Eadweard Muybridge (1830 – 1904) era uno sperimentatore indefesso. In un’epoca in cui la fotografia era ancora un mezzo nascente, tutto da scoprire, l’artista inglese spinse i suoi confini un po’ più in avanti, studiando a fondo il movimento e prefigurando l’avvento del cinema.
In questa video-animazione, che fa parte di una serie sui pionieri della fotografia prodotta dal museo d’arte moderna di San Francisco, la sua storia viene sintetizzata efficacemente in pochi minuti: dalle esplorazioni della natura selvaggia di Yosemite al leggendario esperimento con il fucile fotografico che svelò al mondo la vera dinamica di un cavallo da corsa; dalla costruzione di uno studio fotografico mobile alla nascita dello zoopraxiscopio, fino al controverso processo per omicidio in cui fu coinvolto negli Anni Settanta dell’Ottocento per aver sparato all’amante di sua moglie.

Dati correlati
AutoreEadweard Muybridge
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.