Il fallimento come linguaggio. Barbara Fragogna a Torino

Galleria Moitre, Torino ‒ fino al 17 settembre 2017. Dalla pittura alle installazioni, la mostra personale di Barbara Fragogna, impiegata anche sul fronte curatoriale, invade gli spazi della galleria di Alessio Moitre. A partire da un satirico comunicato stampa, l’artista veneziana presenta una variegata selezione dei suoi lavori più recenti.

La mostra di Barbara Fragogna (Venezia, 1975), concepita come una critica ironica, materica e intellettuale al patinato mondo dell’arte contemporanea e alle convenzioni sociali che regolano questo piccolo grande ambiente, ruota attorno alla tematica del fallimento creativo della pratica artistica. Il lavoro della Fragogna, che coinvolge le arti visive, la scrittura e le installazioni, è sviscerato principalmente attraverso la pratica pittorica e grafica, dalla quale emerge con forza una decisa componente di matrice informale che conduce lo spettatore a un confronto introspettivo con l’opera figurativa. In alcuni dipinti notiamo delle vere e proprie sezioni di masse di colore adagiate su fondo nero, in un altro, invece, osserviamo la fitta trama cromatica, che affascina per l’illusione prospettica, celare un volto umano o, come scrive l’autrice nel sarcastico comunicato-manifesto stampa, la rappresentazione del “Nano Interiore”, ovvero: “ In filorosolia e in psicopomatica il concetto di Nano Interiore è spesso evocato per rappresentare il delirio di disperazione ossia la palpebra bassa del contorsionismo del Sé in chiave pessiottimistica con picchi ironici e tragici”.

Giuseppe Amedeo Arnesano

Evento correlato
Nome eventoBarbara Fragogna - Don’t Step On Your Inner Dwarf
Vernissage27/05/2017
Duratadal 27/05/2017 al 02/07/2017
AutoreBarbara Fragogna
CuratoreSemaforo Brown
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MOITRE
IndirizzoVia Santa Giulia 37 bis 10010 - Torino - Piemonte
CONDIVIDI
Giuseppe Arnesano
Storico dell'arte e curatore indipendente. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all'Università del Salento e in Storia dell'Arte Moderna presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito un master universitario di I livello alla LUISS Master of Art di Roma. Giornalista pubblicista, iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti dal 2011, collabora come critico d’arte con Artribune dal 2011. Nel settore della comunicazione culturale, dal 2013 a oggi, ha lavorato con la Soprintendenza Speciale del Polo Museale Romano, con la Fondazione Torino Musei e la Fondazione Carriero a Milano. Tra le mostre recenti è co-curatore del progetto “Studio e Bottega - Tradizione e Creatività nel segno dell’Arte”, ideato da Ilaria Gianni e realizzato negli spazi della Fondazione Pastificio Cerere di Roma.