Una cena per ricordare Mariuccia Mandelli. Il film da cui parte il rilancio del brand Krizia

Nello spazio di Via Manin sono passate le più influenti personalità della moda, dell’arte e dello spettacolo. Nel video gli amici di Mariuccia Mandelli raccontano tutta l’innovazione e l’intraprendenza che ha rappresentato la griffe.

Print pagePDF pageEmail page

“Va a parlare a un cinese del Mediterraneo, culla della civiltà” concludeva, con una predizione apocalittica, Tony Musante in Metti una sera a cena. Se avesse saputo che, invece di lanciare bombe atomiche sull’Italia, i cinesi avrebbero preferito convertirsi al Made in Italy, forse sarebbe stato meno negativo.
Si chiama Zhu Chongyun l’imprenditrice cinese che ha comprato il marchio Krizia ed è la terza donna più ricca e potente del Paese. Ex ingegnere, è la fondatrice dell’azienda Shenzen Marisfrolg Fashion e nei prossimi anni prevede il rilancio della griffe italiana con nuovi spazi mono marchio in mezza Cina, in Europa, Giappone e Usa. Per il suo primo esordio da erede sulle passerelle in febbraio, nello spazio Krizia di via Manin, si è celebrato il passaggio di testimone con un omaggio intimo al ricordo di Mariuccia Mandelli.

IMMOLARE LA MODA ALL’ALTARE DELL’ARTE
La stilista milanese, venuta a mancare di recente, è stata fra le prime ad aprire la moda all’arte e alla cultura. Durante una cena virtuale, trenta invitati hanno ricostruito la storia di Milano, attraverso le pareti che li ospitavano e dove negli anni si è discusso d’arte, di design, di letteratura e di moda. Racconti di aneddoti come quando, a sette giorni dalla morte, arrivò inaspettatamente Andy Warhol dopo la visita al “suo” Cenacolo pop. Tra i presenti alla serata Gillo Dorfles, Beppe Modenese e Giovanni Gastel, Mariuccia Casadio, Aldo Colonetti e Flavio Caroli: tutti a immaginare il futuro che si profila dopo l’acquisizione cinese. Ecco il video, in un elegantissimo bianco e nero dagli echi felliniani.

– Federica Polidoro

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community