Una passione mortale. Storia dell’archeologo Fabio Maniscalco

Fabio Maniscalco era un giovane archeologo e un ufficiale della Brigata Garibaldi. E grazie a lui si applicò per la prima volta l’articolo 7 della Convenzione dell’Aja per la protezione dei beni culturali sul teatro di scenari colpiti da conflitti. Peccato che nessuno se ne ricordi…

Il cimitero musulmano di Alifakovac
Il cimitero musulmano di Alifakovac

1996: Sarajevo Landing. Grazie a Fabio Maniscalco, giovane archeologo e ufficiale della Brigata Garibaldi, si applica per la prima volta l’articolo 7 della Convenzione dell’Aja per la protezione dei beni culturali sul teatro di scenari colpiti da conflitti.
Basterebbe questo a farne un eroe nazionale e internazionale. Ma lui ha una colpa, una macchia indelebile che lo rende un personaggio scomodo: è morto. Ed è morto a causa dell’esposizione all’uranio impoverito utilizzato a piene mani durante le missioni militari nei Balcani, un quarto di secolo fa. Maniscalco ne è morto a 43 anni. E parlare di lui significa inevitabilmente parlare anche del come e del perché sia morto a quell’età.
È per questo che il libro edito da Skira, Oro dentro (pagg. 192, € 16), è ancor più prezioso. Punta il riflettore su un personaggio, anzi su una persona di cui andar fieri. E lo fa con un taglio più che pertinente, quello del giornalismo narrativo: ne nasce così un racconto come se ne leggono purtroppo pochi in Italia, grazie alle ottime penne di Laura Sudiro (che è anche archeologa) e Giovanni Rispoli. Penne che accompagnano il lettore in Bosnia e Albania, Kosovo e Medio Oriente, raccontando vicende di opere d’arte e di guerra, di predatori e architetture; raccogliendo testimonianze che diventano dialoghi vivi, certo nutriti di fiction, ma di quella che serve a rendere il discorso fluido e immersivo, senza nulla togliere alla realtà dei fatti, anzi restituendole proprio quella vitalità che i resoconti notarili fatalmente le scippano.

Laura Sudiro & Giovanni Rispoli – Oro dentro - Skira
Laura Sudiro & Giovanni Rispoli – Oro dentro – Skira

Ed è allora – ad esempio – quasi come stare sotto la neve a Sarajevo, insieme a Fabio Maniscalco e insieme a Le Corbusier, a osservare straniti il cimitero musulmano di Alifakovac, sulle colline intorno alla città; ad osservare il più bel cimitero musulmano d’Europa, almeno prima di trovarsi sotto il fuoco incrociato di assedianti e assediati. Quelle stesse colline, alla fine del conflitto, hanno perso gran parte del loro verde, perché punteggiate di steli bianche, le nisan: un immenso cimitero circonda infatti la città, un aggregato di piccole zone di sepoltura sorte laddove anni prima c’era i cecchini cetnici a sparare. Quelle tombe custodiscono migliaia di giovani nati negli Anni Settanta: un’intera generazione di bosniaci spazzata via.
Ecco, è così che Sudiro e Nispoli raccontano di cultura e di archeologia, di storia e di religione, di arte e di conflitti. Seguendo quel luminoso filo rosso che fu Fabio Maniscalco.

Marco Enrico Giacomelli

Laura Sudiro & Giovanni Rispoli – Oro dentro. Un archeologo in trincea: Bosnia, Albania, Kosovo, Medio Oriente
Skira, Milano 2015
Pagg. 192, € 16
ISBN 885722650
www.skira.net/books/oro-dentro

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #28

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.