Due mostre a Palazzo Reale a Milano e alla Fondazione Beyeler a Basilea celebrano Picasso nel 2019

Un artista immortale, celebrato in tutto il mondo con mostre, musei ed incontri di ogni natura. Tra le tante esposizioni in programma nel mondo vi raccontiamo quella che sarà inaugurata a Palazzo Reale a Milano e presso la Fondation Beyeler in Svizzera nel 2019

Pablo Picasso, La Camera blu, 1901 - olio su tela - Phillips Collection, Washington
Pablo Picasso, La Camera blu, 1901 - olio su tela - Phillips Collection, Washington

Le sue mostre registrano numeri da capogiro, chilometriche sono le file di visitatori che aspettano di ammirarne le opere, migliaia le esposizioni che gli vengono dedicate ogni anno, in grandi e piccole istituzioni, e i suoi lavori (in molti casi) hanno un valore inestimabile. Le Scuderie del Quirinale a Roma l’hanno celebrato solamente pochi mesi fa e anche la Tate Modern di Londra. Ora arriva a Milano a Palazzo Reale e alla Fondation Beyeler a Basel, in Svizzera, con due grandi progetti.

LA PIÚ GRANDE MOSTRA IN SVIZZERA

I dettagli sono ancora top secret, le date anche, le opere pure. Quello che è stato svelato dalla Fondation Beyeler, che ospiterà secondo alcuni “la più grande mostra del Maestro catalano, Pablo Picasso”, è il tema. Sarà un viaggio tra le sue opere forse meno popolari, non quelle del periodo cubista o di Guernica (che è stata celebrata in una grande mostra a Parigi, presso il  Musée national Picasso) per intenderci, ma quelle realizzate tra il 1901-1907 che corrispondono ai periodi “blu” e “rosa”. Si passa dalle malinconiche rappresentazioni dai toni freddi ai musicanti, giocolieri e circensi dalle tinte calde, in Svizzera protagonisti di questo percorso. La mostra, The Early PICASSO – Blue and Rose Period, è stata organizzata in collaborazione con il Musée National Picasso e il Musée d’Orsay di Parigi e sarà inaugurata a febbraio 2019.

PICASSO RITORNA IN ITALIA A PALAZZO REALE

Milano e Picasso. Una relazione che dura da anni. Dal 1953, per la precisazione, quando l’artista la scelse come sede per l’esposizione della sua Guernica, che errante per l’Europa cambiò innumerevoli volte sede fino a ritornare, nel 1981, a casa in Spagna, dove oggi è esposta presso il Reina Sofia di Madrid. Picasso ne aveva proibito, infatti, il rientro fino a che la dittatura Franchista non fosse caduta. Forse anche per questo legame sentimentale il capoluogo lombardo ha celebrato l’artista negli anni con retrospettive e mostre come quella del 2001, realizzata in collaborazione con i suoi eredi o la importante rassegna monografica del 2012. Oggi invece Palazzo Reale presenta Picasso Metamorfosi curata da Pascale Picard, un progetto che verrà inaugurato a ottobre e che si propone di indagare la profonda relazione tra Picasso e l’arte Antica – ceramiche, vasi, statue, placche votive, rilievi, idoli, stele – che ne hanno ispirato ed influenzato la ricerca. Saranno esposti circa 200 oggetti tra opere e pezzi d’arte antica provenienti da alcune delle più importanti istituzioni internazionali come il Musée National Picasso di Parigi, Musée du Louvre di Parigi, Musei Vaticani di Roma, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Musée Picasso di Antibes, Musée des Beaux-Arts di Lione, Centre Pompidou di Parigi, Musée de l’Orangerie di Parigi e Museu Picasso di Barcellona.

– Valentina Poli

Basel
The Early PICASSO – Blue and Rose Period
Fondation Beyeler
Baselstrasse 101, 4125 Basel, Svizzera
https://www.fondationbeyeler.ch

Milano // dal 18 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019
Picasso Metamorfosi
Palazzo Reale
Piazza del Duomo, 12, 20122 Milano MI
http://www.palazzorealemilano.it/wps/portal/luogo/palazzoreale

 

Dati correlati
AutorePablo Picasso
Spazi espositiviPALAZZO REALE, FONDATION BEYELER
Indirizzo
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.