Storie plausibili. Patrick Hamilton a Roma

Pastificio Cerere, Roma ‒ fino al 30 novembre 2017. Originario del Belgio, ma di stanza in Cile, Patrick Hamilton rilegge un importante capitolo della storia mondiale.

Patrick Hamilton, Ultramar Sur, exhibition view at Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2017
Patrick Hamilton, Ultramar Sur, exhibition view at Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2017

La linea contemporanea dell’arte in Cile è segnata da una concentrazione e riflessività che la distinguono nel panorama sudamericano circostante, spesso con la combinazione di strumenti espressivi diversi messi al servizio di indagini storico-antropologiche di forte impatto narrativo. Anche a tralasciare la lezione di un maestro come Alfredo Jaar, il nome del più giovane Rodrigo Valenzuela torna in questo senso presto in mente.
Esemplare, nel solco di tale linea, è anche Patrick Hamilton (Lovanio, 1974; vive a Santiago del Cile). Alla sua prima personale in Italia, l’artista ha allestito un’installazione sottile nei mezzi quanto potente per temi e suggestioni. Intorno alla storia dell’oro nazista che, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, sarebbe arrivato in Sud America sotto forma di componenti di trattori (ora in corso di recupero da parte di misteriosi acquirenti tedeschi), Hamilton combina disegni, fotografie, video e tecniche miste per allestire una camera della memoria e dell’invenzione. In questa cornice il racconto tenta i limiti della finzione e del plausibile, lasciando al visitatore l’inquietudine del verosimile.

Luca Arnaudo

Evento correlato
Nome eventoPatrick Hamilton - Ultramar Sur
Vernissage26/10/2017 ore 19
Duratadal 26/10/2017 al 30/11/2017
AutorePatrick Hamilton
CuratoreMarcello Smarrelli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE PASTIFICIO CERERE
IndirizzoVia Degli Ausoni 7 - Roma - Lazio
CONDIVIDI
Luca Arnaudo
Luca Arnaudo è nato a Cuneo nel 1974, vive a Roma. Ha curato mostre presso istituzioni pubbliche e gallerie private, in Italia e all'estero; da critico d'arte è molto fedele ad Artribune, da scrittore frequenta forme risolutamente poco commerciali, come raccolte di racconti, poesie, prosimetri, ma più di recente si diverte soprattutto con storie illustrate per bambini. In una vita perpendicolare è anche giurista e docente universitario, esperto di cose che qui non interessano.