Ultimo workshop del ciclo Codice Italia Academy, progetto collaterale al Padiglione Italia, curato da Vincenzo Trione per la 56° Biennale di Venezia. Un percorso didattico, che al tema della memoria – intorno a cui ruotava la mostra – ha affiancato quello del futuro, nel confronto fra maestri e nuove generazioni. Decine di studenti delle Accademie di Belle Arti di tutta Italia sono stati selezionati per prendere parte ai cinque workshop curati da Trione, associati ognuno ad un linguaggio creativo e affidati a cinque fra gli artisti del Padiglione: Andrea Aquilanti per il disegno, Nino Longobardi per la scultura, Davide Ferrario per il video, Giuseppe Caccavaleper la pittura, e infine, per la fotografia, Antonio Biasiucci.

Con quest’ultimo laboratorio si è chiuso, lo scorso 4 novembre, l’intero ciclo. Un sipario simbolico per tutto il progetto Codice Italia – che chiuderà i battenti il prossimo 22 novembre insieme alla Biennale di Enwezor – proprio mentre un po’ più in là, a Palazzo Grimani, apriva un’altra mostra: la collettiva con le opere prodotte dai 125 allievi, coinvoltinell’arco di questi sei mesi.
Hanno discusso di “Fotografia come paesaggio interiore”gli studenti di Biasciucci, che raccontano in questo collage di clip video la loro esperienza, fra temi trattati e sintonie innescate.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.