Le azioni degli altri. Una collettiva a Roma

T293, Roma – fino all’11 marzo 2017. “Homo mundus minor”. La massima di Boezio può essere assunta come guida durante la visita agli spazi espositivi capitolini. I riassunti viventi del cosmo portano in questo caso i nomi di Lucas Blalock, Simon Denny, Maggie Lee, Woody Othello, Hannah Perry, Lui Shtini e Anna Uddenberg.

Corpi femminili a cavallo di trolley a buon mercato, i volti coperti da lunghe chiome bionde. Emuli di questi manichini, chissà quanti ossessionati dal dovere del viaggio transiteranno, reflex alla mano, dinanzi alle vetrine di T293, per potersi poi calare nell’atmosfera sognante di Trastevere. La ripetizione stereotipata delle convenzioni si consumerà perfetta, incurante del cortocircuito in atto a pochi metri di distanza. Nessuno di loro andrebbe a Liberland, nonostante i benefit per turisti quali mappa, francobolli e una valuta presumibilmente vantaggiosa. Con delusione, gli ambasciatori della società iperconnessa indagherebbero corpi solo accennati dal colore: troppa sommarietà per Instagram. La perfezione è lontana, il mondo in miniatura è debole per diritto di nascita e l’uomo pecca per il solo fatto di essere vivo. Ai temerari il compito di riconoscere la mano dell’alteratore.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoHomo Mundus Minor
Vernissage07/02/2017 ore 19
Duratadal 07/02/2017 al 11/03/2017
AutoriHannah Perry, Lucas Blalock, Simon Denny , Maggie Lee, Woody Othello, Lui Shtini, Anna Uddenberg
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoT293
Indirizzovia Ripense 6 - Roma - Lazio
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.