La mafia che parla giapponese. Kitano al Lido di Venezia

“Outrage Beyond” di Takeshi Beat Kitano è il sequel di “Outrage”, riprende il racconto sulla Yakuza laddove finiva il primo film. Un poliziotto manipolatore innesca una lotta di potere tra le due maggiori famiglie mafiose. Segue ecatombe. Difficilmente riceverà un Leone alla Mostra del Cinema di Venezia.

Takeshi Kitano - Outrage Beyond

Nandayo!!” La famiglia Sanno è diventata una enorme organizzazione criminale, espandendo i suoi tentacoli in politica e in affari legali. Poiché è ora guidata da un giovane che si muove nell’ambito dell’alta finanza, la vecchia guardia comincia a provare risentimento per essere stata messa da parte.
La vulnerabilità del momento è colta dal detective anti-gang Kataota, che ne approfitta per scatenare una reazione a catena. Con l’intenzione di istigare un conflitto tra i Sanno e gli Hanabishi, i loro segreti alleati, affinché si sterminino a vicenda, il subdolo detective riesce a far credere che il presidente Kato ha ottenuto il potere con un imbroglio. Ma ancora non ha usato il suo asso nella manica. Otomo alias Takeshi, boss di una famiglia sterminata dai Sanno, viene rilasciato dalla prigione con anticipo. Ciò determina la forte tensione dei Sanno, specialmente di Ishihara, il cui tradimento ha portato Otomo in galera.

Parte una caccia all’uomo il cui bersaglio è Otomo, ma lui non ha intenzioni vendicative. Non vuole neanche più essere uno yakuza. Kataota riesce tuttavia a convincere Otomo in una collaborazione con la polizia contro i Sanno. A questo punto Otomo e Kimura, sottocapo di un’altra famiglia sterminata dai Sanno e colpevole del colpo di grazia per l’incarcerazione di Otomo, si alleano.
Il primo quarto d’ora è davvero difficile da seguire, poi si entra nell’azione: Kitano delizia la platea con inverosimili sparatorie, un sound design a base di trapani, torture giapponesi, squash di coltelli e macelleria varia senza scivolare nello splatter. Il film si attarda nelle minuzie per descrivere il meccanismo complesso di tradimenti, sotterfugi e doppi giochi, dove non è mai chiaro chi dovrà soccombere per mani di chi.

Takeshi Kitano – Outrage Beyond

Giocato in ambienti bui e chiusi con l’eccezione di qualche scena in strade vuote e, comunque, fuori dal centro cittadino, espone un universo grigio e senza sorriso, dove i personaggi si confondono. Solo Kitano rimane memorabile nel suo cinico umorismo, con un finale che calza a pennello nella sua asciutta spietatezza. Ma senza lo smalto di una volta.

Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • Massimiliano

    E cmq, non vedo l’ora di vederlo!

  • maria

    peccato:…. senza lo smalto di una volta.

  • Manda

    vorrei vederlo anch’io al più presto…