FROSINI / TIMPANO

FROSINI / TIMPANO ZOMBITUDINE TEATRO 2 – 23 novembre Teatro dell’Orologio, Roma Noi siamo loro e loro sono noi? Il nostro passato, il nostro presente e l’unico futuro. Lo Zombi è Il vecchio che non muore e il nuovo che non c’è. Lo Zombi è l’impossibilità della morte e dunque della resurrezione. Lo Zombi è […]

FROSINI / TIMPANO
ZOMBITUDINE
TEATRO
2 – 23 novembre
Teatro dell’Orologio, Roma

Noi siamo loro e loro sono noi? Il nostro passato, il nostro presente e l’unico futuro. Lo Zombi è Il vecchio che non muore e il nuovo che non c’è. Lo Zombi è l’impossibilità della morte e dunque della resurrezione. Lo Zombi è un morto che cammina e non sa dove va. Come noi. Gli Zombi siamo noi. Gli Zombi sono Daniele Timpano ed Elvira Frosini. Un uomo e una donna, rifugiati in un teatro insieme al pubblico. In questo spazio di illusoria resistenza attendono l’arrivo di qualcuno, di qualcosa: un nuovo inizio? La morte? Una rivoluzione?
Un cambiamento? Non si sa se bello o brutto, ma un evento sta arrivando.
O forse arrivano gli Zombi. Zombitudine non è uno spettacolo horror ma uno spettacolo sull’orrore di questo nostro tempo, su questa condizione di semi-vita che ci sentiamo addosso.
La Zombitudine, appunto. Gli Zombi siamo noi. La Zombitudine è la nostra condizione quotidiana.

 

http://romaeuropa.net/news/compagnia-frosinitimpano-zombitudine/

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.