Il fascino discreto del bianco e nero. Rä di Martino a Roma

Galleria Valentina Bonomo, Roma ‒ fino al 30 giugno 2018. La memoria collettiva è al centro della riflessione di Rä di Martino, in mostra nella galleria capitolina.

L’eleganza della Galleria Valentina Bonomo risiede nelle sue scelte accurate: mostre personali dal taglio pulito e artisti maturi – di sostanza ‒, che qui si esprimono con fare raccolto e temi significativi, come in un’intima conversazione. Stavolta il colloquio è con Rä di Martino (Roma, 1975), arrivata oggi a una fase apicale del suo percorso, con la vittoria del Premio Acacia 2018.
Ritroviamo qui i temi attuali della di Martino, ovvero l’esplorazione del mezzo fotografico nelle sue infinite possibilità e contraddizioni, in relazione ai nostri miti e codici di comunicazione. Sceglie ora di discutere la memoria collettiva attraverso fotografie d’archivio, un familiare caposaldo di attendibilità. Perciò con Open Trees, Fotocascate, Piper l’artista manipola le fonti per evidenziarne le ambiguità. Vaglia i documenti, li ritaglia, li sovrappone, li ri-fotografa per sviluppare in camera oscura una nuova narrazione di ricordi simulati, laccati dall’intrinseca e fascinosa autorevolezza del bianco e nero.
Come annota Peter Benson Miller dell’American Academy in Rome, i mezzi tradizionali di Rä di Martino non sono strumenti vincolanti ma spunti poliedrici.

‒ Giorgia Coghi

Evento correlato
Nome eventoRa di Martino
Vernissage18/04/2018 ore 18
Duratadal 18/04/2018 al 20/07/2018
AutoreRà Di Martino
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoVALENTINA BONOMO ARTECONTEMPORANEA
IndirizzoVia Del Portico D'ottavia 13 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Coghi
Nata e cresciuta a Roma, si è laureata in Storia dell’Arte moderna presso l’Università La Sapienza con una tesi su Joseph Wright of Derby. Fa ricerca sul Settecento italiano e inglese, ma si interessa anche di arte contemporanea. Ama gli episodi di eclettismo, viaggio e trasformazione, come pure le personalità difficili da definire. Ha dedicato quindi studi particolareggiati al Grand Tour, a Roberto Sebastián Matta e soprattutto a Henry Fuseli, sul quale ha redatto una scheda di catalogo nel volume Hogarth Reynolds Turner. Pittura Inglese verso la modernità (Fondazione Roma Museo, 2014). Ha collaborato come articolista con la pagina 4Arts e come aiuto curatore con il Museo Nazionale di Palazzo Barberini, il Derby Museum and Art Gallery in Inghilterra e con alcune gallerie romane.