Romaeuropa Festival 2011. Presentazione

Scene, Digitalife, DNA-danza nazionale autoriale, Corpi resistenti, Suoni: è in cinque capitoli la nuova avventura artistica di Romaeuropa e lungo due mesi intreccerà i più diversi linguaggi contemporanei per la ventiseiesima edizione del Festival.

Saburo Teshigawara, Obsession, photo by Bengt Wanselius

Romaeuropa Festival 2011
TRY THE IMPOSSIBLE
DAL 7 OTTOBRE AL 30 NOVEMBRE
39 APPUNTAMENTI CON 150 ARTISTI DA 20 PAESI
PER LA 26A EDIZIONE DEL ROMAEUROPA FESTIVAL

Scene, Digitalife, DNA-danza nazionale autoriale, Corpi resistenti, Suoni: è in cinque capitoli la nuova avventura artistica di Romaeuropa e lungo due mesi intreccerà i più diversi linguaggi contemporanei per la ventiseiesima edizione del Festival.
Nei trentanove appuntamenti in programma, autori e artisti insieme a noi lanceranno al pubblico la sfida a provare l’impossibile –Try the Impossible è il titolo del Festival– penetrando un presente in profondo e incerto cambiamento e spingendosi oltre i confini del possibile per osare un percorso di ridefinizione di senso del nostro tempo.

Romeo Castellucci, Jan Fabre, Lloyd Newson e DV8, Saburo Teshigawara, Trisha Brown, Peter Brook, Mario Brunello e The Irrepressibles sono i graditi ritorni, ma la parola andrà anche alle nuove generazioni,
rappresentate da artisti come Hofesh Shechter, dai focus sulla nuova danza autoriale italiana e araba, dall’attenzione rivolta alle compagnie di ricerca teatrale italiana come Ricci|Forte e Muta Imago, e ai debutti ad alto contenuto tecnologico come Yuval Avital, Juste Janulyte e Luca Scarzella, Fabio Cifariello Ciardi e Uri Caine, e troverà in Digitalife le nuove fonti della creatività attraverso il rapporto tra arte e industrie avanzate.

Diretto da Fabrizio Grifasi, con Monique Veaute alla presidenza, il Festival nella sua 26a edizione è sostenuto dal Ministero per i Beni e attività Culturali, Comune di Roma, Regione Lazio, Provincia di Roma, Camera di Commercio, Fondazione Roma e Università Roma Tre, ed è prodotto dalla Fondazione Romaeuropa in collaborazione con Telecom Italia.
La collaborazione con Telecom Italia, già partner unico dell’Opificio Telecom Italia, si dispiega poi nei cinque appuntamenti a più alta componente innovativa della rassegna Metamondi: Sandglasses di Juste Janulyte e Luca Scarzella, Nasdaq Match 0.2 di Uri Caine e Fabio Cifariello Ciardi, Obsession di Saburo Teshigawara, Bach: Streetwiew di Mario Brunello e Teho Teardo, la creazione di Trisha Brown al Teatro Olimpico. A ribadire la propria vocazione a sostenere le arti performative di eccellenza, Telecom consentirà anche la possibilità di seguire su telecomitalia.com, sia streaming live sia on demand, gli ultimi tre appuntamenti appena citati.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE IN PDF

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.