Sud melanconico. Angela Maria Antuono a Roma

Krom Art Gallery‒Centro Sperimentale di Fotografia, Roma ‒ fino al 22 ottobre 2017. In mostra le fotografie di Angela Maria Antuono, che indaga con fare antropologico frammenti di quotidianità perdute. Una visione del “Sud” in bianco e nero per riflettere poeticamente sul senso del tempo.

L’iconografia di Angela Maria Antuono (Caianello, 1966) si alimenta di una conoscenza e di una consapevolezza della fotografia di interesse antropologico che in Mario Giacomelli, Cecilia Mangini e Annabella Rossi rispecchiano i motivi del bianco e nero pungente, di corpi e di paesaggi che diventano riflessione sociale e visiva dell’Italia del dopoguerra. Antuono indaga la realtà subalterna di Caianello, luogo ai margini, depositario nel sud di riti, di miti e di culti antichi, ancora oggi perpetuati nel tempo ancestrale dalla festa. La fotografa restituisce, attraverso questi fotogrammi, frammenti di vita, sorrisi anonimi di giovani e di vecchi stanchi, di donne sedute nei cimiteri assolati o ritratte in casa davanti ai simulacri del dolore. Il senso del tempo in queste istantanee si tramuta nell’attesa perpetua, in una alterità funerea sospesa in un intervallo melanconico di vita silenziosa. La complessità del bianco e del nero, come lente di ingrandimento nel fissare i tasselli di vite che furono, pone il fruitore in un contatto diretto ma lento, quasi come in un ricordo sbiadito che appartiene al tempo complesso della memoria.

Fabio Petrelli

Evento correlato
Nome eventoAngela Maria Antuono - I Sud
Vernissage11/10/2017
Duratadal 11/10/2017 al 22/10/2017
CuratoriGabriele Agostini , Luisa Briganti
Generifotografia, inaugurazione, personale
Spazio espositivoKROM ART GALLERY
IndirizzoViale Giovanni Vestri, 28 - Roma - Lazio
CONDIVIDI
Fabio Petrelli
Nato nel 1984 ad Acquaviva delle Fonti, è uno storico dell’arte. Laureato nel 2006 presso l’Accademia di Belle Arti di Roma con una tesi in storia dell’arte (Storie notturne di donne. La rappresentazione perturbante della donna dal XV secolo ad oggi), nel 2013 si laurea in Storia dell’arte presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata con una tesi in Arti visive del XXI secolo (Imago Mortis. La rappresentazione della morte nell’arte contemporanea). Ha collaborato per diversi musei e gallerie; autore di molteplici saggi a carattere demo-etno-antropologico e storico-artistico, in ambito critico attinge agli studi sull’universo simbolico dei rituali religiosi e di come tali forme culturali si riverberano nell’universo archetipico della storia dell’arte dall’antichità al contemporaneo.