The Rome Guide for Terrorists. Un progetto di Francesco Amorosino

Dall’Universo a Google. In questi parametri è interpretabile il lavoro fotografico del fotografo romano Francesco Amorosino. In particolare, il suo ultimo lavoro sembra voler dimostrare la vera natura del mondo di oggi, utilizzando la fotografia nella sua etimologia più stretta.

Francesco Amorosino, The Rome Guide for Terrorists - Fiumicino Airport
Francesco Amorosino, The Rome Guide for Terrorists - Fiumicino Airport

Francesco Amorosino, classe 1984, ha un chiaro e già ben sviluppato progetto artistico. Il fotografo, romano di adozione, interpreta infatti la fotografia come un canale di espressione in grado di poter fornire le coordinate necessarie a definire il caos del mondo di oggi, rivelando se necessario ciò che si nasconde dietro la comune percezione.
Questo suo percorso prende avvio con The eternal search for balance, in cui tra fotografia e illustrazione, fantasia e realtà, crea immagini apparentemente sconnesse e senza logica, il cui scopo è fornire segni, simboli, spunti, per rendere il disordine (della vita) più ordinato. La serie Four axes, in particolare, propone i quattro assi delle carte che, rielaborati, diventano il simbolo di paura e speranza. Questi due elementi, nell’ottica del fotografo, appaiono come le principali componenti dell’esistenza umana oggi.

Francesco Amorosino, The Rome Guide for Terrorists - Military School Bracciano
Francesco Amorosino, The Rome Guide for Terrorists – Military School Bracciano

La paura, in particolare, stando al suo secondo lavoro, Fear is a fragile glass, è quell’elemento che osserva l’uomo al fine di destabilizzarlo e corrompere la sua immagine in relazione al mondo esterno. Qual è, dunque, la paura più contemporanea dell’uomo? La cospirazione. God’s plane è una guida che raccoglie quegli elementi, quali scie chimiche, fumi tossici, interpretazioni e sotto testi di discorsi ufficiali, in grado di visualizzare una teoria della cospirazione, intesa proprio come una fede, una ragione d’esistenza. Il lavoro, quindi, si struttura sulla ricerca e sull’unione di foto dell’autore, immagini web, QR code e link a video e documenti, all’interno di singoli portfolio e libri.
Il lavoro artistico di Amorosino, dunque, sembra essersi mosso dal generale al particolare attraverso scelte tecniche che mutano a seconda dell’obiettivo del fotografo. The eternal search for balance vuole fornire nuove forme e nuovi significati, quindi si struttura sul collage. Per rendere l’idea della fragilità umana di fronte alla paura, il fotografo utilizza l’emulsione liquida di argento fissata sulla gelatina in camera oscura. Quando, infine, il suo studio si concretizza sul mondo di oggi con God’s plane, la ricerca tecnica si focalizza sui materiali più contemporanei presi dal mondo web.

Francesco Amorosino, The Rome Guide for Terrorists - Rebibbia Prison
Francesco Amorosino, The Rome Guide for Terrorists – Rebibbia Prison

Il processo di ricerca di riconoscibilità del mondo si amplia con l’ultimo lavoro dell’artista romano, ossia The Rome guide for terrorists. Qui l’idea di selezione fotografica, di ricerca delle immagini maggiormente efficaci supera il concetto di creazione. Amorosino ha opzionato, infatti, screenshot da Google Maps e Google Street View – precisando accuratamente nelle didascalie la fonte – alcuni luoghi di Roma che non possono essere fotografati né violati dalla visione comune, pena l’accusa di terrorismo. Gli stessi, però, sono identificabili su Google. Si tratta di zone militari, ambasciate, carceri, l’aeroporto di Ciampino o l’interno del Quirinale. Amorosino sembra così voler affermare che nella contemporaneità il controllo non può del tutto esistere, perché tutto risulta accessibile, anche per chi volesse compiere atti terroristici.
La paura e la teoria del complotto sono chiavi di lettura del mondo d’oggi che si presenta maggiormente comprensibile anche attraverso la violazione dell’apparente inviolabile. In questo la fotografia si propone come il canale più efficace per mostrare la reale visione.

Davide Parpinel

www.francescoamorosino.com

CONDIVIDI
Davide Parpinel
Sono una persona che desidera avvicinare chiunque voglia all'arte e alle sue connessioni con l'uomo, la società, la storia, il presente, fornendo spunti e creando curiosità. Per compiere questa mia missione ho i titoli accademici, ho conseguito gli studi e le ricerche necessarie, ma soprattutto ho la volontà di portare chi mi vuole leggere a osservare gli sviluppi della materia artistica.