Storie di pixel e cristallo. Fiorindi e Floriani a Venezia

Veniceinabottle, Venezia ‒ fino al 3 settembre 2017. Due artisti interpretano la materia degli specchi veneziani in chiave contemporanea. Mescolando richiami sexy a tecniche tradizionali, senza dimenticare un tocco di kitsch.

Giada Fiorindi & Federico Floriani. Lemon in my eyes. Veniceinabottle, Venezia 2017. Photo Adriana Scalise
Giada Fiorindi & Federico Floriani. Lemon in my eyes. Veniceinabottle, Venezia 2017. Photo Adriana Scalise

C’è stato un tempo, quando la città era accorta e saggia, il tempo in cui l’arte già allora antica e preziosa del soffiare il vetro, arte giunta in Laguna dal ricco Medio Oriente […], quella sapienza di tecnica e creatività che trasforma l’umano in divino permettendo il miracolo alchemico di tramutare la sabbia in aerea essenza di colore, l’arte del vetro, occupava gente e luoghi con grande beneficio delle casse del Tesoro, oltreché, ben si intende, della fama della Repubblica di San Marco. Le poderose officine dai crogioli ribollenti di magma, residenze terrene di porzioni di sole, affocate concentrazioni di materia docile allo spirito creatore del maestro soffiatore, raccoglievano maestranze a migliaia”.
L’incipit del capitolo Murano, tratto dal libro Lagunario, emozionale racconto storico-geografico intriso di fantasia e sapere che la scrittrice veneziana Isabella Panfido dedica alla sua città, offre un interessante spunto di riflessione su questa antica attività, tanto nota quanto poco conosciuta, qual è l’arte vetraria veneziana. La bellezza, il fascino e la singolarità del vetro pregiato prodotto dalle “officine” muranesi, un tempo destinato alle lussuose corti europee, è frutto, ora come allora, dell’indissolubile connubio fra l’abilità dei maestri soffiatori e la bravura degli artisti ideatori.
È probabile che l’arte del vetro oggigiorno non arrechi “grande beneficio alle casse del Tesoro”, in una città forse non più così “accorta e saggia”, ma quel cortocircuito creativo, anche a distanza di secoli, può accadere ancora, e quando accade dà vita al famoso “miracolo alchemico” a beneficio di quanti hanno occhi per ammirarlo.
Ed è così per la mostra Lemon in my Eyes, con protagonisti Giada Fiorindi e Federico Floriani.

Giada Fiorindi & Federico Floriani. Lemon in my eyes. Veniceinabottle, Venezia 2017
Giada Fiorindi & Federico Floriani. Lemon in my eyes. Veniceinabottle, Venezia 2017

LA MOSTRA

Ha il gusto dolceamaro l’allestimento, “effetto boudoir” in salsa contemporanea, delle specchiere trasformate in opere scultoree. E mentre i disegni manga, dalle linee pudicamente erotiche, incisi negli specchi ‒ realizzati entrambi con tecniche incisorie e costruttive tradizionali ‒ contrastano volutamente con i decori baroccheggianti e rococò che li adornano, “stucchevolmente” kitsch appare la ricercatezza coloristica delle cornici degli specchi e dei drappeggi che ricoprono la stanza.
Unico contrappunto aspro alla bella, dolce mostra veneziana, è offerto dai gialli limoni disseminati a terra, che solo visibilmente, ma molto verosimilmente pregustiamo.

Adriana Scalise

Evento correlato
Nome eventoLemon In My Eyes
Vernissage01/07/2017
Duratadal 01/07/2017 al 03/09/2017
AutoriGiada Fiorindi, Federico Floriani
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoVENICE IN A BOTTLE
IndirizzoCastello 1794 30122 - Venezia - Veneto
CONDIVIDI
Adriana Scalise
Adriana Scalise lavora presso l'Archivio della Biennale di Venezia, laureata in Lingue Orientali (Arabo) e in Conservazione dei Beni Culturali (Storia dell'Arte) da oltre dieci anni nutre interesse nei confronti della Fotografia nelle sue varie declinazioni (storia, estetica e pratica fotografica). In qualità di ricercatrice indipendente collabora con diverse riviste del settore (Gente di Fotografia, Artribune, Fotostorica), partecipa a convegni e pubblica saggi (Verri, ed. Marsilio). Scrive poesie e da alcuni anni porta avanti un progetto fotografico dedicato a "se stessa".