Il cinema italiano degli ultimi vent’anni dimostra una rinnovata attenzione al reale, che richiama mostri sacri del calibro di Pasolini, Damiani e Rossellini.

Esiste nel cinema italiano degli ultimi vent’anni – accanto alle commediole inutili, ai noiosi drammi borghesi e alle disincantate riscoperte, fuori tempo massimo, di una dolce vita a cui è sottratta programmaticamente ogni amarezza – un filone particolarmente resistente di cinema della realtà: un cinema che usa il realismo, declinato in accezioni nuove e costantemente aggiornate, come chiave privilegiata per indagare il tessuto immaginario e l’identità collettiva nel suo mutamento. Il filone affonda naturalmente le sue radici nell’opera di Rossellini e nelle sue varie filiazioni poetiche (Rosi, Pasolini, Damiani): c’è dunque un neorealismo continuo, sotterraneo, sommerso e sommesso che scorre nelle vene italiane, in alternativa al conformismo stilistico e tematico.

I FILM

Il capostipite può essere riconosciuto ne LaCapaGira (1999) di Alessandro Piva, che inaugurò la rappresentazione culturale e persino visiva di una Bari fino a quel momento del tutto sconosciuta, e di un Sud finalmente dislocato rispetto agli stereotipi turistici e sociali. Riemerge tra le pieghe e negli anfratti di questo ventennio, ogni tanto, un’Italia arcaica, al tempo stesso pre-moderna e post-storica, una prefigurazione di ciò che accadrà.
Gomorra (2008) di Matteo Garrone, trasposizione cinematografica del romanzo di Roberto Saviano, è stato senza dubbio un passaggio importante soprattutto perché rielabora un’intera estetica Anni Sessanta (Antonioni in particolare) e la adatta al secolo nuovo, e perché apre stilisticamente a quello che è il vero capolavoro dell’ultimo quindicennio: Reality (2012). Un film totalmente sospeso, che delinea i criteri di un realismo magico nostrano, che scarta continuamente tra il “mondo” e la sua “finzione”; un film capace di riattivare in chiave contemporanea i criteri che regolano il racconto e il teatro barocco (non è un caso, forse, che il film successivo di Garrone sia dedicato proprio a Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile).
Opere dunque come Gomorra, Henry (2010) di Piva, Reality, ACAB (2012) di Stefano Sollima e poi soprattutto il trittico formato da Lo chiamavano Jeeg Robot (2016) di Gabriele Mainetti, Indivisibili (2016) di Edoardo De Angelis e A Ciambra (2017) di Jonas Carpignano agganciano il senso profondo dell’Italia di oggi (che non è quello apparente, come sempre), illuminando le strutture dell’immaginario sociale e proiettandole al di fuori.
Destrutturando e mescolando i generi in chiave non postmoderna, creando in modi diversissimi un proprio spazio intimo, autonomo, questi film scelgono coraggiosamente – superando ostacoli produttivi e distributivi – di stare da un’altra parte, di continuare a guardare ossessivamente i frammenti ricomponendoli poi in una sorta di “realtà-acquario” (Longhi) e non lo spettacolo. Di “sporgersi”.

FAVOLE MORALI

Così, Indivisibili e A Ciambra sono due meravigliosi racconti contemporanei di formazione: le gemelle siamesi Daisy e Viola e il giovanissimo Pio cercano faticosamente di costruire la propria identità in contesti difficili e magici, caparbiamente alieni a qualunque forma di normalizzazione e standardizzazione (Castel Volturno e il golfo di Gaeta da una parte, la comunità rom di Gioia Tauro dall’altra). Luoghi periferici, micro-comunità impenetrabili si aprono a mostrare un’umanità irriducibile, fatta di relazioni preziose e di legami che si sviluppano quotidianamente. Pervade queste opere un’atmosfera malinconicamente e insolitamente apocalittica, il senso delle macerie e delle rovine che costellano una civiltà perduta (l’Italia dei decenni scorsi, del boom e di una prosperità tradita, o mai pienamente raggiunta), di una fine che non smette ancora di finire, mentre il nuovo inizio avanza, prende corpo, si manifesta.
Comunità religiose, case di immigrati e di poveri, circuiti chiusi e sacche di resistenza permettono al tempo di fiorire, di trasformarsi, di evolvere. E questo cinema permette di catturare in presa diretta – come in altri momenti storici del nostro Paese – questa realtà spesso invisibile, nonostante sia costantemente sotto i nostri occhi.
Sono favole morali, solo apparentemente oscure, che rendono conto di una transizione epocale: e – quel che più importa – sono favole costruite attraverso un processo collaborativo e collettivo, un lavoro di ricerca che ha impegnato, e sta ancora impegnando, registi scrittori attori cantanti artisti visivi nell’elaborazione di un linguaggio, di un’estetica, di un codice. E persino di un nuovo modo di fruire e recepire questo linguaggio.

Christian Caliandro

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #43

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
AutoriAlessandro Piva , Matteo Garrone, Giovanni Sollima
CuratoreEdoardo De Angelis
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).