “titolo” a farlo, ma mi spieghi che cosa c’è di male se chi commenta, oltre ad esprimere un giudizio (bello, brutto; giusto,sbagliato) esprime anche la sua idea? Quando capita (e purtroppo capita di rado) io lo trovo interessantissimo e ne traggo sempre motivo di riflessione. Purtroppo e qui sono con te, i commenti sono molto piú spesso espressione di faziosità, puri insulti o, piú raramente, saluto ed incoraggiamento all’amico/a (molto piú simile, per rimanere negli esempi “sportivi” al “ciaomama” dei ciclisti cui Tognazzi faceva il verso)

  • Io ho il massimo rispetto per Barilli, ma il tuo commento non lo capisco: casai possomo essere quelli che presenta Barlli che li puoi comprare a Basilea, quell del Padiglione Italia non c’è lí trovi di sicuro! Ma è cosí difficile capire che proprio questa era l’idea rivoluzionaria (rovinata purtroppo da una realizzazione abborracciata, ma che si puó riprendere e migliorare vedi per esempio la proposta di Gerini nei commenti al Padiglione Italia delle Regioni di qualche giorno fa’) quella di togliere alla Biennale il carattere di “fiera del meglio” per dargli la natura di “panorama del contemporaneo” di evitare che sia l’ulterire “mostra personale o collettiva di pochi cin curatore di lusso” ( come oramai, per fortuna sia chiaro, ne puoi vedere a Milano a Torino a Roma a Napoli a Venezia a Genova ecc. tutti i medi, tutto l’anno, tutti gli anni. Sottrarre finalmente almeno il Padiglione Italia ad un “sistema” mercificante che ha affermato e sostiene strenuamente che l’arte si giudica dal sui prezzo, anzi che è arte solo quella che ha un prezzo accertato e confermato. Con il corollario della necessità di un “curriculum” di un certo tipo (quello che ti puó essere garantito solo dalla presenza nelle gallerie del “sistema” ) e la conseguenza della quotidiana prostituzione degli artisti per formarselo! Pure non è così difficile arrivarci!

  • Pingback: Parliamone. L’invito è di Renato Barilli, l’oggetto l’arte dei giovani che si fa qui in Italia : Artribune()