Andrea Bruciati e l’olio dell’Imperatore. A Villa Adriana la cultura passa anche dalla terra

Dall’arte contemporanea all’archeologia: la sfida di Andrea Bruciati, nuovo direttore di Villa Adriana e Villa d’Este, porta buoni frutti. In tutti i sensi. Dall’aumento dei visitatori a un olio d’oliva che ridesta il ricordo dell’Imperatore e dei suoi possedimenti…

Villa Adriana a Tivoli
Villa Adriana a Tivoli

Costruire significa collaborare con la terra, imprimere il segno dell’uomo su un paesaggio che ne resterà modificato per sempre […]. Costruire un porto significa fecondare la bellezza d’un golfo. Fondare biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire”.
Così scriveva Marguerite Yourcenar nel suo Memorie di Adriano, tracciando – parola dopo parola – una corrispondenza tra storia, natura e cultura, rivelatasi nel cuore dello spazio letterario. L’autoritratto epistolare del vecchio Imperatore dischiudeva segreti che ancora oggi risuonano, specialmente in quei luoghi che di Roma e del suo Impero furono teatro, un paio di millenni fa.
Tutte cose che ben conosce Andrea Bruciati, da marzo 2017 direttore di Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli, vincitore di uno dei concorsi banditi dal Ministero dei Beni Culturali nel quadro della riforma Franceschini. Cose che sta oggi trasformando in lavoro, in racconto, in proposta culturale. Perché di quei luoghi e di quelle storie ha innanzitutto provato a cogliere il timbro: si è messo in ascolto, in contatto, accostando lo studio all’esercizio della sensibilità.

Andrea Bruciati, direttore artistico di ArtVerona
Andrea Bruciati, direttore artistico di ArtVerona

L’OLIO DI ADRIANO

In soli 8 mesi il bilancio è positivo: più di 700.000 visitatori; alcuni spazi suggestivi restituiti al pubblico (dal Teatro Marittimo a Villa Adriana all’Arco di Trionfo a Villa d’Este); la riapertura della Mensa Ponderaria nel centro di Tivoli; un bando di concessione per servizi di ristorazione e caffetteria mediante veicoli street food; borse di studio per tirocini post lauream destinati ad archeologi ed agronomi; un accordo fra Palestrina, Subiaco e Tivoli per la costituzione di un distretto turistico sostenibile…  Ed è solo l’inizio. Senza dimenticare le connessioni con l’arte contemporanea, su cui Bruciati ha annunciato di voler investire e intorno a cui c’è moltissima attesa.
E a fine 2017 è spuntato anche l“Olio di Adriano”, la cui eco è giunta oltreconfine, sulle colonne del Telegraph e di Die Presse. Un olio pregiato, estratto dai 3500 ulivi plurisecolari che dominano i 40 ettari della splendida Villa Imperiale: l’Unesco la dichiarò Patrimonio dell’Umanità nel 1999. Perché dunque non valorizzarne ogni angolo, ogni memoria, mettendo a frutto tutta la bellezza che c’è? Non solo l’arte, le monumentali mura, le terme, i padiglioni, le fontane, i reperti archeologici, il panorama. Anche la terra torna a essere ricchezza.

L'Olio di Adriano
L’Olio di Adriano

A novembre, da un’idea di Bruciati, si dà il via alla prima raccolta, sfornando 78 bottigliette numerate da vendere nel bookshop del museo. Dall’anno prossimo si punterà a rodare, perfezionare ed ampliare la produzione. Ed è come un balzo in avanti, unendo la valorizzazione dei luoghi d’arte alla cultura del chilometro zero, dello slow food, del doc e del bio. Così nascono piccoli casi studio, segni e spazi d’identità in cui riconoscersi e riconoscere certi valori. Ma è anche e soprattutto un giro nella macchina del tempo: l’analisi del sito archeologico consente di ripercorrere l’evoluzione del paesaggio, dall’epoca della costruzione della villa fino ai nostri giorni, lasciando materializzare – tra l’osservazione e l’immaginazione – i giardini di Adriano e le antiche zone agricole, già allora destinate a coltivazioni di vite e di olivo.

AmaRè, l'amaro prodotto con le erbe della Reggia di Caserta
AmaRè, l’amaro prodotto con le erbe della Reggia di Caserta

COLTIVANDO BELLEZZA. A TIVOLI COME A CASERTA

Viene in mente, a proposito dei super direttori post riforma, l’esperimento voluto da Mauro Felicori alla Reggia di Caserta, anch’essa in una fase particolarmente felice: ottenuto dall’infusione di erbe officinali del “Real Giardino Inglese” della Reggia, con la sapiente lavorazione della Distilleria Petrone, il liquore AmaRè è il simbolo di un’antica tradizione officinale mediterranea, ma anche di un modo diverso d’intendere la promozione culturale e la vocazione del museo.
Quale dunque il segreto di esperienze simili? Pragmatismo e abilità gestionale, unite a un certo romanticismo di fondo: il senso dell’armonia tra architettura storica e paesaggio, passato e presente, uomo e natura, identità e ricerca, emergono spesso dalle riflessioni di Bruciati, nell’amore per quei siti, nella volontà di trasformarli daccapo in corpi vivi. Una boccetta d’olio d’alta gamma, nel mezzo di un tesoro archeologico del II secolo d.C.: un fatto di germinazioni, comunque. Coltivare memoria e desiderio, distillarne bellezza, ritrovarci l’Italia e il suo marchio indelebile, non per forza sbiadito.

–  Helga Marsala

www.villaadriana.beniculturali.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Da gennaio 2018 è Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana.
  • http://www.saatchiart.com/grazi Roberto Scala

    arte dell’olio

  • Luca Rossi

    Con tanti giovani artisti che si muovono come archeologi all’Indiana Jones, questa mi sembra un’operazione consapevole. Ancora una volta il curatore-manager-autore ammicca all’essere lui artista, in una confusione di ruoli che non può essere che salutare.