Come è andata Mia Photo Fair? Il report della fiera di fotografia di Milano

Tante proposte interessanti, begli incontri, artisti internazionali e ottime offerte nel settore editoria. Ecco come è andata Mia Photo Fair. Il report della manifestazione appena chiusa

Giovanni Gastel, ELLE DECOR -HOPPER
Giovanni Gastel, ELLE DECOR -HOPPER

L’ VIII Edizione del Mia Photo Fair si è conclusa e noi cerchiamo di tirare le somme. Lo spazio è il solito, The Mall in zona Porta Nuova, a Milano. 130 espositori di cui 90 gallerie, delle quali 37 straniere, sono tanti in relazione allo spazio. La fiera è piuttosto migliorata rispetto alle scorse edizioni: è più pulita, meno fotoamatoriale, con presenze interessanti. Ottimi i contenuti della sezione editoria – anche con parecchie presenze internazionali -, collocata nel cuore del percorso. Interessanti le librerie giapponesi, in particolare Komyama Tokyo, ma non solo quelle, anche le italiane, le case editrici e altro ancora. Fitto e stimolante il programma culturale con collezionisti, autori, editori. Interessante inoltre la nuova atmosfera che si respira e che registra una certa volontà di varcare i confini della mera fotografia.

Agnese Purgatorio, Nella clandestinità, 2013, digital collage Lambda print on baryt paper, mounted on Forex, framed, 90 x 120 cm, Edition:1/5, Courtesy: Podbielski Contemporary
Agnese Purgatorio, Nella clandestinità, 2013, digital collage Lambda print on baryt paper, mounted on Forex, framed, 90 x 120 cm, Edition:1/5, Courtesy: Podbielski Contemporary

GLI STAND PIÙ INTERESSANTI

Main Sponsor della manifestazione è BNL Gruppo BNP Paribas, che assegna un premio agli artisti che prendono parte alla fiera, esponendo con le proprie gallerie di riferimento. Il premio è andato a Letizia Carriello, con il progetto Joie de Vivre, presentata dalla Galleria Massimo Minini. Tra gli stand più interessanti Spazio Damiani di Bologna con Hiroshi Sugimoto, Joel Meyerovitz, Larry Fink, Nuova Galleria Morone di Milano, interamente dedicato al lavoro messicano dell’artista spagnolo Felix Curto, Heillandi Gallery di Lugano con Davide Monteleone e il polacco Jacek Soltan, che ha lavorato anche con il nostro rimpianto Davide Mosconi. Straordinario il suo ritratto di Tilda Swinton del 1996.  Interessante il lavoro di Agnese Purgatorio sulla migrazione da Podbileski Contemporary, la galleria italo tedesca, che proponeva, tra gli altri, il raffinato lavoro di Yuval Yairi. Un lavoro che ha molti aspetti in comune con quello di Vera Rossi, proposto da Antonia Jannone, che nel suo doppio stand ha esposto anche il lavoro pittorico-architettonico di Marco PalmieriNotevoli sono anche i lavori di sapore geologico di Darren Harvey-Regan proposti da Passaggi di Pisa e quelli sullo spazio di Nicole Ahland alla galleria Wichtendahl di Berlino. Di un certo peso anche i focus sulla fotografia straniera, di matrice istituzionale, dalle Isole Baleari a Cuba, dall’Africa all’Ungheria.

CRITICITÀ

Se dovessimo trovare un difetto è legato all’allestimento, un po’ claustrofobico. I servizi offerti, da un punto di vista del riposo e della ristorazione non sono il massimo. Se si vuole visitare con la dovuta attenzione, la fiera merita qualche ora di tempo e un’area relax accompagnata da un buon tè o da un caffè caldo ben servito sarebbe, stata una perfetta ciliegina sulla torta.

– Angela Madesani

Evento correlato
Nome eventoMIA Photo Fair 2018
Vernissage08/03/2018 su invito
Duratadal 08/03/2018 al 12/03/2018
Generifotografia, fiera
Spazio espositivoTHE MALL
IndirizzoPiazza Lina Bo Bardi, 1 - Milano - Lombardia
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.