San Valentino al museo: 6 modi per celebrare l’amore attraverso l’arte

Molte le iniziative organizzate dai musei italiani per celebrare la giornata di San Valentino attraverso l’arte e la bellezza. Dai selfie davanti a opere celebri come il Bacio di Hayez alle passeggiate sentimentali

Francesco Hayez - Il bacio - 1859 - Milano, Pinacoteca di Brera
Francesco Hayez – Il bacio – 1859 – Milano, Pinacoteca di Brera

In occasione della giornata di San Valentino, sono molte le iniziative organizzate dai musei italiani per celebrare l’amore insieme al proprio pubblico attraverso l’arte e la bellezza. Oltre all’ingresso canonico delle coppie con un solo biglietto, molti musei hanno pensato, ad esempio, di movimentare la visita in ottica social – una scelta condivisa da luoghi storici come il complesso museale e archeologico Villa Adriana e Villa d’Este di Tivoli e la Pinacoteca di Brera – oppure di studiare particolari visite guidate come nel caso del percorso “sentimentale” negli ambienti fulcro politico del potere sabaudo all’interno di Palazzo Reale a Torino. Ecco una selezione degli eventi migliori.

– Claudia Giraud

1. ICONE CONTEMPORANEE A VILLA ADRIANA E VILLA D’ESTE  A TIVOLI

Banksy, Kissing cops (sul Pecile)

L’arte e la bellezza antiche riattualizzate in senso contemporaneo. È quanto si propone di fare l’Istituto autonomo Villa Adriana e Villa d’Este di Tivoli in occasione della giornata di San Valentino: attraverso un curioso inserimento delle icone della modernità e della più stretta contemporaneità sui panoramici siti monumentali di Villa Adriana, Villa d’Este e il Santuario di Ercole Vincitore – ora riuniti sotto un’unica gestione autonoma e l’attenta direzione di Andrea Bruciati – si intende creare un nuovo immaginario. A tal proposito i profili Facebook del complesso museale e archeologico, per tutta la settimana che precede l’appuntamento, lanceranno una serie di post con le immagini tratte da celebri opere dei più importanti autori del XX secolo. Opere di Costantin Brancusi, Henri Toulouse-Lautrec, Banksy, Francesco Vezzoli, Edward Munch, Felix Gonzalez-Torres, Jesper Just, Disney, Yan Fudong, Roy Lichtenstein, Cindy Sherman, Luigi Ghirri saranno incorniciate dalla bellezza dei siti tiburtini, aggiornando in modo non convenzionale uno dei momenti chiave del rapporto sentimentale. Inoltre, nell’ottica della compartecipazione, le più intriganti foto scattate dai visitatori, con lo sfondo dei monumenti e caricate sui social network con l’hashtag #bacinvillae, potranno essere premiate con ingressi gratuiti ai siti di competenza. Infine, proprio nella giornata di San Valentino, il Santuario di Ercole Vincitore ospiterà un evento, curato dal personale interno, con video, letture poetiche e brani musicali eseguiti dal vivo, ispirati al tema dell’amore, per cui è previsto l’ingresso gratuito alle ore 16:00, su prenotazione (numero massimo 100 persone). La manifestazione, intitolata Racconti di pietra e d’amore 2, poiché prosegue una tradizione ormai consolidata, sarà accessibile a tutti, comprese le persone con disabilità motoria e visiva.

Istituto Autonomo Villa Adriana e Villa d’Este, Piazza Trento, 5
www.villaadriana.beniculturali.it

2. L’ACCADEMIA CARRARA DI BERGAMO CELEBRA L’AMORE TRA RAFFAELLO E LA FORNARINA

Francesco Gandolfi, Raffaello e la Fornarina, 1854, courtesy Accademia di Belle Arti di Brera, Milano

