I Fratelli Wachowsky tornano in sala

Nei cinema italiani arriverà il 13 gennaio. “Cloud Atlas” è il nuovo film dei fratelli Lana (fu Larry) e Andy Wachowsky. Negli Stati Uniti è già cult. Mentre loro lavorano già alla prossima pellicola.

Larry e Andy Wachowsky + Tom Tykwer - Cloud Atlas

Sono passati poco più di dieci anni da quando i due fratelli dell’Illinois, Larry e Andy Wachowsky, carpentieri e fumettisti a tempo perso, conquistavano il mondo col primo episodio di Matrix. A breve anche in Italia arriverà la loro ultima opera, che si è guadagnata dieci minuti di applausi all’ultimo Toronto Film Festival.
Cloud Atlas, dall’omonimo romanzo di David Mitchell, è uno sci-fi di due ore e mezza, labirintico e ipnotico abbastanza da lasciare incollato allo schermo il più scettico degli spettatori. Presente, passato e futuro qui si incontrano come in tunnel spazio-temporale, influenzandosi a vicenda fino a un epilogo distopico. Cast stellare con Tom Hanks che capitana la truppa composta, fra gli altri, da Halle Berry, Jim Sturgess e Ben Whishaw. Firma la regia anche il tedesco Tom Tykwer: venuto alla ribalta internazionale con l’acclamato Lola corre del 1998, nel 2006 ha diretto la trasposizione cinematografica del romanzo di Patrick Suskind, Profumo.

I fratelli, da grandi estimatori di Tolkien, hanno tra i loro prossimi obiettivi quello di portare la serialità al cinema e sorprendere il pubblico con l’inatteso. In parte Larry ci è già riuscito e, dopo un matrimonio di nove anni e la relazione con la nota dominatrix Ilsa Strix, ha cambiato sesso e capelli per diventare “Lana dai rasta rosa shocking”…
Tra gossip e alterazioni biografiche, il duetto di Chicago, noto col nuovo nickname “Wachowshy Starship“, è già all’opera sul set della prossima pellicola, un film di fantascienza dal titolo Jupiter Ascending che avrà per protagonisti Channing Tatum e Mila Kunis. Intanto l’uscita italiana di Cloud Atlas è prevista per il 13 gennaio e c’è da sospettare il cult.

Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.