Terra alla terra. Stefania Pennacchio a Milano

Esh Gallery, Milano – fino al 17 aprile 2016. La galleria si presenta come un’ostensione di offerte votive. Sculture fittili sospese su basi metalliche. La memoria, che racchiudono all’interno, e che fanno emergere sulle superfici screziate, è quella del mare. Il Mediterraneo diventa un paesaggio di richiamo per ricreare tracce di una forma nuova di civiltà.

Print pagePDF pageEmail page

Stefania Pennacchio – Hydros - installation view at Esh Gallery, Milano 2016 - photo D21

Stefania Pennacchio – Hydros – installation view at Esh Gallery, Milano 2016 – photo D21

La personale di Stefania Pennacchio (Varese, 1969), dal titolo Hydros: sacre memorie femminili, si presenta come una raccolta difforme, composta da una ventina di sculture in ceramica sperimentale, ottenute grazie all’antica tecnica giapponese Raku. Come lanterne sacre, dalle volumetrie irregolarmente cubiche, alcune sono state illuminate dall’interno attraverso luci LED, che non surriscaldano le pareti fittili. Quasi fossero offerte votive, elmi e busti di antiche divinità apparenti, le sculture si contendono gli spazi di Esh Gallery, trasformandosi in oggetti transustanziali, reperti contemporanei che, tra sfere di ceramica, gioielli, piccoli oggetti e forme dalle matrici classiche, scambiano le loro origini con i segni di un tempo non ancora passato. Particolarmente curiose risultano, inoltre, le tonalità degli smalti, che, nella fusione, creano iridescenze e trasparenze inattese.

Ginevra Bria

Milano // fino al 17 aprile 2016
Stefania Pennacchio – Hydros: sacre memorie femminili
ESH GALLERY
Via Forcella 7
02 56568164
[email protected]
www.eshgallery.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/51530/stefania-pennacchio-hydros-sacre-memorie-femminili/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community