Verso Estampa a Madrid: 5 mostre da non perdere nei giorni della fiera di arte contemporanea

La capitale spagnola entra nel vivo della sua settimana dedicata ai 25 anni della Fiera Estampa con una serie di mostre dal respiro internazionale. Ecco una selezione dei 5 appuntamenti da non perdere.

Un'opera di Escher
Un’opera di Escher

Non è fatta di solo mercato e arte contemporanea la settimana che, fino al 24 settembre al Matadero Madrid vede la Fiera Estampa, l’evento fieristico spagnolo di maggior riferimento per il collezionismo privato nazionale, compiere i suoi primi 25 anni di vita. Per quella c’è già stata Apertura Madrid Gallery Weekend (14-16 settembre) con la presenza di 46 gallerie –  che compongono l’associazione di gallerie  Arte_Madrid che partecipano regolarmente alle più prestigiose fiere internazionali, come Art Basel, Frieze, The Armory Show, FIAC, Artissima, Art Basel Miami – a dominare la scena. Ora è il turno delle istituzioni spagnole riunite al Paseo del Arte – il triangolo dell’arte di Madrid – uno dei luoghi con la maggior concentrazione di bellezza in tutto il mondo, dove in poco più di un chilometro troviamo il Museo del Prado, il Thyssen-Bornemisza, il Reina Sofía e il CaixaForum Madrid. Qui, l’offerta delle mostre temporanee mira a offrire ai collezionisti privati e professionisti del mercato di tutta Europa arrivati in città per la fiera, un vero e proprio viaggio nella storia, con esposizioni che vanno dai capolavori della pittura cinquecentesca veneta a un inedito Velázquez al Prado, dove si attende la sua prima mostra di arte contemporanea con la personale di Cai Guo-Qiang a ottobre.

Claudia Giraud

1. ESCHER IN UN’EX DISCOTECA IN CENTRO

Escher. Exhibition view at Palacio de Gaviria Madrid 2017

Il genio del surrealismo olandese, Maurits Cornelis Escher (Paesi Bassi, 1898 – 1972) è il protagonista di questa mostra di grande successo internazionale, già esposta a Bologna, Roma, Treviso e Milano. Qui si possono ammirare 200 opere che hanno influenzato scienziati, la fantasia dei designer e il mondo dell’arte, il tutto nella cornice di uno dei tesori architettonici del centro di Madrid, che riapre le sue porte dopo diversi anni di chiusura, da quando ha smesso di essere una delle più famose discoteche della capitale e riferimento per un’intera generazione: il Palacio de Gaviria. Tra i più lussuosi del suo tempo, Palazzo Gaviria fu progettato seguendo i modelli romani nello stile dei palazzi rinascimentali italiani sotto l’ispirazione del romano Palazzo Farnese. La sua scala con balaustra e gli affreschi di Joaquín Espalter y Rull sono alcuni degli elementi più spettacolari che caratterizzano il palazzo e che il pubblico potrà nuovamente ammirare ancora per qualche giorno, grazie alla proroga della mostra al 24 settembre.

Escher
Fino al 24 settembre 2017
Palacio de Gaviria
Calle Arenal, 9
http://www.eschermadrid.com/

2. IL RINASCIMENTO A VENEZIA AL MUSEO THYSSEN-BORNEMISZA

Palma il Vecchio, Ritratto di donna detta La Bella, c. 1518 20. Olio su tela 95 x 80 cm. Museo Thyssen Bornemisza, Madrid

Ultimi giorni anche per questa mostra che riunisce i capolavori della pittura cinquecentesca appartenenti alla scuola veneziana, provenienti da importanti collezioni e musei. Tra gli artisti figurano grandi nomi come Tiziano, Tintoretto, Veronese e Lotto, nelle cui opere è possibile ammirare l’importanza del colore e l’osservazione della natura attraverso l’immagine del potere e della bellezza come argomenti, la distruzione della pennellata e del colore nelle opere degli ultimi anni, ritratti, temi pastorali, mitologici e religiosi, che permetteranno di scoprire l’evoluzione di questa pittura creata in una delle più belle città del mondo, Venezia.

