Il tempo scorre, il tempo passa

Mentre il tempo scivola via, prende sempre più forma un cinismo culturale interessato solo a ciò che è “cool”. Perdendo di vista il senso critico e dando spazio a una guerra sottile e subdola.

Giovanni Battista Piranesi, Carceri d'Invenzioni, XIV. L'arco gotico, 1745 61
Giovanni Battista Piranesi, Carceri d'Invenzioni, XIV. L'arco gotico, 1745 61

Il tempo scorre, il tempo passa, sopra e attraverso le persone, le esistenze, gli oggetti – c’è qualcosa, tutto di orrendo in questo scorrere inosservato, oggi, perlopiù inosservato, come se di fatto la gente credesse che non la riguarda più, che non l’ha mai riguardata – aver “cancellato” il tempo è un’altra stupidaggine tipica di quest’epoca, un’ulteriore forma di degradazione: proprio l’averlo annullato in infiniti istanti, tutti uguali, è all’origine della devastazione storica, della presentificazione – e della nostalgia.
Non metterti in mezzo, non interporti – non metterti in posa, non recitare – da un pensiero fiorisce un altro pensiero, l’andamento è circolare, fatto di ritorni, ripiegamenti e digressioni – da un’epoca all’altra, da un decennio all’altro giù giù, porzioni sempre più ampie di ripetizioni senza senso e di svuotamenti e di mortificazioni – Anni Ottanta Novanta Zero e Dieci – insisti nel voler vedere l’evoluzione, un’evoluzione – frantumato un insieme, come ricostruire una comunità culturale sulle macerie? Come fare a esprimere ancora almeno la rabbia, il senso di perdita, quando proprio questi sono gli oggetti dell’esclusione e della rimozione, motivi di imbarazzo?
Ciò che era lo spirito dell’avanguardia, la forza motrice, la direttrice principale è divenuto con rapidità incredibile lo scarto. Qualcosa di cui disfarsi in fretta e senza rimpianti. Qualcosa che non ti fa essere alla moda, aggiornato, accettato – qualcosa da sostituire con il cinismo. Il cinismo culturale è la posa di anni e anni: fare finta che nulla conti, e che questa noncuranza sia segno di distinzione, sia cool. Fregarsene, disinteressarsi sommamente, ridicolizzare e ridimensionare tutto. Beh, non è figo né cool né contemporaneo – è agghiacciante.
È la mortificazione definitiva; la rinuncia a pensare e a mettersi in discussione; la distanza artificiale tra “noi” e “loro”, tra “me” e il “mondo”: l’accettazione rassegnata e compiaciuta del non-intervento sulla e nella realtà; l’accettazione acritica, passiva, delle cose-come-stanno, del presente così com’è, come appare e come ci viene consegnato…

Ciò che era lo spirito dell’avanguardia, la forza motrice, la direttrice principale è divenuto con rapidità incredibile lo scarto. Qualcosa di cui disfarsi in fretta e senza rimpianti. Qualcosa che non ti fa essere alla moda, aggiornato, accettato – qualcosa da sostituire con il cinismo.

Il tempo scorre, scivola via, e i giovani diventano non-più-giovani, ex-giovani, giovani-vecchi; in un Paese costruito per decenni, pazientemente, scientificamente, crudelmente a immagine e somiglianza degli anziani attuali (di coloro che sarebbero divenuti anziani), dunque un Paese irrevocabilmente e distopicamente anti-giovani adulti, anti-maturità, anti-responsabilità. Dichiaratamente e orgogliosamente squilibrato. Un regime di segregazione di fatto, costruito per giunta nel corso degli anni con la collaborazione attiva e fattiva dei discriminati (a loro insaputa?) – la legge non ammette ignoranza, così come lo squilibrio rende automaticamente i diritti privilegi – e da quel punto in poi un conflitto è tale anche se non viene riconosciuto da una delle due parti che si scontrano, anche se una delle due parti viene progressivamente divorata dall’altra; il conflitto rimane tale, e si sviluppa come tale anche se la retorica lo nasconde, impedisce la sua piena manifestazione. Non è questa peraltro la forma più sottile e terribile di guerra, quella che mentre annichilisce dice “è tutto a posto, va tutto bene, risolveremo tutto, ci stiamo adoperando per migliorare la condizione…”? La propaganda riuscita nega la violenza, nega lo stesso riconoscimento della violenza in quanto tale solo perché essa è camuffata, non ci sono stivali in faccia o sulla schiena, rastrellamenti, pestaggi, ma solo numeri e aspetti economici e vite tranquillamente devastate e disagi distribuiti giorno per giorno, speranze infrante, progetti assediati – ma chi li conta, chi li racconta, a chi interessano davvero?

Un Sistema è costruito, perfettamente edificato, completo di ogni aspetto e dimensione; un Sistema fatto per mangiare, triturare, spezzare, distorcere da una parte, favorire e proteggere il più possibile dall’altra”.

Un Sistema è costruito, perfettamente edificato, completo di ogni aspetto e dimensione; un Sistema fatto per mangiare, triturare, spezzare, distorcere da una parte, favorire e proteggere il più possibile dall’altra; un Sistema che si cela dentro un altro Sistema, una Realtà (sgradita e sgradevole) dentro una Finzione (gradita e gradevole). L’unica consolazione possibile è che, molto probabilmente e in modi di volta in volta diversi, è stato quasi sempre così: “Credo che i due processi stiano andando in direzioni opposte. Uno consiste in un annullamento, per modo di dire; un uscire-dall’esistenza. È il primo processo. Il secondo invece è un venire-al-mondo. Ma di qualcosa che non è mai esistito prima” (Philip K. Dick, Ubik [1968], Fanucci Editore 1998, p. 94).

Christian Caliandro

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #39

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).