Quel che resta del sogno

Con oltre 250 opere e 70 manufatti, il Man di Nuoro mette in scena il primo capitolo dello spirito dell’arte aborigena. “Dreamtime” è il momento della creazione di tutte le cose. Fra mitologia arcaica, codici millenari, cromatismi sgargianti. E un rito che potete gustarvi nel video.

Alan Joshua Junior - Healing Mimi - 2004

Era il Tempo del Sogno quando gli Antenati creatori scesero sulla Terra, territorio arido e desolato avvolto dalle tenebre, per dar forma al mondo e alle creature che lo popolano. Era il Dreamtime. Ovvero il tempo prima del tempo, il momento della creazione per gli aborigeni.
Popolo nomade e senza scrittura, ma dalla complessa tradizione mitologica fatta di codici millenari, che si fonda sul legame indissolubile tra gli uomini, le forze della natura e gli elementi dell’universo. Una sinergia che, venendo meno, porterebbe in direzione apocalittica le sue genti. Non a caso “dipingere il tuo Territorio è conoscere il tuo Territorio. Conoscere il tuo Territorio è conoscere il tuo Dreaming. Conoscere il tuo Dreaming è dipingere e cantare il tuo Territorio”. Un ciclo perpetuo che si riflette nell’arte, nei canti e nelle cerimonie sacre, talmente viscerale che – secondo una delle credenze ancestrali – quando si cammina sulla Terra lo si deve fare con leggerezza perché si cammina sulla madre.

Luke Cummins - Gecko Dreaming - 2002

In un allestimento impeccabile, il primo capitolo della mostra traccia una mappa multiculturale dei gruppi tribali aborigeni, poiché ognuno riflette il territorio d’appartenenza per affondare le radici nel comune concetto di dreaming. Così, mentre nelle regioni desertiche i motivi iconografici risalgono all’arte rupestre e alla pittura su legno che mette insieme cerchi concentrici, motivi a ferro di cavallo, orme animali e tutta una serie di codici – ad esempio il rarrk, motivo a tratteggio incrociato adottato da Djambu Barra Barra -, il linguaggio figurativo è da ricercarsi nel resto del territorio. Con un apparato iconografico che va dal Serpente arcobaleno, Antenato degli Antenati, al Devil Devil, la cui prerogativa di rappresentazione è riservata proprio a Barra Barra, ai Mimi, piccoli esseri mitologici protagonisti dell’opera di Lurick Fordham. Mentre è la tradizione orale delle anziane a interessare Gabriella Possum Nugurrayi, che sfodera abilità e minuzia mediante la pittura dot.

Più realistica la visione di Trevor “Turbo” Brown nel raffigurare gli animali tipici della fauna australiana e di Helen Wunungmurra, che in uno stile narrativo, svolto su unico piano, descrive cerimonie e riti di passaggio del clan. Sì, perché la pittura aborigena per la sua comprensione implica un sovvertimento prospettico, e non solo in senso metaforico. Infatti, oltre a racchiudere pratica rituale e scrittura simbolica, contempla una raffigurazione simultanea di luoghi, persone e leggende. Ma è anche un focus sull’equilibrio ambientale e sui fenomeni naturali, come nell’opera di Billy Doolan e in quella di Dorothy Club. E se i cerchi concentrici collegati tra loro altro non sono che i percorsi degli Antenati all’epoca del dreamtime, elementi di vitale importanza come pozzi e corsi d’acqua diventano rispettivamente linee ondulate e cerchi.

Con la fotografia si colloca in ambito più contemporaneo la concezione espressiva di Paola Balla, testimone delle devastanti ripercussioni della colonizzazione di una società tribale che, nonostante sostanziali trasformazioni, nei limiti del possibile ha difeso il concetto di dreaming. Che dalla notte dei tempi li consacra a legittimi proprietari, nonché custodi del proprio territorio. Affinché il sogno non diventi ricordo.

Roberta Vanali

dal 12 febbraio al 1° maggio 2011
Dreamtime. Lo spirito dell
’arte aborigena
a cura di Maree Clarke e Amanda Jane Reynolds
MAN
Via Sebastiano Satta, 15 – 08100 Nuoro
Orario: da martedì a domenica ore 10-13 e 15.30-19.30
Ingresso: intero € 3
; ridotto € 2
Info: tel. +39 0784252110; [email protected] ; www.museoman.it

CONDIVIDI
Roberta Vanali
Critica, curatrice e giornalista d’arte contemporanea. Ha collaborato con le riviste d’arte Ziqqurat, Terzocchio e Grandimostre. 2000/2010 Caporedattrice per la Sardegna della rivista online e cartacea Exibart. Da gennaio a dicembre 2006 direttrice della Galleria Studio 20, via Sulis 20, Cagliari. Da marzo 2011 Caporedattrice per la Sardegna della rivista ARTRIBUNE Ideatrice della rubrica di iconografia Icon (on) Graphy per la rivista Artribune. Da aprile 2010 consulente artistica della galleria online Little Room Gallery. Da ottobre 2006 curatrice del blog BlogArte http://robertavanali.blogspot.com/ e della rubrica Interviews. Ha redatto circa 250 articoli e curato oltre cinquanta mostre in spazi pubblici, privati e musei.