L’invito di Accademia Carrara di Bergamo è di rivivere la leggendaria storia d’amore tra Raffaello e la Fornarina (secondo la tradizione la figlia del fornaio di Trastevere), romanzata nei secoli da artisti come Francesco Gandolfi, Felice Schiavoni, Giuseppe Sogni, Dionigi Faconti. Tutti artisti presenti nella mostra in corso negli spazi espositivi della GAMeC Raffaello e l’eco del mito che, grazie al prestito delle Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Palazzo Barberini, presenta proprio il celebre ritratto de la Fornarina. Un amore intenso – quello tra il celebre e affascinante artista rinascimentale e la bella, giovane figlia di un fornaio senese, Margherita Luti, residente in Trastevere – entrato tardi nella mitologia raffaellesca, già nel Cinquecento quando Giorgio Vasari descrive Raffaello “dedito fuori di modo ai piaceri amorosi”. Tutte le coppie sono, così, invitate in mostra a scoprire il loro antico legame attraverso la suggestione delle opere esposte; a immedesimarsi e indossare il bracciale nominale, a scattare foto ricordo davanti a opere o a dettagli preferiti, a dedicarsi sguardi e a condividerli sulle piattaforme social: #raffaellesco – #raffaellove

Raffaellove
Spazi espositivi GAMeC, Via San Tomaso, 53 Bergamo
apertura straordinaria fino alle 21.00; ingresso ridotto per le coppie (10 euro a persona); visite guidate alle 17.30 e alle 19.00 e un aperitivo presso GAMeC Cafè.
www.lacarrara.it

LA VIOLENZA SULLE DONNE IN UN FILM DOC AL MAXXI

Cinema al MAXXI - Ma l'amore che c'entra?
Cinema al MAXXI – Ma l’amore che c’entra?

Nato come sperimentazione si è trasformato esso stesso in un’opera contemporanea, innovativa e originale diventando uno dei programmi più attesi per il cinema di qualità nella capitale: torna Cinema al MAXXI con molte novità e un programma che non è né un semplice cineforum né un festival tradizionale, ma che ha diversi tratti di entrambi. Per esempio, proprio nella giornata di San Valentino, viene proiettato nell’auditorium del MAXXI un film doc di Elisabetta Lodoli, Ma l’amore c’entra?, che affronta il tema della violenza sulle donne. Nel centro di riabilitazione LDV (Liberiamoci Dalla Violenza) di Modena, tre uomini raccontano la natura recidiva della loro violenza domestica – ma anche il dolore e lo stupore di dover fronteggiare la rabbia da cui nasce. Le loro confessioni, reinterpretate da attori professionisti, diventano voci protagoniste di un piccolo teatro di paesaggi ombre oggetti che è il set immaginario delle guerre di coppia che a volte diventano cronaca nera.

Elisabetta Lodoli – Ma l’amore c’entra? Ore 21
MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo – Via Guido Reni 4, Roma
www.maxxi.art

3. UN PERCORSO “SENTIMENTALE” AI MUSEI REALI DI TORINO

Palazzo Reale di Torino

Nel giorno di San Valentino Palazzo Reale propone un percorso “sentimentale” attraverso le sale di rappresentanza e l’Armeria. Negli ambienti fulcro politico del potere sabaudo affiorano tracce dei legami matrimoniali della dinastia, testimoniati da preziosi doni di nozze.

Musei Reali di Torino
Piazzetta Reale, 1 Torino
https://www.museireali.beniculturali.it

4. GIACOMO LEOPARDI E LORENZO LOTTO: IL SENTIMENTO DEL TORMENTO A RECANATI

Lorenzo Lotto, Annunciazione

Nel cuore del museo civico di Villa Colloredo Mels di Recanati è in corso la mostra dedicata al rapporto fra l’artista veneto Lorenzo Lotto e il poeta di casa Giacomo Leopardi. Proprio qui si terranno due brevi lezioni sull’eros e sentimento nelle vite e nelle opere di Giacomo Leopardi e Lorenzo Lotto, due cuori inquieti e tormentati che nella città marchigiana hanno lasciato il loro segno.

Villa Colloredo Mels, via Gregorio 12, Recanati
www.infinitorecanati.it

5. UN SELFIE DAVANTI AL BACIO DI HAYEZ A BRERA

Il bacio di Hayez – Pinacoteca di Brera, Milano

Dopo il successo dello scorso anno, in occasione di San Valentino, la Pinacoteca di Brera lancia di nuovo un’iniziativa social dedicata a tutti i suoi visitatori e follower che potranno farsi dei selfie e fotografarsi utilizzando come ispirazione quadri del museo. Tutti sono invitati, così, a fotografarsi davanti agli innamorati più famosi di Brera – Il bacio di Hayez – o ad altra opera che ispiri il sentimento amoroso e a condividere i propri scatti utilizzando come hashtag #lovebrera.

Pinacoteca di Brera, Via Brera, 28, Milano
www.pinacotecabrera.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).