Una mostra a Palazzo Braschi celebra la collaborazione tra artisti e il Teatro dell’Opera di Roma

Dietro le quinte del palcoscenico. Il 17 novembre il Museo di Roma a Palazzo Braschi inaugura una mostra-spettacolo che celebra la collaborazione del Teatro dell’Opera con i più grandi artisti del Novecento.

Enrico Prampolini il castello nel bosco bozzetto, 1942
Enrico Prampolini il castello nel bosco bozzetto, 1942

L’esposizione “Artisti all’Opera. Il Teatro dell’Opera di Roma sulla frontiera dell’arte da Picasso a Kentridge (1881-2017)” non sarà solo una presentazione scenica dei lavori selezionati, ma anche una ricostruzione del backstage, di solito nascosto allo sguardo dello spettatore. L’affascinante percorso dietro le quinte porterà alla scoperta delle creazioni teatrali dei più importanti musicisti, compositori, costumisti e registi. Non mancheranno i grandi nomi dell’arte contemporanea come Ceroli, Pomodoro, Guttuso, Burri,  Manzú e Calder e il frutto delle loro collaborazioni con il Teatro. Un posto speciale sarà riservato al lunghissimo sipario di Giorgio de Chirico dipinto per un “Otello” rossiniano. Da non perdere il recente lavoro di William Kentridge per “Lulu” di Alan Berg composto dai disegni a inchiostro che “corre sulla carta come fosse il sangue dell’accoltellamento”. Le immagini.

Anita Kwestorowska

Roma//dal 17 novembre 2017 all’11 marzo 2018
Museo di Roma a Palazzo Braschi
Piazza Navona, 2
http://www.operaroma.it/

CONDIVIDI
Anita Kwestorowska
Anita Kwestorowska, nata a Danzica, è giornalista dal 2007 iscritta nell’albo internazionale European Federation of Journalists IFJ a Bruxelles e dal 2005 nell’albo nazionale polacco SDP a Varsavia. Specializzata nei settori arte, moda e società, ha studiato filologia polacca presso l’Università Statale di Varsavia e storia dell’arte all’Università la Sapienza di Roma. In Polonia ha lavorato come annunciatrice nella televisione satellitare e come assistente al conduttore nella televisione nazionale polacca TVP. Ha fatto parte dell’ufficio stampa del Teatro dell’Opera di Varsavia. A Roma ha collaborato come corrispondente con le più importanti riviste d’arte in Polonia e ha gestito la rubrica culturale del mensile polacco in Italia “Nasz Swiat”. Attualmente scrive per il primo giornale polacco “Gazeta Wyborcza” e il mensile d’arte contemporanea “ARTeon”.