Una fiera d’arte il giorno prima dell’opening. Immagini dal dietro le quinte di Arte Fiera

Prospettive diverse, in attesa della preview che presenta l’arte pronta per il pubblico. Dipinti capovolti con nuove prospettive spaziali, installazioni allestite solo per metà e magari già efficaci

Di affari, ancora, non se ne concludono: o almeno non per le vie ufficiali, visto che probabilmente accordi fra galleristi già cominciano ad intercorrere fin dalla apertura delle casse con le opere da esporre. Eppure una fiera d’arte, il giorno prima dell’apertura per la preview, è un universo in frenetico movimento: standisti impegnati in impossibili contorsioni per appendere quella certa opera, galleristi pensosi nella scelta dell’arredamento, o nel mix di dipinti, installazioni, sculture da piazzare nei loro 20 metri quadrati. Ma soprattutto è un momento in cui è possibile stabilire un contatto diverso con le opere, più ravvicinato, privo delle “barriere” mentali create dal momento pubblico: opere che ancora a terra sul pavimento presentano aspetti diversi e nuovi, dipinti capovolti con nuove prospettive spaziali, installazioni allestite solo per metà e magari già efficaci. Noi ci siamo entrati ad Arte Fiera di Bologna: ecco una galleria di immagini del dietro le quinte…

Evento correlato
Nome eventoArte Fiera 2017
Vernissage26/01/2017 ore 17 su invito (preview sempre su invito ore 12-21)
Duratadal 26/01/2017 al 30/01/2017
Generiarte moderna e contemporanea, fiera
Spazio espositivoBOLOGNAFIERE
IndirizzoViale Della Fiera 20 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.