Biennale di Venezia 2019. Nominati per la prima volta 5 curatori per il Padiglione Canada

Per la prima volta un team di 5 curatori lavorerà a un progetto per il Padiglione canadese alla prossima Biennale di Venezia, dove farà il suo debutto l’arte Inuit grazie al collettivo di videoartisti Isuma

Photo AJ Messier. Kingulliit Productions
Photo AJ Messier. Kingulliit Productions

Dopo la velocissima assegnazione degli artisti al Padiglione Canada, alla prossima Biennale di Venezia 2019, che sarà diretta da Ralph Rugoff, ora è il turno della nomina dei curatori. Nel dicembre 2017, la National Gallery of Canada ha, infatti, affidato il proprio padiglione agli Isuma, collettivo guidato da Zacharias Kunuk e Norman Cohn, artisti di origine inuit impegnati nel racconto e nella trasmissione della cultura della loro comunità attraverso i linguaggi della videoarte. Gli stessi artisti hanno recentemente annunciato di aver selezionato il team curatoriale formato da AsinnajaqCatherine Crowston, Barbara Fischer, Candice Hopkins e Josée Drouin-Brisebois per la loro mostra canadese alla 58. Esposizione Internazionale d’Arte in Laguna. Si tratta della prima volta per il Padiglione del Canada a Venezia che una curatela sia affidata a un gruppo di curatori, tutti con esperienze internazionali come la Biennale di Venezia (sia di arti visive che di architettura) e documenta, e di lavoro con le comunità del nord, con conoscenze di cinema e di media attraverso la loro attività di registi e curatori.

I CURATORI

Left to right, Norman Cohn, Pauloosie Qulitalik, Lizzie Qulitalik, Mary Qulitalik, Rachel Uyarashuk, Jonah Uyarashuk, Zacharias Kunuk, on the set of Nunaqpa (Going Inland), 1990
Left to right, Norman Cohn, Pauloosie Qulitalik, Lizzie Qulitalik, Mary Qulitalik, Rachel Uyarashuk, Jonah Uyarashuk, Zacharias Kunuk, on the set of Nunaqpa (Going Inland), 1990

Siamo entusiasti di lavorare con il collettivo Isuma – Zacharias Kunuk e Norman Cohn – verso la realizzazione di un nuovo progetto multiforme per Venezia”, hanno reso noto in una dichiarazione congiunta i cinque curatori canadesi. “Ampiamente riconosciuta come la più importante forma di collaborazione tra artisti canadesi che racconta storie di relazioni coloniali e vita contemporanea da una prospettiva Inuit, Isuma ha una lunga storia di attivismonel movimento“Thinking for oneself”. I curatori sono enormemente onorati di poter ulteriormente aiutare a promuovere il loro punto di vista unico su questo popolo”. Isuma, che in inuktitut – la lingua eschimo-aleutina parlata dal popolo Inuit in Canada – significa “pensare” o “essere in raccoglimento”, è un collettivo fondato nel 1990 da Zacharias Kunuk, Norman Cohn, Paul Apak Angilirq (1954-1998) e Pauloosie Qulitalik(1939-2012) per preservare e raccontare la cultura e il linguaggio del popolo Inuit in tutto il mondo. Una cultura fortemente snaturata nel corso del tempo, a causa dei nuovi modelli di vita e dei mutamenti sociali che hanno condotto a conseguenti problematiche identitarie. Problematiche che, grazie all’impegno del collettivo Isuma, diverranno di dominio pubblico nella prima presentazione di arte Inuit nel padiglione del Canada.

– Claudia Giraud

https://www.gallery.ca/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).