El Renacimiento en Venecia. Triunfo de la belleza y destrucción de la pintura
Fino al 24 settembre 2017
Museo Thyssen-Bornemisza
Paseo del Prado, 8
http://www.museothyssen.org/thyssen/exposiciones_proximas/149

3. NUOVA ARTE SLOVENA AL MUSEO REINA SOFÌA

Museo Nacional Reina Sofia. Fotografia Joaquin Cortes Roman Lores

Il Museo Reina Sofía presenta la prima retrospettiva in Spagna del gruppo di artisti NSK (Neue Slowenische Kunst), Nuova arte slovena, ospitando materiale sul lavoro del gruppo nelle sue varie forme: eventi pubblici, concerti, esposizioni, rappresentazioni teatrali, spettacoli, manifesti, interviste e numerosi documenti e testimonianze. Il NSK riuniva collettivi e gruppi artistici come Laibach, Irwin e Scipion Nasice Sisters Theatre/SNTS, che si ispiravano principalmente all’avanguardia russa, al Bauhaus e a Fluxus e ha rappresentato una vera e propria esplosione culturale nella Jugoslavia degli anni ’80 del XX secolo, durante la Guerra Fredda.

NSK del Kapital al Capital. Neue Slowenische Kunst
Fino all’8 gennaio 2018
Museo Reina Sofía
Calle Santa Isabel, 52

http://www.museoreinasofia.es/exposiciones/nsk-kapital-capital

4. VELÁZQUEZ INEDITO AL MUSEO DEL PRADO

Felipe III. Velázquez. American Friends of the Prado Museum, donato da William B. Jordan Philip III. Velázquez. American Friends of the Prado Museum, donato da William B. Jordan

L’opera Ritratto di Filippo III, recentemente attribuita a Diego Velázquez (Siviglia, 1599-Madrid, 1660), è stata donata alla American Friends of the Prado Museum da William B. Jordan, noto specialista in pittura spagnola, e viene esposta al pubblico come deposito temporaneo prorogabile. Il nuovo Velázquez è esposto accanto alla tela di Tiziano Filippo II offre al cielo l’Infante don Fernando, che è appena stato restaurato nelle officine del Prado e che era appeso proprio nell’Alcázar acccanto a L’espulsione dei moriscos da parte di Filippo III.

Retrato de Felipe III de Velázquez
Fino al 29 ottobre 2017
Museo del Prado
Paseo del Prado, s/n

https://www.museodelprado.es/actualidad/exposicion/velazquez-retrato-de-felipe-iii/ffa4a4ac-7001-4908-94bb-1aac7c2bdacf

5. L’ANTICA GRECIA AL CAIXAFORUM MADRID

Agon, la competizione nella Antica Grecia (c) The Trustees of The British Museum

Lo spirito competitivo che permeava ogni aspetto della vita nell’Antica Grecia è il protagonista di questa esposizione, che presenta una selezione di oggetti provenienti dalla spettacolare collezione del British Museum. Tra gli oggetti esposti nel famoso centro culturale progettato dagli architetti svizzeri Herzog & de Meuron figurano sculture, monete, ceramiche e gioielli, con pezzi iconici come il fregio del Mausoleo di Alicarnasso, che ritrae la battaglia tra i Greci e le Amazzoni, un busto in marmo di Euripide, uno dei tre grandi poeti della tragedia greca, e la statua del Diadumeno di Vaison, una scultura in marmo di un atleta che si cinge la fronte con la benda della vittoria.

Fino al 15 ottobre 2017
CaixaForum Madrid
Paseo Prado, 36
https://caixaforum.es/madrid/fichaexposicion?entryId=101176

Dati correlati
AutoriMaurits Cornelis Escher, Diego Velàzquez, Tiziano
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).