Il regista e il compositore. 10 anni di “marzo berlinese” (II)

La rubrica “Ascolti” prosegue con la recensione del festival berlinese “Maerz Musik”. I giorni successivi, con star come Nicolai e Ikeda. E il nostro Luca Scarzella.

Alva Noto - Unitxt / univrs

Per la tematica di quest’anno, Maerz Musik non poteva non ospitare due star dell’audiovisual generativo come Carsten Nicolai (aka Alva Noto) e Ryoji Ikeda. Le performance sono ospitate nel monumentale edificio ex-DDR Trafo, una vecchia stazione di energia elettrica che ben s’adatta all’estetica di queste performance.
La nuova versione di Unitxt / univrs, di Alva Noto fa riferimento a un linguaggio universale che, come per la matematica, si trasforma in unità, costanti, misure, prefissi ecc. La grafica, come sempre, è il risultato della manipolazione in tempo reale di dati via software, ma la variabile è che Carsten Nicolai, questa volta, fa partecipare al processo performativo condividendo l’interfaccia del software con il pubblico. Le classiche forme d’onda monocromatiche tipiche della raster noton sono ora alternate con colori primari, che rimandano ancora una volta al linguaggio universale.

Ryoji Ikeda - Datamatics ver.2.0
Il secondo live audiovisual, Datamatics [ver.2.0] di Ryoji Ikeda, esplora le potenzialità percettive dell’invisibile multi-sostanza di dati che permea il nostro mondo. Utilizzando dati puri come fonte di suoni e immagini, Ikeda combina astratto e mimetico della materia, spazio e tempo in un lavoro monocromatico con accenti cromatici e fornisce allo spettatore una direzione in cui evolve spontaneamente un sistema, dando le coordinate per muoversi in una materia inerte che rimane inaccessibile e non decriptabile dal pubblico. In ogni caso, Ikeda ci ricorda che sentire e vedere non sono due attività separate nella coscienza.

Luca Scarzella - Sandglasses

Nelle ultime giornate del festival assistiamo a Sandglasses, una performance per 4 violoncelli, live electronics e video. Sandglasses è un lavoro di grande impatto scenografico, che usa la tecnica del mapping per proiettare i video su 4 superfici cilindriche di tulle, ognuna delle quali ospita al suo interno ogni singolo musicista. Inizialmente i video di Luca Scarzella sembrano generati al computer, ma in seguito scopriamo che si tratta di fenomeni reali ripresi da una camera. Ciò nonostante, il ritmo della performance non convince del tutto.

La Michael Nyman Band accompagna Šestaja čast’ mira di Dziga Vertov

Coinvolgente la proiezione del film Šestaja čast’ mira (1926) del regista e teorico dei media Dziga Vertov con le musiche di Michael Nyman eseguite dal vivo al Volksbühne. Nonostante la composizione di Nyman si riveli presto ripetitiva e semplicistica nell’insieme, l’audience è invitata a rivivere un’epoca passata e respirare l’autentica atmosfera del cinema muto. Il documentario riflette la personale poetica del regista sulla realtà sovietica di quegli anni, anche se intriso da chiare linee propagandistiche e politiche, in cui il capitalismo grida la sua agonia e le differenze etniche di tutta l’Unione Sovietica vengono esaltate.

La Michael Nyman Band accompagna Šestaja čast’ mira di Dziga Vertov

Va detto comunque che la pellicola fu commissionata dal governo per documentare le esportazioni e le importazioni commerciali della Russia. Vertov sfida il controverso mondo del documentario con inquadrature sperimentali, stop motion e usa le didascalie e il montaggio come elementi metalinguistici, capaci di sottolineare e aumentare il pathos nelle scene.

Valentina Scotti

www.berlinerfestspiele.de

CONDIVIDI
Valentina Scotti
Valentina Besegher Scotti (Milano 1976) video artista, live video performer e graphic designer, vive e lavora a Berlino. Diplomata in tecniche di produzioni multimediali, focalizza la sua ricerca sulla narrazione del mondo reale attraverso la decontestualizzazione onirica dei suoi elementi, sul sogno come racconto non lineare e fuori controllo della memoria. Usa diversi linguaggi iconografici e mixed media, come super8, 8mm., collage, fotografia, found footage. Dal 2005 è curatrice e art director di vjcentral.it, il primo portale italiano ad accesso pubblico dedicato al LiveMedia e al Vjing. Dal 2011 recensisce per Artribune eventi LiveMedia, audiovideo, experimental cinema e video art nell’area berlinese.
  • hm

    – Nonostante la composizione di Nyman si riveli presto ripetitiva e semplicistica nell’insieme –

    sì certo se michael nyman è ripetitivo (e non lo è) non voglio pensare cosa possano risultare alva noto e ikeda . anzi sì —-> r.o.b.a.c.c.i.a.

    Nicolai was born in Karl-Marx-Stadt, East Germany. His interest in sound and its physical qualities may be inspired by his childhood obsession with bats, whom as a child he believed he could communicate with. (sic)