Teatro. Le visioni oniriche di Pericle dentro un letto d’ospedale

Al Napoli Teatro Festival Italia torna il regista inglese Declan Donnellan, artista da sempre impegnato in una sperimentazione di natura empirica sul lavoro attoriale. Il suo “Périclès, prince de Tyr” è un malato che rivive, a tratti, la favola d’amore e di morte, di smarrimenti e riconoscimenti, raccontata da Shakespeare.

Declan Donnellan, Périclès, prince de Tyr. Napoli Teatro Festival 2018. Photo Patrick Baldwin
Declan Donnellan, Périclès, prince de Tyr. Napoli Teatro Festival 2018. Photo Patrick Baldwin

La vicenda di Pericle è la metafora di una ricerca morale. Meglio ancora, di una conquista di se stessi attraverso la sofferenza e le peregrinazioni. Il giovane principe scopre il male nel rapporto incestuoso che lega il re di Antiochia alla figlia, della quale egli avrebbe voluto fare la sua sposa. Impaurito se ne fugge perché la conoscenza di tanto sordido segreto può portare alla distruzione sua e del suo regno. Vanamente inseguito da un sicario, approderà dopo un naufragio a Pentapoli, in Cirenaica, e sposerà la figlia di quel re, Taisa, che subito muore per mare (salvo poi un miracoloso intervento per farla tornare in vita) dopo aver dato alla luce una bimba che egli chiamerà Marina. La sorte di lei sarà altrettanto avversa e dolorosa di quella del padre, passando anche dal rapimento, da tentativi di violenza e da squallidi bordelli. In un ordito picaresco di fughe, tempeste, naufragi, assalti di pirati, congiure, dispute d’amore, sortilegi, rinascite, agnizioni, e l’intervento divino di Diana, il finale vedrà ricomporsi la famiglia che le beffe del destino e la malvagità degli uomini avevano disperso.

Declan Donnellan, Périclès, prince de Tyr. Napoli Teatro Festival 2018. Photo Patrick Baldwin
Declan Donnellan, Périclès, prince de Tyr. Napoli Teatro Festival 2018. Photo Patrick Baldwin

LA STORIA

Opera romanzesca alquanto disorganica e complessa, considerata l’ultima di Shakespeare, Pericle principe di Tiro mette in campo molti registri stilistici: il lirico e il tragico, il comico e il grottesco, e sorprendenti variazioni narrative. Proprio questa discontinuità può servire da stimolo alla creatività e alla fantasia di un regista. E di inventiva ne ha molta l’inglese Declan Donnellan nel pensare e ambientare l’intera vicenda – adattata nella traduzione di François Guizot in lingua francese – all’interno di una moderna stanza d’ospedale con il protagonista malato tenuto in osservazione, il quale, sedato con la morfina, in alcuni momenti di lucidità si risveglia e rivive in maniera agitata le sue vicende di cui, di volta in volta, alternando ruoli diversi, sono improvvisamente protagonisti infermieri, dottori e parenti in visita, mentre il racconto viene continuamente interrotto e frammentato dalla routine medica. L’attualizzazione a tutti i costi non sempre è necessaria e non sempre funziona. Ci sono opere, specie i classici, che vanno trattate, rivisitate, rilette, con le dovute precauzioni, fra tutte quella di mantenere il senso e l’essenza di esse, il cuore del messaggio dell’autore. Qui testo e storie, versi poetici e parole attuali, ambientazione e rievocazione stridono parecchio, non collimano con una organica e coerente visione in un’unità narrativa che Donnellan intende come un viaggio nella memoria che la mente offuscata di Pericle compie vagheggiando di perdere, e poi di ritrovare, i suoi cari.

Declan Donnellan, Périclès, prince de Tyr. Napoli Teatro Festival 2018. Photo Patrick Baldwin
Declan Donnellan, Périclès, prince de Tyr. Napoli Teatro Festival 2018. Photo Patrick Baldwin

I PUNTI DEBOLI

Se la grande avventura interiore di Pericle viene circoscritta in un unico ambiente (opera del designer Nick Ormerod) dall’indubbio nitore visivo – una dettagliata stanza ospedaliera con annessa porta battente su un corridoio, color blu cobalto che si rifà alla tinta del mare –; se le azioni vengono riassunte in gesti e sequenze che vorrebbero rimandare agli eventi cruciali – fra cui la tempesta in mare, di cui udiamo lo sciabordio, risolta con il paziente che si versa sulla testa del liquido dall’orinale; la moglie Taisa portata via su una barella dopo la morte, solo apparente, durante il parto; lo scontro guerresco a Pentapoli trasformato in un polverone da dietro i vetri della porta battente; l’investitura dell’armatura di Pericle che altro non è che una camicia di forza –; se tutto questo, e altro ancora, brilla per originalità e immaginazione, non crea però alcun appiglio emozionale che ci possa restituire la leggerezza e la drammaticità, la forza della parola e la magia di Shakespeare. Se c’è una sequenza in cui avvertiamo un pulsare che ci riporta a un’attenzione di verità è quella del ricongiungimento di Pericle con Marina. Nell’incontro tra il padre gravemente malato e la figlia creduta per sempre scomparsa c’è qualcosa di autentico e di commovente che riaccende un bagliore di profonda umanità in questa versione alquanto bizzarra. Bravi, comunque, gli attori, tra cui l’eroe dalla chioma e barba brizzolata Christophe Grégoire. E con lui gli altri interpreti della produzione francese di Cheek By Jowl: Xavier Boiffier, Valentine Catzéflis, Cécile Leterme, Camille Cayol, Michelangelo Marchese, Martin Nikonoff.

Giuseppe Distefano

CONDIVIDI
Giuseppe Distefano
Critico di teatro e di danza, fotogiornalista e photoeditor, fotografo di scena, ad ogni spettacolo coltiva la necessità di raccontare ciò a cui assiste, narrare ciò che accade in scena cercando di fornire il più possibile gli elementi per coinvolgere il lettore/spettatore. L'esperienza di scrittura critica è maturata sul campo, cominciando negli Anni Novanta, scrivendo per il quindicinale "Città Nuova", e successivamente collaborando col mensile di spettacolo "Primafila" con recensioni e interviste a personaggi della danza, del teatro e del cinema; quindi col settimanale culturale "Il nostro tempo" e il settimanale di attualità "Carta". Collabora con "Ilsole24ore.com", col magazine "Danza&Danza", con "Artribune.com", con "Sipario.it" e con "cittanuova.it". Ha partecipato a mostre fotografiche e pubblicato il libro fotografico "Il teatro di Emma Dante nelle foto di Giuseppe Distefano" (Infinito edizioni).