Prospero, pizzaiolo in esilio. La Tempesta di Shakespeare vista da Irina Brook

Anche a Salisburgo, le opere subiscono di buon grado adattamenti e contestualizzazioni. Tocca pure alla Tempesta di Shakespeare. E i risultati sono nient’affatto negativi.

La Tempête - regia Irina Brook - (c) Patrick Lazic

La prosa, una delle sezioni del Festival di Salisburgo, è spesso ignorata dalla stampa. Ignorata poiché gli spettacoli presentati – anche i più innovativi, come il Faust integrale di Goethe, dalle 17 di sera alle 5 del mattino del giorno successivo – sono quasi sempre in tedesco e raramente arrivano in Italia. Il Festival 2012 offre due regie di Irina Brook in una ex-fabbrica metalmeccanica (adattata a sala per 700 posti): una rielaborazione di Peer Gynt di Henrik Ibsen e la Tempesta di Shakespeare. La prima è in inglese – tre ore e mezzo senza intervallo –, la seconda in francese intercalato da dialoghi in italiano e in dialetto napoletano e da qualche imprecazione in puro anglosassone, un’ora e quarantacinque minuti senza intervallo. La Tempesta, o meglio La Tempête – prodotta dalla Casa della Cultura di Nevers e de la Nièvres –, la si vedrà probabilmente a Roma e a Milano.
Irina Brook è figlia d’arte, ma cresciuta professionalmente a New York. Prima di tornare in Francia ha recepito gli aspetti migliori dell’avanguardia americana. In Italia si conoscono principalmente le sue regie liriche: una Traviata ambientata quasi interamente in una palestra con piscina, che una diecina di anni fa non venne apprezzata dal pubblico borghese delle “prime” bolognesi, e una Cenerentola, invece, in cui la vicenda si svolge in una cucina simil-Scavolini (accolta, sempre al Comunale di Bologna, con un certo favore). I suoi lavori più interessanti, però, sono quelli in cui, con un budget modesto e un cast multi-nazionale e multi-etnico, affronta i classici. Il suo Waiting for the Dream, tratto da A Midsummer Night’s Dream da Shakespeare, respinto da un grande teatro, è stato poi realizzato da una piccola cooperativa e ha collezionato, dal 2007, già più di 300 repliche in vari Paesi.

La Tempête – regia Irina Brook – (c) Patrick Lazic

Veniamo a La Tempête. Una scena unica: i resti di una povera trattoria-pizzeria su una spiaggia desolata. Cinque attori di varie origini (un italiano, un polacco, un australiano, due francesi ma dai nomi orientali), un po’ di musica registrata (da canzonette napoletane e arie d’opera in esecuzioni d’epoca a 78 giri). I cinque interpreti recitano (in francese ma con intercalari di altre lingue), danzano, canticchiano e danno vita a sette personaggi. Prospero non è un Duca deposto da un fratello sleale, ma è stato il proprietario del maggiore ristorante di Napoli da dove Alonso, in combutta con camerieri infedeli, lo ha cacciato. Dopo 27 anni, Prospero, ridotto a un povero oste di un isola semi-abbandonata, con il cameriere Ariele e il cane Calibano, organizza la tempesta che fa naufragare Alonso & Co., mette Ferdinando (figlio del suo rivale) alla prova come cuoco e gli consente di sposare la propria adorata figlia Miranda, perdona tutti e li rispedisce a Napoli, mentre lui resta sull’isolotto a meditare sulla “sostanza dei sogni”, la vera essenza di tutti gli uomini e di tutte le donne.
Lo spettacolo è veloce e accattivante. Il pubblico – in gran misura proveniente dal mondo culturale tedesco – lo segue con passione aiutato dai sovra-titoli. Bravissimi gli attori: Renato Giuliani, Ysmahane Yaquini, Bart David Soroczynsky, Hovnatan Havédikian, Scott Roehler.

Giuseppe Pennisi

www.salzburgerfestspiele.at

CONDIVIDI
Giuseppe Pennisi
Ho cumulato 18 anni di età pensionabile con la Banca Mondiale e 45 con la pubblica amministrazione italiana (dove è stato direttore generale in due ministeri). Quindi, lo hanno sbattuto a riposo forzato. Ha insegnato dieci anni alla Johns Hopkins University e quindici alla Scuola superiore della pubblica amministrazione; per periodi più brevi a Salerno e a Palermo. Ha scritto una dozzina di testi di economia, pubblicati in Italia, Gran Bretagna, Svizzera e Germania, ed è editorialista economico di un paio di quotidiani. Da quando aveva l'età di 12 anni la sua passione è l'opera lirica (specialmente del Novecento e meglio ancora se contemporanea coniugata con electroacustic e live electronics). Ha contagiato la moglie e in parte i figli. Vaga, quindi, da teatro a teatro. Con un calepino a righe e una matita rossa. Il riposo forzato è in una barcaccia.
  • Che bello…

  • Antonio

    Il teatro nasce come divertimento collettivo e sociale; a partire dall’Ottocento è stata un pò congelato sotto la campana di vetro dell’Arte (colta e borghese). Questi adattamenti, se realizzati con perizia, costituiscono un gradevole ritorno alle origini.