200 anni di Kunstverein in Hamburg: festeggiati con Wolfgang Tillmans che si dà alle installazioni

In occasione del suo 200esimo anniversario, l’antica istituzione tedesca apre i festeggiamenti con una personale di Wolfgang Tillmans: un bilancio degli ultimi 30 anni che per la prima volta esula dalla fotografia.

Wolfgang Tillmans, Ohne Titel, 2015, Courtesy Galerie Buchholz, Berlin Cologne
Wolfgang Tillmans, Ohne Titel, 2015, Courtesy Galerie Buchholz, Berlin Cologne

Kunstverein in Hamburg, la più antica istituzione d’arte contemporanea ad Amburgo e una delle più antiche del suo genere in Germania, compie quest’anno 200 anni. È, infatti, dal 1817 che quest’associazione senza scopo di lucro porta avanti la missione di registrare e promuovere la storia artistica e culturale di stringente attualità di Amburgo, così come la sua politica e la sua società. Per festeggiare questo importante traguardo, l’istituzione tedesca ha avviato dall’inizio dell’anno un fitto programma di esposizioni, eventi, e anche una pubblicazione, mettendo in evidenza tutti quegli artisti che hanno avuto dei legami con la Kunstverein di Amburgo e che hanno lavorato con la sua storia in modo continuativo.

TILLMANS CONTRO LA BREXIT

Proprio come Wolfgang Tillmans che nella seconda città più popolosa della Germania ha vissuto dal 1987 al 1999 – esattamente trent’anni fa, dopo essersi trasferito dalla natìa Remscheid per prestare servizio civile – presentando qui le sue prime mostre personali al Café Gnosa, al Fabrik-Foto-Forum e al Front. Così sarà l’artista tedesco a dare il via alla cerimonia ufficiale per i festeggiamenti del bicentenario del Kunstverein in Hamburg – il prossimo 22 settembre – con una mostra personale dal titolo There were 30 years between 1943 and 1973. 30 years from 1973 was the year 2003, dove per la prima volta la sua ricerca artistica non è sostenuta prevalentemente dalla fotografia: ha, infatti, creato un’istallazione ambientale che ricorda un vecchio mercato costellato di elementi che sottolineano il suo impegno sociopolitico, come il sostegno alla campagna anti Brexit. Dopo le due grandi retrospettive di quest’anno alla Tate Modern di Londra e alla Fondation Beyeler a Riehen vicino a Basilea, Wolfgang Tillmans utilizza, così, il formato del Kunstverein per riflettere sul suo status quo e sulla società in un modo personale, ma non autobiografico.

– Claudia Giraud

Hamburg// dal 23 settembre al 12 novembre 2017
Wolfgang Tillmans
There were 30 years between 1943 and 1973. 30 years from 1973 was the year 2003
Kunstverein in Hamburg
Klosterwall 23 20095 Hamburg
www.kunstverein.de

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).