L’immagine del suono. Una mostra fotografica a Perugia ripercorre la storia dell’Umbria Jazz

Fino al 10 settembre al Museo Civico di Palazzo della Penna a Perugia sarà possibile immergersi nel mondo dell’Umbria Jazz attraverso una mostra fotografica che ne ripercorre la storia, i protagonisti e le note.

L’immagine del suono #jazzaperugia
L’immagine del suono #jazzaperugia

Ormai dal 1973 la città di Perugia e il jazz vivono una storia d’amore indissolubile, che ha fatto della città umbra una delle capitali indiscusse di questo genere musicale che ogni anno nel mese di luglio ospita l’Umbria Jazz, uno dei festival più importanti a livello internazionale dedicati al panorama della cosiddetta “musica nera”. James Brown, Miles Davis, Eric Clapton, B.B. King e Bill Evans sono solo alcuni dei grandi nomi che si sono esibiti nella kermesse nel corso degli anni, regalando al pubblico performance indimenticabili. Oggi una mostra il Museo Civico di Palazzo della Penna a Perugia ripercorre, attraverso 335 scatti realizzati da Massimo Achilli, Andrea Adriani, Pietro Bandini, Giancarlo Belfiore, Michele Cantarelli, Giuseppe Cardoni, Elena Carminati, Roberto Cifarelli, Sergio Coppi, Riccardo Crimi, Matteo Crocchioni, Pietro Crocchioni, Simone Rossi, Andrea Rotili, Adriano Scognamillo, Enrico Scuro, Roberto Settonce, Filippo Sproviero, Oreste Testa, Francesco Truono, Roberto Ugolini e Barbara Zanon, tra gli altri, i momenti clou della storia dell’Umbria Jazz, rappresentando una delle più grandi mostre mai realizzate di fotografia di ambito jazzistico. L’immagine del suono #jazzaperugia è il titolo della mostra, curata da Angela Madesani e organizzata dal Comune di Perugia con la collaborazione della Fondazione di partecipazione Umbria Jazz, e che sarà visitabile fino al 10 settembre.

– Desirée Maida

L’immagine del suono #jazzaperugia
A cura di Angela Madesani
Fino al 10 settembre
Perugia, Palazzo della Penna
www.munus.com

CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.