Nasce Cannes Series: la Croisette celebra con un festival il mondo delle serie tv

Ottima intuizione o tempo perso? Dalla Francia e da Cannes un nuovo progetto che coinvolge la creatività seriale e il mercato dell’audiovisivo. Competizione, incontri e serie inedite provenienti da tutto il mondo.

cannes series
Il festival Cannes Series che si svolgerà dal 4 all’11 aprile 2018 a Cannes

La Croisette di Cannes rappresenta in un certo senso il luogo cinematografico per eccellenza. Il posto dove la settima arte si celebra e dove transitano i suoi maggiori esponenti. Questa volta però la notizia non riguarda la prossima edizione del Festival di Cannes, ma il primo evento serio dedicato alle serie tv. Cannes Series, che si svolgerà dal 4 all’11 aprile 2018 mira a diventare un evento essenziale per la serialità mondiale, come afferma la sua presidente Fleur Pellerin. Si tratta dell’ex ministra della Cultura e della Comunicazione Francese nel secondo governo Valls, a capo del festival in tandem col Direttore Generale Benoît Louvet.

cannes series
Il festival Cannes Series che si svolgerà dal 4 all’11 aprile 2018 a Cannes

IL FESTIVAL

Cannes Series è stato presento lo scorso autunno a Roma durante il MIA (Mercato internazionale dell’audiovisivo). Nei mesi passati se ne parlava in questi termini: “sarà un evento inclusivo e partecipativo aperto a tutto il pubblico, che potrà assistere alle proiezioni e alle conferenze che si terranno in tutte le sale cinematografiche della città per votare le serie preferite. In totale il festival ospiterà più di duecento free screenings, incluso un all-night-event chiamato La Notte dei Serivori. Il nuovo festival proporrà una selezione ufficiale e una sezione competitiva assieme alle web serie e la giuria sarà composta da cinque persone. Le cerimonie di apertura e di chiusura saranno trasmesse da Canal Plus, partner del festival”. Un’altra volta la Francia mostra il suo passo in avanti verso la cultura e l’audiovisivo e con Cannes Series mette “in piazza” un’ottima opportunità di ulteriore visibilità e conquista del mercato seriale, non più visto come sottogenere. Secondo Fleur Pellerin, Cannes Series si presenta come progetto coerente: un po’ glamour, alla presenza di un mercato, legato alla formazione tramite la partnership con l’Università del posto e con l’UCLA per l’avvio di uno studio approfondito riguardo tecniche narrative televisive e seriali. Cannes Séries diventerà un festival/evento di riferimento? È molto probabile, in quanto al centro del progetto c’è una passione comune per le serie e una forma di amore per questo genere creativo.

cannes series
Il festival Cannes Series che si svolgerà dal 4 all’11 aprile 2018 a Cannes

I PROGRAMMI

Cannes Series 2018 propone tre programmi distinti: la competizione ufficiale con dieci serie in concorso le quali proiezioni sono gratuite e si svolgeranno all’interno dell’Auditorium Lumiére, serie inedite e alla prima stagione con presenza del cast in sala; la sezione Addict che prevede 50 proiezioni gratuite aperte a tutti nei cinema della città,  incontri con talent e una serata di maratona il 5 aprile; la parte Digital, ovvero una gara di cortometraggi. Cannes Series prevede anche una quarta parte, dedicata allo sviluppo e alla scrittura della serialità, mentre la giuria del Concorso è così composta: Harlan Coben (presidente), Paula Beer, Audrey Fouche, Melisa Sozen, Cristobal Tapia De Veer e Michael Kenneth Williams. Tra le dieci serie in competizione una è italiana, Il Cacciatore, le altre sono: Aquin en la tierra, Felix, Killing Eve, Miguel, Mother, State of Happiness, The Typist, Undercover e When Heroes Fly. Cannes Series è pronta a partire a portare con sé tutta la serialità dal Canada all’India, dalla Colombia alla Spagna. Una scommessa di serialità che su carta si propone come una grande kermesse “d’altri tempi”.

–  Margherita Bordino

http://canneseries.com/fr/

CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.