Fra classico e moderno. La monumentalità di Fabio Viale in Versilia

Lo scultore piemontese protagonista in Versilia con ben tre eventi: la mostra Door Release al Forte dei Marmi curata da Enrico Mattei e, a Pietrasanta, la scultura-istallazione Stargate. Oltre alla selezione di opere visibili fino a settembre presso l’ex Fonderia Luigi Tommasi.

Fabio Viale, Stargate, 2017
Fabio Viale, Stargate, 2017

Scultore dall’immaginario caleidoscopico, che spazia dai torsi tatuati agli pneumatici, ai teschi, Fabio Viale (Cuneo, 1975) accosta la profondità concettuale al virtuosismo della tecnica, costruendo una contemporaneità spiazzante, che combina linguaggi fra loro distanti, ma di grande effetto visivo.

FRA IPERREALISMO E SUGGESTIONI CLASSICHE

Dall’Antica Grecia agli oggetti della contemporaneità, Fabio Viale infonde alla materia quell’imponenza tardo rinascimentale che fu di Michelangelo, accompagnata da una certosina perizia nel cesellare ogni minimo particolare, in una perenne tensione volta a superare i limiti: dell’oggetto, approfondendo ed espandendo l’idea di materia, scavandola, incidendola, creando pieni e vuoti, zone di luce e d’ombra, secondari percorsi interni; e del concetto, il cui orizzonte temporale si allarga, rivestendosi di nuovi significati.
Viale tocca le corde dell’iperrealtà scolpendo in marmo pneumatici per fuoristrada, riproducendone le scanalature e i segni d’usura del battistrada. E il riferimento all’antichità greca e rinascimentale non è un omaggio in senso classico, bensì è funzionale alla volontà dell’artista di creare una frattura. L’imponenza di certe icone dal significato civile, come i kouros ad esempio, acquisisce una nuova profondità quando coperta con i tatuaggi che i detenuti sovietici erano soliti applicare sui loro corpi; la figura del cittadino ateniese o tebano, uomo libero dotato di libertà civili e politiche, diviene simbolo di libertà in prigione, per dirla con Malaparte. Suggestiva la Venere, simbolo di bellezza per eccellenza, che porta tatuati sul corpo frammenti di antichi affreschi medievali che ricordano il Trionfo della Morte; l’orrido reale, e quotidiano, che si contrappone al bello mitologico.

Fabio Viale, Venus, 2017
Fabio Viale, Venus, 2017

OLTRE IL QUOTIDIANO

La poetica scultorea di Viale si dispiega anche nel doppio evento di Pietrasanta. Presso l’ex Fonderia d’Arte Luigi Tommasi, la selezione di scultore prosegue idealmente la mostra del Forte, mentre Stargate, appositamente pensata per la Project Room della galleria, apre letteralmente nuovi sentieri. Come per altre opere, Viale opta per umili oggetti d’uso quotidiano, in questo caso una cassetta utilizzata per il trasporto di frutta e ortaggi. Nella sua marmorea impostazione “monumentale”, l’artista la trasforma in una “porta magica” o stellare, nel transfer per avventure dell’immaginario infantile, ma anche mezzo per “ribaltare” la banalità del quotidiano, per aprire un varco nella quarta dimensione, alla stregua delle antiche porte in pietra della simbologia alchemica, che anche nell’Italia del Seicento conobbero ampia diffusione.
Una scultura “esplorabile”, imponente nelle dimensioni e delicata nella materia – quel marmo di michelangiolesca memoria –, che il pubblico può calpestare, esplorarne la trama di pieni e di vuoti, lasciandosi “catturare”.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoFabio Viale - Door Release
Vernissage24/06/2017 ore 18,30
Duratadal 24/06/2017 al 24/07/2017
AutoreFabio Viale
CuratoreEnrico Mattei
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFORTINO
IndirizzoPiazza Giuseppe Garibaldi - Forte dei Marmi - Toscana
Evento correlato
Nome eventoProject Room - Fabio Viale
Vernissage08/08/2017 ore 18,30
Duratadal 08/08/2017 al 24/08/2017
AutoreFabio Viale
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA POGGIALI
Indirizzovia Garibaldi 8 - Pietrasanta - Toscana
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.
  • Angelov

    Stargate.
    La trasgressività dove meno te l’aspetti: esiste forse un codice ovvio tra gli scultori che lavorano in pietra o legno in generale, ed in marmo in particolare? La loro sensibilità peculiare verso ciò che è materia, e l’energia in essa percepita, farebbe in modo che normalmente il volume di materia sottratto sia in relazione al volume di materia rimasto nella scultura finita, in un rapporto anche regolato da una specie di buon senso spaziale: chi scolpisce ama e rispetta così tanto la materia che vorrebbe conservarla intatta e sottrarne in meno possibile, lavorando su margini il più ridotti possibile.
    In altre parole, abbattere un albero per scolpirlo, ed avere alla fine uno stuzzicadenti, non fa parte di questo codice ovvio che, ahimè i più non riconoscono…