Morto negli Stati Uniti l’artista Robert Indiana. Aveva 89 anni

Se ne è andato uno dei più importanti maestri della Pop Art, Robert Indiana. Tra le sue opere più famose c’è LOVE, che ha conquistato il mondo.

Robert Indiana, Love
Robert Indiana, Love

All’anagrafe si chiamava Robert Clark, ma tutti nel mondo dell’arte lo conoscevano come Robert Indiana. Nato nel 1928, è scomparso nella sua casa nel Maine, a Vinalhaven, il 19 maggio 2018 all’età di 89 anni, dopo aver letteralmente invaso il mondo con le sue opere. Considerato tra i maggiori esponenti della Pop Art, di lui il pubblico ricorda con affetto e commozione le sue installazioni LOVE, ancora oggi sfondo o protagoniste delle fotografie di addetti ai lavori e non. L’opera nasce nel 1964 per il MoMa di New York come Christmas Card, dopo di che diventa una vera e propria icona.

LOVE

L’opera, che lo stesso Indiana ha definito, secondo il New York Times, la più plagiata del XX secolo, è stata battuta in asta nel 2011 (uno dei pezzi della serie) per 4.1 milioni di dollari. Lo stesso New York Times rivela come l’artista abbia contribuito alla sua diffusione, creando ad esempio nel 1973 un francobollo per San Valentino, poi diventato uno dei più diffusi degli Stati Uniti. 

OLTRE L’AMORE

Ma a parte LOVE, Indiana, che prese il nome dallo Stato in cui nacque nel 1928, si concentrò in generale sul tema della parola, scegliendo le azioni più semplici della vita umana. Tra i suoi topoi c’è ad esempio EAT, mangia, soggetto altrettanto famoso delle sue opere, tanto da diventare nel 1964  il titolo di un film di Andy Warhol, in cui lo stesso Indiana mangia un fungo. Un altro ritratto dell’artista, sempre realizzato da Warhol è Bob Indiana Etc, della durata di 4 minuti.

ESORDI E MOSTRE

Gli esordi di Indiana, negli anni ’60, e la stessa scelta del nome dimostrano la sua fascinazione per la cultura americana, che si traduce in assemblaggi, dipinti e lavori che mescolano simboli, lettere, parole, a volte con richiami politici e sociali, altre con più disimpegno. La sua arte si completa con lo studio dell’incisione, in particolar modo della serigrafia, protagonista nella sua pratica. L’artista infatti è stato molto prolifico nel settore. Citare il suo curriculum di mostre sarebbe qui impossibile, tante sono state le occasioni espositive della sua vita. Una grande retrospettiva gli è stata dedicata dal Whitney Museum nel 2013. In Italia ultimamente lo abbiamo visto nella mostra LOVE, per l’appunto, al Chiostro del Bramante a Roma. Fioccano nel frattempo i saluti su Facebook da parte del mondo dell’arte. Tra questi, quello di Angela Vettese scrive: “Adieu Robert Indiana che ci ha insegnato a scrivere LOVE ovunque”.

Dati correlati
AutoreRobert Indiana
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.