Prima assoluta per il nuovo film di Invernomuto. Al Cinema Trevi di Roma la proiezione, su Artribune le immagini in anteprima

Print pagePDF pageEmail page

Invernomuto, Negus, video still 17
Il racconto sull’Africa di Invernomuto, ovvero Simone Trabucchi e Simone Bertuzzi, ha inizio nel 2013. È un’Africa che parla di colonialismo, con un’attenzione particolare per quello italiano e per la sua presentazione esterna, dai film di propaganda alle retoriche fasciste fino a quelle del primo e del secondo dopoguerra. La ricerca del duo di artisti, insieme dal 2003, continua e trova compimento con un nuovo film che sarà presentato in anteprima assoluta a Roma, al Cinema Trevi, in un incontro a cura di Alessandra Mammì e promosso dalla Cineteca Nazionale della Capitale, che si terrà venerdì 11 marzo alle ore 20.30, con la partecipazione del critico cinematografico Roberto Silvestri. Si intitola Negus ed è un lungometraggio che va ad aggiungersi alla lunga serie di mostre, installazioni, percorsi sonori e visivi realizzati sotto lo stesso nome.

LA STORIA
La narrazione ha inizio a Vernasca in Emilia Romagna, luogo di nascita degli autori e da un aneddoto locale, tramandato di padre in figlio, che vede protagonista un soldato sfuggito dalla guerra etiope. Tornato finalmente in patria, questi viene accolto con un pupazzo raffigurante Haile Selassie I, il Negus di Addis Abeba. Il film è da intendersi inoltre come un progetto generazionale che dimostra come i nati negli anni ’80 si confrontano con questo tema, senza la fascinazione che colpì i loro padri e nonni e con la mediazione delle pellicole dell’epoca, in un percorso tra documentazione e linguaggio artistico. La serata comincia alle 16 con la proiezione di Africa Addio di Gualtiero Jacopetti (1966) e de Lo Squadrone Bianco di Augusto Genina (1936). Ma ecco le immagini in anteprima del film.

Per prenotarsi: salatrevi@fondazionescs.it

www.fondazionescs.it

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community